Gli africani accolgono con favore il nuovo vaccino contro la malaria. Ma è un “punto di svolta”?

“Un vaccino salva vite ma non sarà un proiettile d’argento”, ha affermato il dottor Githengi Gitah, CEO di Amref Health Africa, un’organizzazione non governativa.

Il vaccino, chiamato Mosquirix, prende di mira il parassita della malaria più mortale e più comune in Africa – Plasmodium falciparum. Mentre i vaccini sono “un’enorme aggiunta al controllo della malaria”, ha affermato il dott. Gitahy, i funzionari sanitari devono ancora implementare la “strategia del formaggio svizzero”, che include zanzariere trattate con insetticida e irrorazione interna.

Faith Walucho è la madre di un bambino di 11 mesi a cui è stata recentemente diagnosticata la malaria. La 29enne commerciante di abbigliamento di seconda mano di Kisumu, nel Kenya occidentale, ha affermato di aver ricevuto “con grande piacere” notizia dei vaccini. In Kenya il numero dei decessi per malaria è stimato a 10.700 Registrati annualmente, e Kisumu, sulle rive del Lago Vittoria, ha uno dei più alti tassi di malaria Aree in cui è stato testato il vaccino.

“Corro” a prenderlo, disse la signora Walucho, non appena riuscì a ottenere una pozione per sua figlia.

Nella capitale del Malawi, Lilongwe, Jenala Mwafulirawa, 52 anni, madre di cinque figli, ha accolto con favore la notizia del vaccino, affermando che molti bambini della sua famiglia sono stati persi a causa della malattia, in particolare nelle aree rurali dove hanno accesso all’assistenza sanitaria. limitato.

“Questo vaccino è arrivato al momento giusto”, ha detto.

Ma in alcuni luoghi, le persone hanno espresso scetticismo sul vaccino, in parte a causa della sfiducia nei confronti dell’Organizzazione mondiale della sanità.

“Mi chiedo perché vogliono aiutare l’Africa”, ha detto Mamadou Tonkara, 40 anni, insegnante nella capitale senegalese, Dakar. Si chiedeva perché l’OMS non avesse invece finanziato sistemi igienico-sanitari migliori. “Se l’Organizzazione mondiale della sanità vuole aiutare a sradicare questa malattia, può farlo senza un vaccino”.

READ  La bellissima scultura ossea di 51.000 anni fa sta cambiando la nostra visione dei Neanderthal

Tuttavia, i funzionari della sanità pubblica affermano che il vaccino, in sviluppo da oltre 30 anni, ha già dimostrato di essere un’arma importante nella guerra contro la malattia.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’Italia ha riaperto le discoteche e allentato le regole Covid per teatri e cinema,
Next Post Foto con Andy Cohen – Hollywood Live