Funzionari sanitari del Missouri affermano che una variante sudafricana di COVID-19 è stata trovata nella contea di Jackson

Il Dipartimento della salute e dei servizi del Missouri ha affermato di aver identificato il primo caso dello stato del tipo sudafricano di COVID-19 e funzionari sanitari hanno affermato che la variante è stata identificata in un campione di pazienti, identificato solo come un adulto che vive nella contea di Jackson. La variante B.1.351 COVID-19 è stata riconosciuta per la prima volta in Sud Africa a dicembre e ha iniziato a essere segnalata negli Stati Uniti alla fine di gennaio, e il Department of Homeland Security ha detto che questa variante non è nota per causare malattie più gravi e non è chiaro se si diffonde facilmente È più grande delle altre razze. “Continuiamo a incoraggiare misure di prevenzione in atto mentre identifichiamo casi più positivi per queste variabili”, ha affermato il dottor Randall Williams, direttore del DHSS. “Continuiamo anche a chiedere alle persone di prendere in considerazione la possibilità di vaccinarsi quando sono in grado di farlo. I vaccini attualmente disponibili negli Stati Uniti sembrano essere efficaci contro questi virus mutanti”. Gli ultimi dati dei Centers for Disease Control and Prevention mostrano che 374 casi sono stati segnalati ai Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti a partire dal 5 aprile. Almeno 34 stati hanno identificato i casi finora e un’altra variante, B.1.1.7, nota anche come variante del Regno Unito, è stata riconosciuta per la prima volta nel Missouri nel febbraio di quest’anno.

Il Dipartimento della salute e dei servizi del Missouri ha affermato di aver identificato il primo caso dello stato di una variante sudafricana di COVID-19.

READ  La missione SpaceX Crew-1 ha battuto il record di longevità per i veicoli spaziali

Funzionari sanitari hanno affermato che la variabile è stata determinata in un campione del paziente, identificato solo come adulto che vive nella contea di Jackson.

La variante B.1.351 COVID-19 è stata riconosciuta per la prima volta in Sud Africa a dicembre e ha iniziato a essere segnalata negli Stati Uniti alla fine di gennaio.

Il Department of Homeland Security ha detto che questo tipo non è noto per causare malattie più gravi e non è chiaro se si diffonda più facilmente di altri ceppi.

“Continuiamo a incoraggiare misure di prevenzione in atto mentre identifichiamo casi più positivi per queste variabili”, ha affermato il dottor Randall Williams, direttore del DHSS. “Continuiamo anche a chiedere alle persone di prendere in considerazione la possibilità di vaccinarsi quando sono in grado di farlo. I vaccini attualmente disponibili negli Stati Uniti sembrano essere efficaci contro questi diversi virus”.

Gli ultimi dati dei Centers for Disease Control and Prevention mostrano che 374 casi sono stati segnalati ai Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti a partire dal 5 aprile. Almeno 34 stati hanno identificato casi finora.

Un’altra variante, B.1.1.7, nota anche come variante britannica, è stata identificata per la prima volta nel Missouri nel febbraio di quest’anno.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’Italia ammette i tifosi in euro, alcuni altri host devono ancora decidere
Next Post Il regista russo ritira il film dal festival a causa della nomination a Navalny | Showbiz