G7 per contrastare la Belt and Road Initiative cinese con un grande progetto infrastrutturale: alto funzionario degli Stati Uniti

Il G7 sta cercando di trovare una risposta coerente alla crescente insistenza del presidente Xi Jinping dopo la sorprendente ascesa economica e militare della Cina negli ultimi 40 anni.

Il funzionario statunitense, che ha parlato con i giornalisti a condizione di anonimato, ha affermato che gli Stati Uniti spingeranno anche gli altri leader del G7 a “prendere azioni concrete sul lavoro forzato” in Cina e includeranno critiche a Pechino nella loro dichiarazione di chiusura di tre giorni. Picco nel sud-ovest dell’Inghilterra.

“Non si tratta solo di affrontare o affrontare la Cina”, ha detto il funzionario. “Ma finora non abbiamo offerto un’alternativa positiva che rifletta i nostri valori, i nostri standard e il nostro modo di fare affari”.

La Belt and Road Initiative (BRI) cinese è un progetto infrastrutturale multimiliardario lanciato da Xi nel 2013 che include iniziative di sviluppo e investimento che si estendono dall’Asia all’Europa e oltre.

Più di 100 paesi hanno firmato accordi con la Cina per cooperare su progetti di Belt and Road come ferrovie, porti, autostrade e altre infrastrutture.

I critici affermano che il piano di Xi di creare una versione moderna dell’antica rotta commerciale della Via della Seta per collegare la Cina con l’Asia, l’Europa e oltre è un modo per espandere la Cina comunista. Pechino afferma che tali sospetti tradiscono i “residui imperialisti” di molte potenze occidentali che hanno umiliato la Cina per secoli.

L’ascesa della Cina

Il riemergere della Cina come potenza globale leader è uno degli eventi geopolitici più significativi degli ultimi tempi, insieme alla caduta dell’Unione Sovietica nel 1991 che pose fine alla Guerra Fredda.

L’economia cinese nel 1979 era più piccola di quella italiana, ma dopo l’apertura agli investimenti esteri e l’introduzione di riforme di mercato, è diventata la seconda più grande al mondo ed è leader mondiale in una serie di nuove tecnologie.

READ  L'Unione europea vede una crescita più forte in futuro. Ma che dire del panico del Delta?

I leader del Gruppo dei Sette – Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Germania, Italia, Francia e Giappone – vogliono sfruttare il loro raduno nella località balneare di Karbis Bay per mostrare al mondo che le democrazie più ricche possono offrire un’alternativa a quella cinese influenza crescente.

Il funzionario statunitense ha affermato che finora l’Occidente non è riuscito a offrire un’alternativa positiva alla “mancanza di trasparenza, agli scarsi standard ambientali e lavorativi e all’approccio coercitivo” del governo cinese, che ha lasciato molti paesi in una situazione peggiore.

“Quindi domani annunceremo ‘Build Back Better for the World’, una nuova ambiziosa iniziativa infrastrutturale globale con i nostri partner del G7 che non sarà solo un’alternativa alla Belt and Road Initiative”, ha affermato il funzionario.

Secondo il database Refinitiv, a metà dello scorso anno, oltre 2.600 progetti per un costo di 3,7 trilioni di dollari sono stati collegati alla Belt and Road Initiative, sebbene il ministero degli Esteri cinese abbia dichiarato lo scorso giugno che circa il 20% dei progetti è stato gravemente colpito. dalla pandemia di COVID-19.

A marzo, Biden ha affermato di aver suggerito al primo ministro britannico Boris Johnson, che ospita il vertice del G7, che i paesi democratici sviluppino il proprio schema rivale.

lavoro forzato

Nei colloqui, Biden farà pressione anche sugli altri leader per chiarire che credono che le pratiche di lavoro forzato siano un affronto alla dignità umana e “un terribile esempio della concorrenza economica sleale della Cina”.

“Stiamo spingendo per l’identificazione in aree come lo Xinjiang dove si svolge il lavoro forzato e dove dobbiamo esprimere i nostri valori come G7”, ha detto il funzionario della dichiarazione di chiusura che sarà rilasciata al termine del vertice di domenica.

READ  Aspettative di inflazione aziendale e strategie di prezzo durante il Covid-19

La Cina nega tutte le accuse di abusi nello Xinjiang.

Non c’erano specifiche su come sarebbe stato finanziato lo schema infrastrutturale globale. Il funzionario ha affermato che il piano includerà la raccolta di centinaia di miliardi di fondi pubblici e privati ​​per aiutare a colmare un divario infrastrutturale di $ 40 trilioni nei paesi bisognosi entro il 2035.

L’obiettivo era lavorare con il Congresso degli Stati Uniti per integrare i finanziamenti per lo sviluppo esistenti “nella speranza che, insieme ai partner del G7, al settore privato e ad altre parti interessate, lavoreremo presto insieme per catalizzare centinaia di miliardi di dollari in investimenti infrastrutturali per e i paesi a medio reddito che ne hanno bisogno.””.

Questa notizia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo. È cambiato solo il titolo.

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Vertice del G7: la regina mostra le sue abilità con la spada nel tagliare la torta cake
Next Post Aggiornamenti sul combattimento dal vivo di YouTube vs Dictoc, risultati, momenti salienti del tour di boxe della battaglia delle piattaforme