Gli astronomi hanno scoperto il primo esopianeta possibile al di fuori della nostra galassia | astronomia

Un potenziale pianeta delle dimensioni di Saturno identificato nella lontana galassia Whirlpool potrebbe essere il primo esopianeta scoperto al di fuori della Via Lattea.

Il pianeta extrasolare Il filtro sembra orbitare attorno a una binaria di raggi X, costituita da una stella normale e da una stella o buco nero che collassa, con la sua distanza da questa binaria approssimativamente equivalente a quella di Urano dal Sole.

La scoperta apre una nuova finestra per la ricerca di esopianeti – pianeti che orbitano attorno a stelle al di fuori del nostro sole – a distanze maggiori che mai. Sebbene finora siano stati scoperti quasi 5.000 esopianeti, si trovano tutti nella Via Lattea, a meno di 3.000 anni luce dalla Terra.

Un esopianeta nella galassia a spirale Messier 51 (M51) – chiamato anche Galassia Whirlpool a causa della sua forma distintiva – si troverebbe a circa 28 metri luce di distanza.

La dottoressa Roseanne Di Stefano del Centro di Astrofisica dell’Harvard e della Smithsonian University di Cambridge, negli Stati Uniti, che ha guidato la ricerca, ha dichiarato: “Dal 1850, si pensava che le nebulose oscure distanti, ora chiamate galassie, fossero universi insulari: grandi, ammassi stellari legati gravitazionalmente. È come la nostra casa, la Via Lattea. La nostra scoperta di pianeti candidati… ci dà la nostra prima occhiata ai gruppi più esterni di sistemi planetari, estendendo le ricerche di pianeti a distanze quasi 10.000 volte superiori”.

Immagine composita di M51 con raggi X di Chandra (viola e blu) e luce ottica del telescopio Hubble della NASA (rosso, verde e blu). La casella indica la posizione del pianeta candidato, una binaria a raggi X nota come M51-ULS-1. L’immagine è stata ruotata di 90 gradi in senso orario. Foto: Raggi X: NASa/CXC/SAO/R. Distefano et al; Ottica: NASa / ESA / STScI / Grendler

Di Stefano e colleghi hanno scoperto questo utilizzando l’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA, cercando un caratteristico calo della luminosità dei raggi X causato da un pianeta che passa davanti alla binaria di raggi X.

Questi sistemi luminosi in genere contengono una stella di neutroni o un buco nero che attira gas da una stella compagna in orbita stretta, in questo caso una stella circa 20 volte la massa del Sole. La materia vicino a una stella di neutroni oa un buco nero diventa molto calda e brilla di raggi X.

Il segnale che hanno rilevato è durato per circa tre ore, durante le quali l’emissione di raggi X è scesa a zero. Sulla base di questa e di altre informazioni, Di Stefano e colleghi stimano che l’esopianeta candidato avrebbe all’incirca le dimensioni di Saturno, in orbita attorno a una stella di neutroni o a un buco nero a circa il doppio della distanza dal Sole, all’incirca equivalente all’orbita di Urano. La ricerca è stata pubblicata in astronomia naturale.

Per quanto entusiasmante sia questa scoperta, sono necessari più dati per confermare che l’oggetto è davvero un esopianeta extragalattico. Una sfida è che la grande orbita dell’oggetto significa che non attraverserà più le binarie a raggi X per circa 70 anni.

“Sfortunatamente, per confermare che vediamo un pianeta, dovremo probabilmente aspettare decenni per vedere un altro transito”, ha detto la coautrice Nia Imara dell’Università della California, Santa Cruz. “A causa dell’incertezza su quanto tempo ci vorrà per orbitare, non sapremo esattamente quando guardare”.

Se un pianeta fosse realmente esistito in questo sistema, probabilmente avrebbe attraversato un passato violento. Qualsiasi esopianeta nel sistema avrebbe dovuto sopravvivere alla catastrofica esplosione di una supernova che ha creato la stella di neutroni o il buco nero da una stella preesistente. Il futuro potrebbe anche essere pericoloso, perché ad un certo punto la stella compagna potrebbe anche esplodere e distruggere il pianeta con livelli di radiazioni molto elevati.

La ricerca di transiti di raggi X nella Via Lattea e di altre sorgenti di raggi X extragalattiche potrebbe portare alla scoperta di altri esopianeti candidati in ambienti insoliti.

READ  Rischio di infarto: la bevanda che può migliorare la salute cardiovascolare
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Quote Milan vs Torino, scelte degli esperti, come guardare, live streaming: pronostici Serie A 26 ottobre
Next Post LeBron James esplode per il punteggio perfetto di Iman Shumpert in “DWTS”