Focus: il G20 saluta la cooperazione, ma l’allentamento delle tensioni tra Stati Uniti e Cina non è in vista



Il ministro italiano dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco pronuncia il suo discorso durante una tavola rotonda alla riunione dei ministri dell’Economia e delle finanze del G-20 e dei governatori delle banche centrali a Venezia, Italia, venerdì 9 luglio 2021 (AP Photo/Luca Bruno)

VENEZIA (Kyodo) – Il multilateralismo è entrato in vigore quando i capi finanziari del G20 si sono riuniti sabato per sostenere le modifiche alle regole fiscali internazionali una volta in un secolo, ma la mossa non ha segnato alcun miglioramento delle relazioni tra le due nazioni. Due membri principali del forum: gli Stati Uniti e la Cina.

Alcuni esperti statunitensi sulla Cina non si aspettano alcuna svolta a breve nelle relazioni tese tra le due maggiori economie del mondo, mentre altri analisti avvertono che il Giappone, un alleato di sicurezza degli Stati Uniti con stretti legami commerciali con la Cina, dovrebbe accelerare gli sforzi per proteggersi dai rischi. potenziale economico derivante da quella che alcuni vedono come una nuova “guerra fredda”.

Una serie di riunioni ministeriali del G20 si sono svolte in Italia in vista del vertice previsto per la fine di ottobre, quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden potrebbe avere la possibilità di avere il suo primo incontro faccia a faccia con il leader cinese. Xi Jinping dal suo insediamento a gennaio.

Ma Zack Cooper, un esperto di relazioni USA-Cina presso l’American Enterprise Institute, era scettico sul fatto che lo slancio si stesse sviluppando verso un impegno bilaterale.

Mentre i due paesi potrebbero avere alcune interazioni entro la fine dell’anno, incluso un possibile incontro tra Biden e Xi, il membro anziano del think tank di Washington ha affermato di non aspettarsi “molta cooperazione sostanziale” da tali colloqui.

“Penso che la tensione continuerà. Il problema è che i nostri interessi e valori fondamentali sono molto diversi. Non credo che un po’ di dialogo lo risolverà”, ha detto.

L’amministrazione Biden stava basandosi sulle politiche intransigenti della precedente amministrazione Donald Trump con la Cina, con maggiore attenzione alle questioni relative ai diritti umani. Mentre raduna gli alleati per affrontare Pechino, che vede comportarsi in modo più repressivo in patria e all’estero, le democrazie hanno chiesto di superare i regimi autoritari nella corsa alla competizione.

READ  L'Unione europea vede una crescita più forte in futuro. Ma che dire del panico del Delta?

Cooper ha affermato che uno dei motivi per cui Washington ha spinto per un accordo del G20 sui piani per tassare le multinazionali durante i due giorni di colloqui che si sono conclusi sabato in Italia potrebbe essere stato quello di aiutare ad affrontare le controversie con gli alleati europei sui dazi sulle principali società tecnologiche statunitensi.

“Quindi, anche se ci fosse un accordo sulle tasse, lo vedo come uno sforzo del team Biden per cercare di unirsi un po’ più strettamente con alleati e partner democratici per evitare divisioni che potrebbero creare problemi con i cinesi in futuro, ” ha detto Cooper.

Da quando Biden è entrato in carica, i migliori diplomatici dei due paesi si sono finora incontrati faccia a faccia a marzo in Alaska, esponendo le loro profonde differenze sulle questioni dei diritti umani, di Taiwan e dell’ordine internazionale che considerano desiderabile.

Con le Olimpiadi invernali di Pechino che si avvicinano a febbraio, la Cina potrebbe dover affrontare una maggiore pressione per i suoi scarsi risultati in materia di diritti umani, con appelli già emersi negli Stati Uniti a una forma di boicottaggio come punizione per i presunti abusi della Cina contro la minoranza musulmana uigura nello Xinjiang occidentale. .

Ma sarà probabilmente difficile per la leadership cinese prendere qualsiasi misura che potrebbe essere vista come un’arretramento, poiché il prossimo anno sarà cruciale anche per Xi che consolida il suo potere attraverso il Congresso del Partito Comunista, che si svolge due volte un decennio in autunno.

In un discorso del 1° luglio in occasione del centenario della fondazione del partito, Xi si è mostrato provocatorio, affermando che il popolo cinese “non avrebbe mai permesso a nessuna forza straniera di dominarci, opprimerci o schiavizzarci” e ha sottolineato la “completa riunificazione” della Cina con Taiwan. È la “missione storica e l’impegno costante” del partito.

