Gli artisti di Crypt condividono come gli strumenti Web3 consentono diverse esperienze del mercato dell’arte

Gli artisti di Crypt condividono come gli strumenti Web3 consentono diverse esperienze del mercato dell’arte

Le tecnologie Web3 emergenti stanno incoraggiando gli artisti della vecchia scuola a sperimentare con i media creativi in ​​modi unici e a distribuire l’arte digitale attraverso reti globali decentralizzate.

rappresenta l’economia creativa 4,4% del PILSecondo i dati pubblicati nel 2021 dal National Endowment for the Arts e dal Bureau of Economic Analysis, si tratta di poco più di 1 trilione di dollari. E ora l’economia creativa è anche un caposaldo fondamentale dell’economia delle criptovalute. Innumerevoli gruppi tecnologici favorevoli a EthereumETH, in particolare, stanno ancora facendo crescere le loro comunità nonostante il mercato ribassista.

Impronta aziendale di CryptoArt

Una di queste comunità è papà, un ecosistema di oltre 175.000 partecipanti creato da due fondatrici, Beatriz Ramos e Judy Mam. Lungi dall’essere una moda crittografica, DADA è una comunità artistica della vecchia scuola che celebrerà il suo decimo anniversario il prossimo anno. Il giubileo inizia a maggio a Milano con una mostra speciale – “Prospettiva DADA– A cura dell’artista Web3 Eleonora Brizzi presso il MEET Center for Digital Culture in Italy.

La mostra attingerà dalla ricca storia lavorativa del gruppo e aggiungerà nuove dimensioni. Ad esempio, DADA ha collaborato con il robotico Alex Reben per programmare un robot AI nel 2019, utilizzando il pool di 115.000 DADA. Dadaganviene riavviato come artista indipendente in residenza in tempo per la mostra italiana e avrà una presenza unica sui social media.

Gli artisti Ramos e Mam hanno lanciato per la prima volta la piattaforma digitale DADA nel 2014 e poi hanno introdotto la tecnologia blockchain nel loro lavoro a partire dal 2017. L’entità con sede a New York è stata uno dei primi progetti artistici a tokenizzare le royalty nei contratti intelligenti di Ethereum, consentendo ai creatori di trarne profitto dal mercato delle vendite secondarie. Molto prima che la mania NFT catturasse l’attenzione del pubblico con CryptoKitties, la raccolta “Creeps & Weirdos” di DADA è stata rilasciata su Ethereum per Halloween 2017.

papà È modellato sul movimento artistico Dada dell’inizio del XX secolo, che ha cercato di interrompere una società artistica borghese e capitalista che avvantaggiava pochi elite. In un’intervista con me, Mam ha descritto la piattaforma come una “gigantesca tela aperta” dove gli artisti parlano attraverso i disegni. L’aggiunta della tecnologia Web3 al mix potrebbe favorire collaborazioni aperte tra artisti che esplorano il genere.

L’economia nascosta

Come primi ad adottare la criptovaluta, afferma Mam, i fondatori di DADA erano determinati a non creare uno spazio che “ripeta le dinamiche del tradizionale mercato dell’arte”. Ha aggiunto che le opere d’arte centrali di oggi sono la corsa al successo che sceglie vincitori e vinti in base a tendenze, concorrenza e accesso. Invece lo è Gruppo DADA Mira a utilizzare gli strumenti Web3 per avventurarsi “oltre la mera prospettiva di trattare risorse digitali”. L’arte deve sovvertire se stessa o mettere in discussione le dinamiche di potere nell’economia creativa.

Questi fondatori sono artisti latini esperti che hanno lavorato con aziende Fortune 500, Ramos come illustratore commerciale e Mam come scrittore pubblicato. Tuttavia, volevano che DADA fosse tutt’altro che commerciale. Invece, Mam afferma che stanno esplorando una “economia invisibile” che utilizza modelli non commerciali per promuovere l’arte in modi che riducono la disuguaglianza promuovendo la partecipazione del pubblico. È qui che entrano in gioco gli strumenti Web3.

Il collettivo DADA mira a lanciare un token entro la fine dell’anno che potrebbe aiutare a identificare “un valore intangibile, oltre il semplice valore economico”, ha detto Ramos durante un comunicato stampa. Forum Blockchain Small Business Week nel maggio 2021. Invece di concentrarsi principalmente sul prezzo del token, Mam mi ha detto che il token avrebbe consentito la gestione comunitaria del mercato dell’arte digitale non tradizionale. Tuttavia, il collettivo DADA non è un’organizzazione autonoma decentralizzata. Sperimenteranno strutture di voto che consentano una partecipazione ottimale.

Incorporazione di nuove tecnologie

Questa esperienza sta già interessando il mondo dell’arte. Il libro appena pubblicato,”La storia degli NFT: artisti, tecnologia e democraziaScritto da Amy Whitaker e Nora Burnett Abrams, Un tributo all’influenza DADA e documentando il loro primo viaggio nello sfruttare la tecnologia Blockchain per potenziare e costruire la società. Tuttavia, Mam e Ramos non sono certamente soli nel loro approccio innovativo all’integrazione delle esperienze artistiche con le nuove tecnologie.

C’è anche coefficiente spazialeIl CEO Driss Sandou progetta l’infrastruttura per eseguire Web3, integrando prodotti fisici con strutture digitali. La loro tecnologia all’avanguardia consente ai creatori di sfruttare le risorse digitali per curare interfacce utente coinvolgenti per massimizzare la generazione di entrate.

Artista dei nuovi media e della cultura, Lady Phoenix ha aperto nuove strade nel 2021 quando ha svelato “prove di sovranitàChristie’s: oltre agli smart contract, ha combinato metadati, archiviazione e standard legali per progettare l’arte crittografica e il coolness NFT. Christie ha detto in un comunicato stampa“Proving Sovereignty pone la sovranità e l’eredità dell’artista al centro della conversazione – e ha stabilito un nuovo standard per artisti, collezionisti e istituzioni… Queste pratiche sono raramente implementate al di fuori dei musei e del mondo accademico, ma sono essenziali per la conservazione a lungo termine e archiviazione di arte digitale”, ha affermato Lady Phoenix.

Con le industrie creative tradizionali ancora sconvolte, l’imminente mostra DADA in Italia, che aprirà il 10 maggio, è una retrospettiva giusto in tempo per celebrare la cultura della cripto-arte che le due istituzioni hanno costruito in quasi un decennio. Artisti come Beatriz Ramos e Judy Mam, così come fondatori come Lady PheOnix e altri gruppi artistici esperti di programmazione, mostrano come le forme digitali possono trasformare l’economia creativa.

Seguimi Cinguettio O linkedin. pagando per me sito web.

READ  Disoccupazione e ricadute: The Tribune India

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *