Gli alimenti che stimolano il cervello a mangiare troppo e continuamente – Buzznews

Gli alimenti che stimolano il cervello a mangiare troppo e continuamente – Buzznews

Una dieta ricca di grassi può influenzare la regolazione del consumo di cibo da parte del cervello. Secondo uno studio recente, condotto da ricercatori dell’Università di Milano, si è scoperto che un’elevata assunzione di grassi può alterare i segnali tra il cervello e l’intestino, responsabili della regolazione del consumo di cibo.

Gli astrociti, cellule cerebrali di supporto ai neuroni, sono state identificate come i principali responsabili di questa regolazione. Essi inviano segnali al cervello per indicare quando il corpo è sazio, ma una dieta troppo ricca di grassi può interrompere questi segnali, portando a un consumo incontrollato di cibo.

Pertanto, è importante prestare attenzione alla qualità della dieta per garantire una regolazione ottimale dell’assunzione di cibo. Evitare cibi processati e trasformati è essenziale, in quanto questi contengono spesso elevate quantità di grassi e additivi che possono influenzare negativamente i segnali degli astrociti.

È consigliabile leggere attentamente l’etichetta degli alimenti industriali o preparati e scegliere quelli con l’elenco degli ingredienti più breve, preferibilmente con una minore quantità di grassi. Inoltre, è importante tenere in considerazione che gli alimenti che saziano di più sono quelli ricchi di grassi e proteine rispetto ai carboidrati.

Anche le dimensioni delle porzioni possono influenzare la sensazione di sazietà. Utilizzare stoviglie più piccole e servirsi sempre una porzione in un piatto o una ciotola più piccoli può aiutare a moderare l’assunzione di cibo.

Infine, è necessario fare attenzione ai segnali di sazietà anche con le bevande. Limitare i succhi di frutta, le bevande gassate zuccherate, gli alcolici e le bevande “zero” con dolcificanti artificiali è fondamentale per mantenere un equilibrio nella regolazione del consumo di cibo.

READ  Como: curiosità dal ritiro. Dalla palestra sul campo alla segheria - Buzznews

In conclusione, priorizzare una dieta sana e bilanciata, evitando cibi ricchi di grassi e additivi, prestare attenzione alle dimensioni delle porzioni e seguire uno stile di vita attivo e sano, può contribuire a una migliore regolazione del consumo di cibo da parte del cervello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *