Gaza, la gente si precipita sui tir degli aiuti umanitari. E Hamas sequestra i convogli con le armi – I video – Buzznews

La situazione umanitaria a Gaza è arrivata a un punto di disperazione dopo più di 70 giorni di guerra tra Israele e Hamas. Secondo quanto riportato dai media locali e dalla Associated Press, Hamas ha un controllo totale sulla situazione nella Striscia di Gaza.

I video diffusi mostrano come i camion di aiuti umanitari siano stati presi d’assalto dalla gente non appena arrivati nelle zone abitate. Giovani e giovanissimi si sono affrettati a prendere tutto ciò che potevano, alcuni sono addirittura saliti sui camion e hanno gettato gli aiuti alla folla radunata.

Inoltre, altri video mostrano come i miliziani armati di Hamas abbiano preso il controllo di camion di aiuti provenienti dagli Emirati Arabi Uniti per evitare incidenti. I miliziani si sono posizionati sopra i carichi dei camion armati di coltelli, bastoni e altre armi improvvisate, facendo chiaramente intendere ai civili di stare lontani.

Israele ha accusato Hamas di dirottare gli aiuti che erano stati richiesti dalla comunità internazionale per uso militare anziché per la popolazione civile. Questa situazione ha creato tensioni e polemiche tra le parti coinvolte.

Tuttavia, nonostante le difficoltà, oggi per la prima volta durante la guerra i camion di aiuti sono riusciti ad entrare a Gaza anche attraverso il valico israeliano di Kerem Shalom, come richiesto dagli Stati Uniti. Una piccola luce di speranza in un contesto così tragico.

La comunità internazionale continua a monitorare la situazione e a inviare aiuti nella speranza di alleviare le sofferenze della popolazione civile a Gaza. Ci si augura che presto si possa raggiungere una tregua duratura che consenta il ripristino delle normali condizioni di vita nella regione.

READ  Gaza: Onu, situazione sempre più disperata di ora in ora - Ultima ora - Agenzia ANSA

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *