Giornale: Il virus Corona riduce l’aspettativa di vita in Italia di 1,2 anni

Oggi, lunedì, le statistiche ufficiali hanno mostrato che il virus Corona ha ridotto l’aspettativa di vita in Italia di 1,2 anni nel 2020 e per più di quattro anni nelle parti del Paese duramente colpite dall’epidemia.

L’aspettativa di vita alla nascita era di 82 anni l’anno scorso, rispetto agli 83,2 anni del 2019, ha affermato l’Ufficio per le statistiche nazionali in una nuova dichiarazione.

“Nel 2020, la diffusione della pandemia di COVID-19 e il forte aumento del tasso di mortalità che ne è derivato hanno fermato la crescita dell’aspettativa di vita alla nascita che aveva caratterizzato questa tendenza fino al 2019”, ha affermato in una nota.

Il calo è stato più grave in alcune aree come le province settentrionali di Bergamo e Cremona, epicentro dell’epidemia di Covid-19 all’inizio del 2020.

Gli uomini hanno perso in media 4,3 e 4,5 anni, mentre le donne hanno perso 3,2 anni e 2,9 anni in queste regioni.

In Italia sono morte più di 129.500 persone contagiate dal coronavirus, la maggior parte nelle regioni settentrionali dove vive il 36% degli italiani.

L’Italia è stato il primo Paese europeo ad affrontare una grave epidemia di Covid-19 e per un po’ la regione Lombardia, cuore economico della nazione, è diventata l’epicentro della pandemia globale.

Da allora il governo ha lanciato un programma di vaccinazione che, a partire da lunedì sera, ha visto quasi il 72% della popolazione di età superiore ai 12 anni completamente colpita.

Inserito in Alba, 7 settembre 2021

READ  Il 70% degli indiani prevede di tornare alla normalità pre-COVID in meno di un anno: sondaggio WEF
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Brendan Moraes viene smascherato per essere un bugiardo
Next Post Qual è il personaggio di McDonald’s Grimes? Una papilla gustativa