Fondazione: la Chinatown di Edmonton affronta lo stigma e i disordini sociali in cerca di ripresa economica

Contenuto dell’articolo

Nelle prime ore del mattino del 3 aprile 2020, durante il primo mese dell’epidemia, una delle attività commerciali più famose di Chinatown è stata distrutta da un incendio.

Annunci

Contenuto dell’articolo

Una donna coinvolta nell’incendio doloso, o forse solo cercando di stare al caldo, avrebbe dato fuoco ad alcuni oggetti nel vicolo dietro la panetteria italiana tra 97th Street e 106th Avenue.

Le fiamme si sono diffuse dal vicolo all’interno dell’edificio causando questo Gravi danni al panificio e un appartamento al piano superiore dove dormivano Antonio e Aurora Fratin, rispettivamente di 88 e 86 anni.

La coppia è riuscita a fuggire con solo ferite moderate, ma il famoso ristorante che hanno fondato in quel luogo quasi 60 anni fa è andato perduto, insieme alla casa in cui hanno vissuto per tutto quel tempo.

Per i residenti e gli imprenditori nella già assediata comunità di Chinatown, questo avrebbe dovuto essere l’inizio di un’epidemia particolarmente grave.

Nella mia precedente rubrica sul core business in centro, ho notato un crescente ottimismo, legato in parte al fatto che i tassi di posti vacanti negli uffici sono rimasti stabili e i fallimenti aziendali sono stati relativamente lievi durante il COVID.

Annunci

Contenuto dell’articolo

Ma a pochi isolati a nord-est, a Chinatown e nel quartiere “Northern Edge” confinante con il centro, la storia era molto diversa. Secondo l’associazione imprenditoriale locale, l’area ha perso quasi il 30% della sua attività durante la pandemia.

Vigili del fuoco sulla scena di un incendio all'Italian Bakery sulla 97th Street vicino alla 106 Ave, dove due persone sono state ricoverate questa mattina a Edmonton, 3 aprile 2020.
Vigili del fuoco sulla scena di un incendio all’Italian Bakery sulla 97th Street vicino alla 106 Ave, dove due persone sono state ricoverate questa mattina a Edmonton, 3 aprile 2020. Foto di Ed Kaiser /00090244 A

Per molti, il COVID è stata l'”ultima goccia” doppiamente devastante, ha affermato William Lau, segretario Società cooperativa di trasformazione della Cina (CTC), un gruppo che guida gli sforzi per rivitalizzare la regione.

READ  Venerdì l'EAM S Jaishankar si recherà in Grecia e in Italia e parteciperà alla riunione del G20

Mentre le restrizioni sanitarie hanno ridotto una base di clienti già debole, il coronavirus ha anche causato disagi sociali più visibili, il che significa più segnalazioni di aghi e feci, più campeggi e rifiuti, più overdose e più sentimenti di ansia tra i potenziali visitatori.

Annunci

Contenuto dell’articolo

Alcuni imprenditori ne hanno finalmente avuto abbastanza o hanno visto i clienti prosciugarsi al punto da non riuscire più a tenere il passo.

“Questo non è solo il problema di Chinatown, è il problema di Edmonton”, ha affermato il presidente del CTC Hun Leung.

Sono stati mappati i siti di consumo sorvegliati nell’area tante luci – O un capro espiatorio – per problemi. Ma la verità è che l’area ha più di 80 agenzie di servizi sociali di vario genere, tutte ben intenzionate ma non sempre ben organizzate o che lavorano in perfetta cooperazione con i vicini, ha detto Leung.

C’è un urgente bisogno di un migliore coordinamento e valutazione di queste agenzie. Tuttavia, il CTC si è reso conto che una maggiore intensità non era utile, quindi i leader hanno invece iniziato a parlare con i fornitori di servizi sociali per cercare di affrontare insieme alcuni dei problemi.

Annunci

Contenuto dell’articolo

Tra le conversazioni più attive c’è quella con Hope Mission, a poco più di un mese dall’apertura del nuovo $16 milioni Herb Jamison Center Sulla 100th Street e sulla 105a Street.

La nuova struttura è un enorme aggiornamento rispetto al precedente rifugio per uomini del sito, offrendo stanze ampie e luminose con luce naturale, soffitti alti, aree per il personale, bagni spaziosi e persino un giardino sul tetto con vista sul pittoresco Rogers Place e sull’Ice District appena due isolati di distanza.

Ma il più grande vantaggio progettuale del centro è la sua flessibilità, che consente a Hope Mission di ospitare fino a 400 persone alla volta, affrontando anche alcune lamentele comuni che hanno tenuto le persone lontane dal vecchio rifugio, ha affermato Tim Basma, direttore dei programmi per i senzatetto.

READ  Le azioni europee si concentrano sulla decisione, sugli utili e sui dati della Fed

Annunci

Contenuto dell’articolo

Uno dei rifugi ancora da rinnovare presso il nuovo Herb Jamison Center è mostrato da Tim Basma, direttore dei programmi per i senzatetto di Hope Mission, a Edmonton il 26 agosto 2021. Foto di Ed Kaiser, Postmedia.
Uno dei rifugi ancora da rinnovare presso il nuovo Herb Jamison Center è mostrato da Tim Basma, direttore dei programmi per i senzatetto di Hope Mission, a Edmonton il 26 agosto 2021. Foto di Ed Kaiser, Postmedia. Foto di Ed Kaiser /20094002A
Uno dei rifugi ancora da rinnovare presso il nuovo Herb Jamison Center è mostrato da Tim Basma, direttore dei programmi per i senzatetto di Hope Mission, a Edmonton il 26 agosto 2021. Foto di Ed Kaiser, Postmedia.
Uno dei rifugi ancora da rinnovare presso il nuovo Herb Jamison Center è mostrato da Tim Basma, direttore dei programmi per i senzatetto di Hope Mission, a Edmonton il 26 agosto 2021. Foto di Ed Kaiser, Postmedia. Foto di Ed Kaiser /20094002A

