Formula 1: Daniel Ricciardo parla della sua mancanza di sonno dopo la vittoria dell’Italia nel Gran Premio

Ricciardo ha potuto esibirsi sul podio di Monza con il suo famoso ‘stivaletto’ dopo aver vinto il Gran Premio d’Italia

Daniel Ricciardo non ha dormito molto da quando ha vinto il Gran Premio d’Italia di domenica, ma non perché il pilota della McLaren, come ci si potrebbe aspettare, fosse fuori città per festeggiare la sua prima vittoria in Formula 1 in più di tre anni.

“Non è festa”, dice l’australiano. “È semplicemente eccitante. È ancora in corso nella mia mente. E ho un’enorme quantità di amore, messaggi e (chiamate da) amici a casa. È stato semplicemente fantastico. Quindi è stato difficile smettere”.

Ora ha finalmente messo fine alla siccità tornando alla sua ultima vittoria a Monaco nel 2018, il problema, dice Ricciardo, è “vuoi restare con lui il più a lungo possibile”.

“Riporterò solo i momenti di gara nella mia testa. Ci sono momenti e ricordi molto vividi delle corse.

“Tipo, a 10 giri dalla fine e quello che stavo dicendo a me stesso, qual è il mio modo di pensare, per stare calmo. E poi all’ultimo giro, cercando il giro più veloce. Non sapevo nemmeno il giro più veloce ma lo sapevo c’era ancora un po’ di grip, quindi ho pensato ‘Andiamo e basta”.

“Volevo fare una dichiarazione. Tutte queste cose mi tengono sveglio. Ci sono così tante cose che sono successe durante il fine settimana che mi tengono sveglio”.

L’impressionante campione degli US Open Raducanu

L’insonnia di Ricciardo, infatti, è iniziata già prima della gara, perché era uno dei milioni in tutto il mondo che sabato sera è rimasto sveglio per assistere all’impressionante vittoria di Emma Radocano agli US Open.

Si scopre che il diciottenne è una specie di Gemelli negli sport motoristici. Ama la Formula 1 e Ricciardo è il suo pilota preferito. L’ammirazione è reciproca – Ricciardo ammette di essere stato travolto dall’apprezzamento della nuova stella del tennis.

“Amo quasi tutti gli sport ed è impressionante vedere i giovani esibirsi ad un livello così alto e essere in grado di assorbire la pressione e l’emozione”, dice.

“Posso parlare, perché quando avevo diciotto anni ero ancora un bambino. Ero ancora un po’ immaturo. Quindi, per mettersi nei loro panni ed essere in quella fase senza essere messi in scena, penso che molte persone ne siano in soggezione .

“L’ho fatto anche molto educatamente, e l’ho fatto con un sorriso, che è davvero commovente per le persone”.

La partita ha preso il sopravvento su Ricciardo, che è rimasto sveglio molto più tardi del solito alla vigilia del Gran Premio.

“Ho visto alcune interviste dopo la partita e ricordo di aver guardato il mio telefono ed erano le 12:45 quando finalmente mi sono messo a letto”, dice. “Ma è stato bello vederlo.

“E poi domenica è stato bello tornare lì. Era ora, ma in gran parte era una sensazione familiare. Quella è stata la parte più gratificante, perché non mi sono sentito dimenticato. Mi sono sentito calmo per tutto il tempo e ho era entusiasta di guidare di nuovo la gara ed essere in questa posizione”.

Lunga strada per tornare al gradino più alto

Per molti versi Monza è stata una salvezza per Ricciardo, perché non è stato un anno facile per l’uomo famoso per il suo sorriso da un milione di watt e la sua personalità giocosa.

I suoi due anni alla Renault dopo aver lasciato la Red Bull alla fine del 2018 non hanno portato i frutti che si aspettava. Ma, come giocatore di alto livello, quando è entrato a far parte del team Rookie McLaren all’inizio di questa stagione, ci si aspettava che decollare immediatamente.

Invece, ha lottato con la macchina per tutta la prima metà dell’anno, superando generalmente il compagno di squadra Lando Norris, che è stato uno dei protagonisti della stagione.

Sono proprio queste avversità a spiegare la voglia di Ricciardo di fare il giro più veloce al termine della gara di domenica.

È stata una campagna brillante. Dopo aver battuto la Red Bull di Max Verstappen fuori dallo schieramento, Ricciardo ha dominato la gara dalle prime posizioni. Norris e gli altri non erano molto indietro, ma il comandante stava andando veloce quanto gli serviva per tenerli a bada. Il miglior tempo nell’ultimo giro è stato il modo di Ricciardo di assicurarsi che la gente capisse cosa stava succedendo.

“L’obiettivo era ricordare alle persone che non ho dimenticato[come farlo]”, dice Ricardo. “Avevo il controllo e volevo solo dimostrare che era l’ultimo giro e non sento alcun nervosismo o pressione, quindi farò il giro più veloce della gara nell’ultimo giro, solo per ricordare alla gente , ‘Ho capito'”

Quel desiderio potrebbe anche essere stato rafforzato da due messaggi radio di Norris durante la gara, quando ha suggerito di poter andare più veloce di Ricciardo, e in privato ha indirettamente chiesto se la squadra dovrebbe lasciarlo provare. Questo è esattamente.

Ricciardo dice: “C’è stato un giro in particolare, non molto tempo dopo l’inizio del secondo tempo (dopo la collisione tra Verstappen e Lewis Hamilton) quando l’ho lasciato avvicinare così tanto e probabilmente gli ho dato l’impressione che forse non ero così velocemente. E penso che sia stato quando ha detto probabilmente “Voglio provare ad attaccare Daniel”.

