Gli astronomi indiani studiano come l’emissione del sole influenzi il clima spaziale

Le espulsioni di massa coronale sono una delle più grandi eruzioni vulcaniche dalla superficie del Sole che può contenere un miliardo di tonnellate di materia accelerata a diversi milioni di miglia all’ora nello spazio.

Il team ha studiato i sistemi di Educazione Medica Continua (CME) e gli ICME a terra. (Immagine: Getty)

La meteorologia spaziale è uno degli eventi extraterrestri più dinamici che ha implicazioni non solo per il carico utile che opera in orbita ma anche per le reti di comunicazione terrestri. Un nuovo studio ora fa luce su come le condizioni e gli eventi nell’atmosfera solare, come le espulsioni di massa coronale, influenzino l’accuratezza delle previsioni meteorologiche spaziali.

Lo studio aiuterà l’imminente missione Aditya L1 verso il sole dell’Indian Space Research Organization (ISRO) il cui lancio è previsto per il prossimo anno.

Un team di astronomi guidato dal dottor Wageesh Mishra dell’Istituto indiano di astrofisica (IIA), Bengaluru, ha dimostrato che le proprietà del plasma e i tempi di arrivo della Terra dal Sole possono variare notevolmente. Pubblica la ricerca negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society Si basa sullo studio delle osservazioni delle strutture dell’espulsione di massa coronarica interplanetaria (ICME) nel corso del 2011.

Il team ha studiato le masse coronali espulse e gli ICME guidati dalla Terra utilizzando i dati del veicolo spaziale STEREO della NASA e del Coca-Craft di LASCO situato vicino al primo punto lagrangiano (L1) sulla linea Sole-Terra. Gli astronomi hanno ricostruito una vista 3D dei CME e ICME che si sono verificati l’11 marzo e hanno raggiunto la Terra il 6 agosto 2011.

Gli astronomi hanno studiato le differenze nelle dinamiche, nell’ora di arrivo, nei parametri del plasma e del campo magnetico delle strutture ICME nei punti dell’eliosfera in cui si trovano i vari satelliti. Hanno mostrato che il sole emette un flusso continuo di particelle cariche chiamato vento solare e hanno scoperto che le proprietà del plasma e i tempi di arrivo dello shock guidato da CME, che si propaga in un mezzo precondizionato, potrebbero essere diversi in diverse posizioni longitudinali nel diverse posizioni longitudinali in Mishra ha detto.

Lo studio evidenzia le difficoltà nel collegare le osservazioni ICME locali da un singolo veicolo spaziale in situ alle loro strutture globali e dimostra che la previsione accurata di grandi strutture CME in qualsiasi parte dell’eliosfera è impegnativa.

Il nuovo studio arriva settimane dopo che Chandrayaan-2 ha esaminato gli strati interni del sole e gli scienziati hanno misurato il campo magnetico di un’eruzione dall’atmosfera solare.

Le espulsioni di massa coronale sono una delle più grandi eruzioni vulcaniche dalla superficie del Sole che può contenere un miliardo di tonnellate di materia accelerata a diversi milioni di miglia all’ora nello spazio. Questo materiale solare scorre attraverso il mezzo interplanetario, influenzando qualsiasi pianeta o veicolo spaziale sul suo cammino. Quando un CME davvero potente colpisce la Terra, può danneggiare l’elettronica dei nostri satelliti e interrompere le reti di radiocomunicazione sulla Terra.

Clicca qui per la copertura completa di IndiaToday.in sulla pandemia di coronavirus.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il primo ministro Modi e il presidente francese Macron discutono della cooperazione indo-pacifica e della crisi in Afghanistan | Notizie dall’India
Next Post Quote, scelte, come guardare, in diretta Inter-Fiorentina: i pronostici del 21 settembre dalla Serie A