READ  Sogni di viaggiare in Italia? Esiste una nuova opzione per il trasporto aereo per le vacanze successive alla vaccinazione

Con la convinzione che Xi miri alla rielezione come leader del Partito Comunista al Congresso per un terzo mandato straordinario, Cooper ha affermato che il partito probabilmente spera che il prossimo anno andrà “molto liscio” e “reagirà con molta rabbia alle critiche della Cina e Xi in particolare”.

Sul fronte economico, la Cina potrebbe sperare di vedere la rimozione delle tariffe punitive statunitensi su centinaia di miliardi di dollari di prodotti cinesi nel mezzo di un’escalation della guerra commerciale sotto Trump.

Ma un significativo taglio delle tariffe potrebbe richiedere un grande impegno da parte della Cina per affrontare le preoccupazioni degli Stati Uniti sul furto di proprietà intellettuale e sull’uso massiccio di sussidi industriali, tra le altre questioni, che potrebbero essere ancora una volta un grave ostacolo per Pechino.

Takeshi Makita del Japan Research Institute ha affermato che gli Stati Uniti e la Cina sono entrati nella fase di “competizione per il dominio globale”, sebbene le prospettive di imminenti scontri militari e un’ampia separazione degli economisti appaiano basse.

Tuttavia, il direttore della ricerca ha affermato che il Giappone deve rimanere preparato per le potenziali conseguenze del crescente confronto tra Washington e Pechino, assicurandosi che la sua economia possa crescere evitando di essere catturato nel fuoco incrociato.

“Se gli Stati Uniti e la Cina vedono una forte escalation nel loro confronto e il Giappone (dopo gli Stati Uniti) deve adottare un approccio più conflittuale come membro dei paesi democratici, allora sicuramente la Cina adotterà misure di ritorsione che porteranno a un calo esportazioni e un calo degli affari giapponesi in Cina e una diminuzione del numero di turisti cinesi”.

Sarebbe difficile ignorare l’impatto economico negativo del deterioramento delle relazioni tra Giappone e Cina, ha affermato Makita, citando i dati che mostrano che le esportazioni giapponesi di beni e servizi verso la Cina continentale e Hong Kong hanno rappresentato circa il 4% del prodotto interno lordo del paese nel 2019 .

READ  Partnership tra Telecom Italia e Cisco Business Cloud Services

Il rapporto era il più alto tra i paesi industrializzati del Gruppo dei Sette. Per gli Stati Uniti, la stessa cifra era di circa l’1% del PIL nel 2019.

Il Giappone dovrebbe intensificare gli sforzi per creare prodotti e servizi che sono vitali per la Cina e difficili da fornire per altri paesi, ha affermato Makita, osservando che il Giappone è forte in settori come pezzi di ricambio, macchinari e materiali industriali.

“Sebbene l’industria dei semiconduttori del Giappone abbia vacillato, il nostro paese ha una quota di primo piano nei materiali correlati come il cloruro di vinile… Creare una situazione in cui la Cina non possa realizzare prodotti per tutti gli usi senza parti e materiali giapponesi sarebbe la migliore difesa”. Egli ha detto.

Ha anche affermato che il Giappone deve trovare il modo di trarre vantaggio dal vuoto che potrebbe sorgere nel mercato statunitense poiché Washington cerca di ridurre la sua dipendenza dalle merci cinesi a lungo termine e cerca di attirare più visitatori dagli Stati Uniti e dall’Europa in un mercato turistico interno altrimenti dipendente dalla Cina.

Makita ha suggerito che il governo giapponese deve intensificare i suoi sforzi per prepararsi alla nuova “Guerra Fredda”.

“Ci sono state alcune mosse (per una strategia) ma sono iniziate troppo tardi”, ha detto, osservando che la persistente riluttanza all’interno degli ambienti economici giapponesi a prepararsi a tali rischi potrebbe essere stata una delle ragioni del ritardo.

“Anche il Giappone manca di consapevolezza dei pericoli legati all’emergenza a Taiwan”, ha aggiunto, riferendosi alla minaccia della Cina di usare la forza, se necessario, per ottenere un’eventuale riunificazione con quella che vede come una provincia insulare rinnegata.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Tom Cruise affronta il suo “vecchio” aspetto mentre partecipava alle finali di Wimbledon
Next Post Il primo ministro Imran afferma che la campagna dei miliardi di alberi sta dando risultati incredibili