“Potevo vedere nei miei specchietti, il secondo turno alla Corva Grande e alla pista successiva, probabilmente era più vicino di quanto avessi permesso a Max di arrivare all’inizio della gara.

“Ero tipo, ‘Okay, non ho bisogno di risparmiare molto (le gomme), quindi l’ho alzata un po’. Con i riavvii e la follia delle corse in questi giorni, ho sempre cercato di risparmiare un po’, nel caso in cui si verificasse un altro riavvio. Avrei potuto vincere per 20 secondi? Non sto dicendo che avrei potuto farlo, no, ma stavo solo facendo quello che dovevo fare. “

Celebrare
La vittoria di Ricciardo e il secondo posto per il compagno di squadra Norris è stata la prima vittoria della McLaren dal Gran Premio del Canada del 2010.

Vantaggi per le vacanze

La stagione di Ricciardo è cambiata da quando la F1 ha preso le vacanze estive ad agosto. Ricciardo ha avuto un momento deludente nell’ultima gara della prima parte della stagione in Ungheria, e subito dopo essere sceso dalla macchina è rimasto seduto da solo con i suoi pensieri per un po’.

READ  Inter Milan vs Bologna quote, selezioni, preview, come guardare, live: pronostici Serie A per il 18 settembre

È volato via nella sua amata Los Angeles per una pausa e ha guardato un pilota diverso da quando la Formula 1 si è tenuta di nuovo per il Gran Premio del Belgio alla fine di agosto, la prima delle tre gare nei fine settimana successivi.

Si è qualificato quarto a Spa, finito lì dopo che la gara è stata annullata a causa di una pioggia torrenziale, e poi è arrivato quinto in griglia al Gran Premio d’Olanda. Poi è arrivato Monza.

“È stata una vera benedizione avere una frattura forzata”, dice Ricardo. “La prima metà dell’anno, poiché faticavo ad alzarmi in fretta, non ho avuto altra scelta che immergermi più a fondo, cercare di imparare e scoprire.

“Non ho mai avuto la possibilità di staccarmene, prendere un respiro e persino fermarmi mentalmente. Parte della lotta era che ci stavo mettendo troppo e non ricevevo davvero molte ricompense, quindi era una specie di una frustrazione nella prima metà dell’anno.

“Quindi, scappare, uscire dall’Europa e fare quelle due settimane per dimenticare la gara di Formula 1, mi ha fatto andare in Belgio (e) anche (nell’allenamento) del venerdì, mi sono sentito più calmo e fiducioso alla guida della macchina. Mi sentivo meglio . Sono venuto con rinnovata energia e sono tornato. “Un po’ di me.”

squadra in vetta

Se Ricciardo ha aspettato tanto dalla sua ultima vittoria, non è niente in confronto alla sua squadra. L’ultima vittoria della McLaren è stata nell’ultima gara della stagione 2012 in Brasile grazie a Jenson Button. E per i due più recenti, dovevi tornare al Gran Premio del Canada nel giugno 2010, quando Hamilton Button ha tagliato il traguardo.

Da allora, McLaren ha lavorato nello stabilimento.

Il drammatico calo delle prestazioni ha coinciso con Hamilton che ha lasciato il team per la Mercedes per il 2013. La partnership con il fornitore di motori Honda è iniziata male nel 2015 ed è stata sciolta dopo tre anni frustranti da entrambe le parti.

E l’avvento dei motori Renault nel 2018 – gli stessi motori che Ricciardo e Verstappen usavano all’epoca per vincere le gare della Red Bull – ha rivelato quanto siano lente le McLaren.

Da allora, il team ha avuto un’impressionante serie di recupero, guidato dal CEO Zak Brown e dal Team Principal Andreas Seidl, e quest’anno si batterà contro un’intensa Ferrari per finire terzo nel campionato costruttori, una posizione in cui si trova attualmente la McLaren. impiccagione.

La McLaren sapeva quest’anno che c’era ancora un enorme divario tra i due leader, ma quella vittoria sarebbe stata possibile se ci fosse stata una gara in cui Mercedes e Red Bull hanno avuto problemi, come hanno fatto tutte e quattro le vetture a Monza. laurea o altro.

In quanto tale, la seconda persona è stata un’approvazione del lavoro che fanno, ma è anche inaspettata e sorprendente.

“È qui che mi sento così carico che posso farne parte e aiutare a ottenere la prima vittoria da molto tempo”, afferma Ricciardo.

“Mi rende così felice ed eccitato perché vedo cosa significa per tutti. Le persone possono vedere i miei sentimenti sul podio, ma ci sono persone che sono state in questa squadra per molto tempo, molto prima dell’inizio della gara, e l’ultima otto o nove anni c’è stata una siccità.

“Quindi il ritorno, specialmente per coloro che hanno attraversato alti e bassi, è fantastico. È fantastico”.

“Ovviamente ho avuto delle lotte personali con la squadra quest’anno dal punto di vista delle prestazioni, ma ora uscirne con quel punteggio, facendomi apprezzare quello che ho in questa squadra e giocare un ruolo ora è totalmente soddisfacente”.

Lettura dell'immagine del logo sulla BBC - blupiè di pagina - blu

READ  Nico Magnion firma un contratto pluriennale in Italia; I Warriors mantengono i loro diritti in NBA

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Grande TV OLED LG 48C1 da gioco ora a meno di $ 1300!
Next Post Gli scolari in Nuova Zelanda scoprono nuove specie