Fazal invita Shahbaz un giorno dopo aver espresso il suo disappunto per il caucus PML-P Pakistan-Pakistan

Il capo di Jamiat Ulema-e-Islami Maulana Fazlur Rahman – che guida anche il Pakistan Democratic Movement, alleanza politica a capo del centro – ha invitato lunedì il primo ministro Shahbaz Sharif a Islamabad e ha discusso della situazione attuale. La situazione politica del Paese, secondo un comunicato diffuso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L’incontro si svolge sullo sfondo di segnali di disaccordo all’interno della coalizione di governo e del People’s Democratic Movement Party, dove Fadl ha espresso la sua insoddisfazione il giorno prima di un altro incontro tra i leader del PPP e PML-N a Dubai il mese scorso.

È stato riferito al momento della riunione del PPP, del PML-N e del PML-N che le dirigenze dei due alleati si sono incontrate per consultarsi e determinare i tempi delle prossime elezioni generali nel paese e la loro “quota” in la futura preparazione.

Parlando ai giornalisti domenica, Fazal ha affermato che all’interno del PDM – che include il PML-N ma non il PPP – sono state poste domande in merito all’incontro “programmato” tra i due principali alleati del governo.

Ha inoltre messo in dubbio il motivo per cui il PDM non è stato preso in considerazione in relazione all’assemblea con PPP.

L’ufficio del primo ministro ha affermato nell’incontro odierno con Fadl che il premier apprezza il ruolo dei partner di coalizione nel governo e ha affermato che senza la loro collaborazione non sarebbe stato possibile far uscire il Paese dalla crisi economica e raggiungere un accordo con il Fondo monetario internazionale.

Ha anche elogiato il capo del Gruppo islamico per l’autodifesa per “essere stato con il governo nel prendere decisioni difficili”, ha aggiunto l’ufficio del primo ministro.

Da parte sua, Fadl ha elogiato gli sforzi del governo di coalizione guidato dal primo ministro per far uscire il Paese dalle difficoltà economiche e avviarlo sulla strada della prosperità.

Ha anche apprezzato la “ferma reazione” e i passi del governo e del primo ministro in merito all ‘”atto fortemente condannato” di profanazione del Sacro Corano in Svezia, afferma la dichiarazione, aggiungendo che il rettore dell’università ha definito l’incidente “estremamente deplorevole”. .

All’incontro ha partecipato anche il figlio di Fadl, ministro delle Comunicazioni, Asad Mahmoud.

READ  10 uccisi nella sparatoria in Ucraina orientale; Gli ucraini si trasferiscono nei rifugi antiaerei dopo che le sirene suonano a Kiev

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *