Francia e Italia impongono un mandato rigoroso sul vaccino contro il covid-19, anteprima per le città degli Stati Uniti

La Francia ha iniziato a richiedere i permessi, che confermano che qualcuno è stato vaccinato contro il Covid-19, lunedì per le persone che cercano la cena in un ristorante, al chiuso o all’aperto. Il pass è ora indispensabile anche per prendere voli nazionali, autobus a lunga percorrenza e treni. La Francia ha già reso obbligatorio il permesso di ingresso il mese scorso per una serie di altre attività come l’ingresso a musei, piscine, palestre e grandi eventi sportivi.

Il signor Zerbos, che lavora come ospite da Fouquet’s a Parigi, ha dichiarato: “Alcuni clienti dicono di aver ricevuto il vaccino ma non sono venuti con una tessera sanitaria, e dobbiamo chiedere scusa, non possiamo accettarti. Noi possono finire in guai seri se accettiamo qualcuno sprovvisto di tessera sanitaria”.

L’Italia ha anche reso obbligatoria la tessera sanitaria digitale per una serie di attività venerdì scorso, anche se le persone non vaccinate possono ancora cenare nei ristoranti se sono seduti all’aperto. I certificati, noti come Green Pass in Italia e Health Card in Francia, mostrano un codice QR personale che mostra se una persona è stata vaccinata, guarita dal Covid-19 o recentemente risultata negativa al virus.

Francia e Italia sono in prima linea nella tendenza europea verso regole che separino effettivamente le popolazioni vaccinate e non vaccinate e che rendano più facile per le prime riprendere la normale vita quotidiana. I governi sperano che le nuove regole spingano più persone a vaccinarsi e limitino la diffusione della variante delta altamente contagiosa, impedendo un ritorno ai blocchi entro la fine dell’anno.

Negli Stati Uniti, alcune città e stati hanno iniziato a imporre restrizioni simili mentre cercano di convivere con il virus. La città di New York richiederà la prova della vaccinazione per i clienti e i lavoratori nei ristoranti e nelle palestre la prossima settimana, anche se le ispezioni e l’applicazione delle norme non inizieranno fino a settembre.

READ  Il Consiglio per l'economia circolare degli Emirati Arabi Uniti esamina i progressi nell'attuazione della politica e amplia la transizione alla circolare - Notizie

I certificati digitali dell’UE esistono dal 1° luglio, ma la maggior parte dei governi ha recentemente iniziato a renderli obbligatori per attività diverse dai viaggi transfrontalieri. Le regole variano in tutto il continente e talvolta all’interno dei paesi.

In Germania, i requisiti per i permessi sanitari variano da regione a regione in base ai tassi di infezione locali. A Berlino, ad esempio, per mangiare in casa o andare in palestra è necessaria la prova della vaccinazione, dell’immunità o di un recente test negativo.

Per gli americani che si recano a Parigi, i siti turistici come il Louvre e il Palazzo di Versailles accettano anche le tessere vaccinali emesse dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. I turisti statunitensi possono anche utilizzare le loro carte statunitensi per richiedere online un codice QR che funziona in Francia. Bar e ristoranti in Italia accettano anche le carte CDC.

L’aumento delle restrizioni sulle persone non vaccinate ha scatenato piccole proteste in Italia, ma in Francia i manifestanti sono scesi in piazza sabato per la quarta volta consecutiva. Secondo le stime del ministero degli Interni francese, più di 237.000 manifestanti hanno manifestato in città di tutta la Francia, tra cui Parigi, Lille e Nizza.

I nuovi requisiti hanno portato a un’impennata delle vaccinazioni sia in Francia che in Italia, rafforzando le campagne di vaccinazione che hanno mostrato segni di rallentamento. Nei tre giorni successivi all’annuncio del governo francese che le persone avrebbero avuto bisogno di un permesso sanitario per andare in un ristorante, più di tre milioni di persone hanno prenotato il primo vaccino.

Entrambi i paesi hanno somministrato almeno una dose del vaccino a circa il 65% della loro popolazione totale, secondo Our World in Data, rispetto a circa il 58% negli Stati Uniti.

READ  I fornitori di Apple e Tesla sono esposti alla crisi energetica globale. cosa sai.

A La Tourelle, un bistrot a Saint Mandy, a est di Parigi, il numero di persone che sono venute lunedì mattina è diminuito di circa l’80% rispetto alla settimana precedente, ha detto il manager Noe Rodriguez, cosa che ha attribuito alle nuove regole. Di coloro che hanno partecipato, quasi la metà è stata respinta e alcuni hanno ricevuto solo la prima vaccinazione.

“Siamo qui per divertirci e la prima cosa che facciamo quando il cliente è seduto è chiedere la convalida della sua tessera sanitaria. Questo mi infastidisce un po'”, ha detto Rodriguez.

Con la maggior parte dell’Italia che gode di un clima mite, le nuove regole non hanno influenzato l’attività di ristorazione e bar perché la maggior parte dei commensali stava già optando per i posti a sedere all’aperto, dove non è richiesta la prova della vaccinazione.

Andrea Linguanti, proprietario di due ristoranti lungo un canale nel quartiere dei Navigli di Milano, è un luogo popolare sia per i locali che per i turisti. “L’ora di punta sarà a settembre e soprattutto a ottobre, quando inizia a fare freddo e piove”.

Sabato sera, tutti i tavoli all’aperto sono stati occupati nei suoi due ristoranti. Ha detto che alcuni gruppi si sono seduti all’interno dopo aver mostrato le loro testimonianze.

A dimostrazione dell’importanza che gli italiani attribuiscono alla possibilità di scrollarsi di dosso una tazza di caffè espresso o cappuccino stando in piedi in un bar, può ancora essere fatto senza prove di vaccinazione se il cliente non è in ritardo. Il certificato, rilasciato in Italia dopo la prima dose di vaccino, sarà richiesto su voli, treni a lunga percorrenza e autobus dal 1° settembre.

READ  Il Covid-19 ha colpito l'Everest, ma non ha fermato la stagione delle scalate

Matteo Mingozzi, impiegato di un albergo di Milano, ha passato il sabato sera a bere con gli amici lungo i Navigli. Un posto non aveva spazio all’esterno, quindi si sono seduti all’interno dopo aver mostrato i loro codici QR.

“Non sono convinto che chiedere una vaccinazione sia la politica migliore”, ha affermato Mingozi, 33 anni. “Conosco persone che hanno firmato per il vaccino dopo che sono state annunciate le nuove restrizioni, ma stigmatizzano le persone che stanno ancora cercando di capire se vogliono essere vaccinati potrebbe ritorcersi contro”.

Nella maggior parte dei ristoranti, bar e altri luoghi in cui si applicano regole simili, come musei, i dipendenti utilizzano uno smartphone o un altro dispositivo per controllare i codici QR delle persone.

Le istituzioni francesi che non verificano i permessi sanitari rischiano una multa di 1.500 euro, che può salire a 9.000 euro e un anno di reclusione dopo la terza violazione entro un mese. I proprietari di ristoranti e bar italiani rischiano una multa fino a 1.000 euro se non soddisfano il requisito del pass verde e possono essere costretti a chiudere fino a 10 giorni se vengono arrestati tre volte in tre giorni diversi. In entrambi i paesi, anche i destinatari che infrangono le regole possono essere multati.

Questa storia è stata pubblicata dal feed dell’agenzia di stampa senza modifiche al testo

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Jennifer Aniston e David Schwimmer “si avvicinano” e “provano ancora sentimenti”
Next Post Recensione: Sport Kansas City 1, Club Lyon 6