Giornalista indiano vince il Premio Pulitzer per aver denunciato la vasta infrastruttura di detenzione dei musulmani in Cina

Mega Rajagopalan di BuzzFeed News è tra i due giornalisti di origine indiana a vincere il Gran Premio della stampa degli Stati Uniti venerdì.

Mega Rajagopalan, un giornalista di origine indiana, insieme a due collaboratori, ha vinto un Premio Pulitzer per l’innovativo reportage investigativo che ha rivelato una vasta infrastruttura di prigioni e campi di concentramento di massa che la Cina aveva segretamente costruito per contenere centinaia di migliaia di musulmani nella regione inquieta Xinjiang.

La signora Rajagopalan di BuzzFeed News è tra i due giornalisti di origine indiana che hanno vinto il Gran Premio della stampa degli Stati Uniti venerdì.

Neil Bede del Tampa Bay Times ha vinto per un reportage locale. La signora Beady con Kathleen McGrory si è aggiudicata la serie che mostra l’iniziativa dell’Ufficio dello sceriffo che ha utilizzato la modellazione al computer per identificare le persone ritenute sospettate di crimini in futuro. Nell’ambito del programma sono state monitorate circa 1.000 persone, compresi i bambini.

Il signor Bedi è un giornalista investigativo per il Tampa Bay Times.

“Ciò che Kathleen e Neal hanno scoperto nella contea di Pasco ha avuto un profondo impatto sulla società”, ha affermato Mark Catches, direttore esecutivo di The Times. “Questo è ciò che il miglior giornalismo investigativo può fare e perché è così essenziale”. La serie Xinjiang della signora Rajagopalan ha vinto un Premio Pulitzer nella categoria Reporting internazionale.

BuzzFeed News ha detto nel 2017, poco dopo che la Cina ha iniziato a detenere migliaia di musulmani nello Xinjiang, Rajagopalan è stato il primo a visitare un campo di concentramento, in un momento in cui la Cina negava l’esistenza di tali luoghi.

“In risposta, il governo ha tentato di metterla a tacere, revocarle il visto ed espellerla dal paese”, ha scritto BuzzFeed News nella sua candidatura per il premio.

L’accesso all’intera regione continuerà ad essere tagliato fuori dalla maggior parte degli occidentali ei giornalisti continueranno ad essere ostacolati. Il rilascio di fatti chiave sui detenuti ha rallentato considerevolmente.” Lavorando da Londra, e rifiutando di essere messo a tacere, Rajagopalan ha collaborato con due collaboratori, Alison Keeling, un architetto autorizzato specializzato in analisi forensi dell’architettura e immagini satellitari di edifici, e Christo Boschek, è un programmatore che crea strumenti personalizzati per i giornalisti di dati.

“Le storie infiammate dello Xinjiang gettano la luce tanto necessaria su uno dei peggiori abusi dei diritti umani del nostro tempo”, ha affermato Mark Shoves, caporedattore di BuzzFeed News.

Pochi minuti dopo la sua vittoria, la signora Rajagopalan ha detto a BuzzFeed News che non stava guardando la cerimonia dal vivo perché non si aspettava di vincere. L’ho scoperto solo quando Schoofs ha chiamato per congratularsi con lei per la vittoria.

“Sono completamente scioccata, non me l’aspettavo”, ha detto la signora Rajagopalan al telefono da Londra.

Ha detto di essere molto grata ai team di persone che hanno lavorato con lei su questo argomento, inclusi i suoi collaboratori, Killing e Buschek, il suo editore Alex Campbell, il team PR di BuzzFeed News e le organizzazioni che hanno finanziato il loro lavoro, incluso il Pulitzer Center .

La signora Rajagopalan ha anche riconosciuto il coraggio delle fonti che hanno parlato con loro nonostante il pericolo e la minaccia di ritorsioni da parte loro e delle loro famiglie.

“Sono così grata che si siano alzati e siano stati disposti a parlare con noi”, ha detto. “Ci vuole un coraggio incredibile per farlo.” I tre si sono proposti di analizzare migliaia di immagini satellitari dello Xinjiang, un’area più grande dell’Alaska, per cercare di rispondere a una semplice domanda: dove i funzionari cinesi hanno trattenuto fino a un milione di uiguri, kazaki e altre minoranze musulmane? Per mesi, il trio ha confrontato le foto cinesi censurate con un software di mappatura non censurato. Hanno iniziato con un enorme set di dati di 50.000 siti web.

Il signor Buschek ha creato uno strumento dedicato all’ordinamento di quelle foto. Quindi, “il team ha dovuto esaminare migliaia di immagini una per una, per confrontare diversi siti con altre prove disponibili”, ha scritto BuzzFeed News nella voce del premio.

Alla fine hanno identificato più di 260 edifici che sembravano campi di concentramento fortificati. Alcuni dei siti erano in grado di contenere più di 10.000 persone e molte fabbriche contenevano dove i prigionieri erano costretti a lavorare.

L’innovativo rapporto sulla tecnologia è stato anche accompagnato da un ampio giornalismo “in pelle per scarpe”.

Dopo che le è stato negato l’ingresso in Cina, la signora Rajagopalan si è recata nel vicino Kazakistan, dove molti musulmani cinesi hanno cercato rifugio.

Lì, Rajagopalan ha identificato più di due dozzine di persone che sono state imprigionate nei campi dello Xinjiang, guadagnandosi la loro fiducia e convincendole a condividere i loro racconti da incubo con il mondo.

I premi Pulitzer vengono assegnati ogni anno in ventuno categorie. In venti categorie, ogni vincitore riceve un certificato e un premio in denaro di $ 15.000. Il vincitore nella categoria Servizi Generali riceve una medaglia d’oro.

READ  Gli astronauti di Shenzhou-13 fanno la loro seconda passeggiata spaziale
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il nightclub Pulse diventerà monumento nazionale 5 anni dopo la sparatoria di massa mortale
Next Post Guarda la demo dell’E3 di Devolver Digital qui oggi