• Il nuovo centro consentirà ai clienti di dormire tutto il giorno e di rimanere per tutto il tempo necessario, invece di essere espulsi alle 6 del mattino

• Affronterà le preoccupazioni dei clienti fornendo quattro aree di alloggio distinte, inclusa un’unità sicura al piano principale per le persone ubriache. Ciò dovrebbe ridurre il potenziale di miscelazione dannosa.

• Ci sarà più spazio tra i letti e una migliore ventilazione.

• I clienti possono riporre i propri effetti personali, il che significa che non devono portarli per strada tutti i giorni.

• Il Wi-Fi gratuito aiuterà i clienti ad accedere a informazioni e risorse che possono aiutarli a uscire dalla condizione di senzatetto.

La speranza è che tutte queste misure convincano le persone a usare il rifugio più spesso, riducendo così il campeggio, i rifiuti, la minzione pubblica e il potenziale caos.

Annunci

Contenuto dell’articolo

Tuttavia, la maggior parte concorda sul fatto che il miglior rimedio per il disagio sociale è l’alloggio aggiuntivo, motivo per cui il nuovo Herb Jamieson Center si concentrerà maggiormente sui servizi abitativi per mettere i clienti in situazioni più stabili.

Il problema è che c’è una sfortunata mancanza di alloggi permanenti e solidali a Edmonton che offra servizi in loco per le persone che affrontano sfide oltre a quelle finanziarie. Mentre la città sta facendo progressi nel miglioramento dell’offerta, la mancanza di supporto del governo regionale ha davvero ostacolato questi sforzi.

La maggior parte dei candidati sindaco ha avuto idee diverse su come gestire questo problema e ti incoraggio a verificarlo.

READ  L'argomento per un ulteriore restringimento degli spread obbligazionari nella zona euro

Alcuni candidati lo hanno anche suggerito La polizia ha bisogno di una presenza più grande Nella comunità. Infatti, un certo numero di imprenditori a Chinatown Si sente così deserto dalla polizia, motivo per cui la comunità è andata a scapito dell’assunzione di una propria squadra di sicurezza per il pattugliamento, ha detto Leung.

Annunci

Contenuto dell’articolo

(Vale la pena notare che la polizia è sotto pressione in questi giorni per prendere un tocco molto più leggero o addirittura fare marcia indietro del tutto quando si tratta di comunità emarginate.)

Mentre la comunità spera di migliorare l’aspetto e l’atmosfera di Chinatown, la sua rinascita dipende in ultima analisi dal fatto che le persone trovino di nuovo piacere nel cibo, nei servizi e nelle esperienze culturali unici della zona.

“Molti cittadini di Edmontonian potrebbero aver rinunciato a Chinatown, ma Chinatown no”, ha detto Leung. “Ci sono molte ragioni per essere ottimisti”.

Su questo fronte, sullo stesso lotto della 97th Street, viene ricostruita la famosa panetteria italiana, che molti pensavano fosse perduta per sempre, con un nuovo appartamento per Senior Fratines.

È una scommessa coraggiosa su un’area che soffre così tanto che può ottenere qualsiasi colpo di braccio.

“Stavamo discutendo del trasloco”, ha detto JB Fratin, figlio di Antonio e Aurora e co-proprietario del panificio. Ma i miei genitori hanno detto: “Impossibile”. “Questa è la loro casa, ed è qui che vogliono essere”.

kgrein@postmedia.com

twitter.com/keithgerein

Questo articolo fa parte di Groundwork, un progetto dell’Edmonton Journal nel giornalismo di coinvolgimento che mira a garantire che i nostri servizi si concentrino sulle questioni più importanti per la nostra comunità, creando fiducia e aprendo il lavoro giornalistico a nuove voci e intuizioni.

Il panificio italiano viene ricostruito nella sua precedente posizione lungo la 97th Street nella Chinatown di Edmonton, il 18 agosto 2021. Foto di Ed Kaiser, Postmedia.
Il panificio italiano viene ricostruito nella sua precedente posizione lungo la 97th Street nella Chinatown di Edmonton, il 18 agosto 2021. Foto di Ed Kaiser, Postmedia. Foto di Ed Kaiser /20093965A

    Annunci

Commenti

Postmedia si impegna a mantenere un forum di discussione attivo e civile e ad incoraggiare tutti i lettori a condividere le proprie opinioni sui nostri articoli. I commenti possono richiedere fino a un’ora per essere moderati prima che vengano visualizzati sul sito. Ti chiediamo di mantenere i tuoi commenti pertinenti e rispettosi. Abbiamo abilitato le notifiche e-mail: ora riceverai un’e-mail se ricevi una risposta al tuo commento, se c’è un aggiornamento al thread di commenti che stai seguendo o se si tratta di un utente che stai seguendo. abbiamo visitato Linee guida della comunità Per maggiori informazioni e dettagli su come impostare un file E-mail Impostazioni.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Khloe Kardashian chiama la creazione di finti troll dopo aver individuato con Tristan Thompson
Next Post Il Bengala scambia DL PJ Hill, l’ex primo rounder Billy Price con i Giants