Gli abitanti dell’Alaska hanno raggiunto un numero record di COVID-19 poiché la scarsità di alcuni trattamenti dà la priorità a quelli più a rischio

L’Alaska è così a corto di forniture di alcuni dei suoi trattamenti per il COVID-19 che solo le persone più a rischio possono accedervi, il tutto mentre un numero senza precedenti di abitanti dell’Alaska si sta rivelando positivo durante l’attuale ondata di Omicron.

Venerdì, lo stato ha segnalato 5.508 nuovi casi di infezione tra residenti e non residenti negli ultimi due giorni. Ciò si divide in 2.598 casi mercoledì e 2.910 casi giovedì, ancora Record riportati all’inizio di questa settimana.

Il numero dei pazienti ricoverati in ospedale a causa del virus è leggermente aumentato a 87, rispetto agli 80 di mercoledì. Sebbene questa sia una frazione del record di ricoveri ospedalieri registrati lo scorso autunno, questa settimana gli amministratori ospedalieri affermano che le strutture si sentono ancora una volta stressate dall’alto numero di pazienti e dalla carenza di personale.

[Alaska shatters COVID-19 case record as omicron adds to growing strain on hospitals]

Ad Anchorage, la città più grande dell’Alaska, il tasso di casi è raddoppiato rispetto alla scorsa settimana e i residenti municipali rappresentano più della metà dei nuovi casi segnalati dal dipartimento sanitario statale. il Scuola di ancoraggio Al momento di venerdì pomeriggio sono stati segnalati 1.171 casi attivi tra oltre 49.000 studenti e personale, sebbene il dashboard distrettuale non includa tutti i casi monitorati dallo stato.

L’Alaska ha riportato due decessi aggiuntivi legati al virus venerdì, che includevano due residenti di Anchorage sulla sessantina. Dall’inizio della pandemia, 955 abitanti dell’Alaska e 32 non residenti nello stato sono morti a causa del virus.

Settembre e ottobre 2021 sono stati i mesi più mortali per l’epidemia fino ad oggi. Sebbene il numero di casi recenti abbia superato i record precedenti, i funzionari affermano che c’è qualche segno di un aumento di Omicron Potrebbe non essere grave Come un’onda delta in termini di ospedalizzazione o mortalità.

Tuttavia, la variante omicron porta con sé nuove sfide.

Terapie con anticorpi monoclonali È stato importante nel trattamento precoce dei pazienti COVID-19, in particolare quelli a rischio di malattie gravi, come le persone immunocompromesse. Ma due dei tre tipi di trattamenti con anticorpi monoclonali disponibili non sono efficaci contro l’omicron, mettendo pressione sulla fornitura di trattamenti efficaci.

Nel frattempo, anche il nuovo trattamento antivirale orale è raro, anche se per vari motivi, secondo il farmacista statale Coleman Cochins. Ha affermato che il farmaco orale è stato autorizzato solo di recente come trattamento per COVID-19 e non è stata ancora prodotta una quantità significativa.

La novità del farmaco e l’elevata domanda in mezzo al numero crescente di casi hanno portato alla scarsità del farmaco. Ma probabilmente non sarà così a lungo: è più facile aumentare la produzione di farmaci per via orale rispetto agli anticorpi monoclonali, che devono essere refrigerati al momento della spedizione e richiedono più tempo per essere prodotti, ha affermato Cochins.

La scarsità di alcuni trattamenti ha spinto l’Alaska Crisis Care Commission a raccomandare che i fornitori di trattamenti curativi diano la priorità alle persone con determinate condizioni mediche in livelli, con quelle più a rischio di malattie gravi da COVID-19 in cima.

L’ufficiale medico capo dello stato, la dott.ssa Ann Zinke, ha affermato questa settimana che è probabile che ci sia solo una quantità sufficiente di anticorpi monoclonali e nuovi trattamenti antivirali orali per le persone di primo grado.

Questo gruppo comprende coloro il cui sistema immunitario non risponde adeguatamente al vaccino o a precedenti infezioni a causa di condizioni di base, nonché le persone che non hanno ricevuto attualmente un vaccino e hanno 75 anni o più, 65 anni o più che hanno fattori di rischio o sono in gravidanza come raccomandato.

[Americans will be able to order free COVID-19 rapid tests starting Wednesday]

Le spedizioni di anticorpi monoclonali arrivano in cicli di una settimana, sufficienti per fornire a 13 siti di trattamento sei dosi ciascuna, per un totale di 78 dosi, ha affermato Cochins. La maggior parte degli stati ottiene piccoli stanziamenti, perché le terapie sono difficili da produrre e richiedono del tempo per aumentare la produzione.

Ha affermato che la situazione relativa al trattamento non è del tutto negativa: è possibile che la maggior parte delle persone vaccinate e potenziate non abbia bisogno di anticorpi monoclonali, inoltre ci sono due farmaci orali che funzionano anche contro COVID-19, Compresa la variante omicron, sebbene i dati siano limitati, secondo il National Institutes of Health.

“I farmaci per via orale stanno davvero cambiando il gioco”, ha detto.

L’iniezione di anticorpi, che richiede un ambiente endovenoso e sterile, è molto meno conveniente rispetto alla facilità di assunzione del farmaco per via orale. Ma i farmaci per via orale sono ancora rari per ora, anche se Cutchins ha detto che si aspetta di vederne di più rapidamente, anche nelle prossime due settimane e anche più di un mese da metà gennaio.

“Man mano che gli orali diventano sempre più disponibili, in realtà abbiamo un bisogno molto inferiore di farmaci monoclonali”, ha detto.

Jill Green, direttore delle operazioni presso un impianto di trattamento monoclonale appaltato dallo stato ad Anchorage, ha descritto la carenza di forniture giovedì mattina come una “situazione molto difficile”.

È iniziato il giorno dopo Natale, quando alle 16:00 la segreteria telefonica del suo telefono si è riempita, stavano restituendo quasi 50 pompe ogni giorno, sei giorni alla settimana. Entro giovedì, Green aveva solo 24 dosi, con sei già contate e solo una spedizione leggera prevista per la settimana successiva.

“È stata una grande nave che si è girata: le persone sono abituate ad avere quella rete di sicurezza, qualcosa che le aiuterà a migliorare, più rapidamente”, ha detto Green.

Poiché il centro di trattamento ha applicato gli standard di crisi sulla definizione delle priorità, Green ha affermato di aver avuto centinaia di conversazioni con persone a cui aveva detto che non poteva curarle.

“Se lo avessimo, ve lo daremmo volentieri”, ha detto Green. “Non stiamo cercando di essere scortesi, vorremmo aiutare tutti, ma dobbiamo comunque proteggere quel gruppo più vulnerabile in questo momento”.

Finora, ha detto Green, la struttura non ha ancora dovuto allontanare nessuno dal gruppo più vulnerabile.

Annie Berman, giornalista del Daily News, ha contribuito a questo articolo.

• • •

READ  Una gigantesca esplosione di rocce spaziali ha distrutto l'antica città di Hiroshima 1.000 volte
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Nickel Town Nostalgia: Brian Septelli parla di Little Italy fin dove arriva
Next Post Alia della WWE stabilisce un nuovo record WWE in una partita di SmackDown