Ex giocatore della NFL accusato di aver ucciso sei persone CTE | Commozione cerebrale nello sport

L’ex giocatore della NFL accusato di aver sparato a sei persone a Rock Hill, nella Carolina del Sud, ha una malattia cerebrale insolitamente grave sul foglio anteriore e si è suicidato ad aprile.

Dopo 20 anni passati a giocare a football alla Philip Adams High School, al College e alla NFL, il livello 2 è stato “sicuramente… promosso” per essere stato diagnosticato. Encefalopatia traumatica cronica (CTE), ha detto la dottoressa Ann McKee, che ha esaminato il cervello di Adams.

Le autorità dicono che Adams ha ucciso il medico di Rock Hill Robert Leslie il 7 aprile; Sua moglie, Barbara; Due dei loro nipoti, Ada Leslie di nove anni e Noah Leslie di cinque; E due uomini che lavorano a casa di Leslie, James Lewis e Robert Schuck, 38 anni. La polizia ha poi trovato Adams con una ferita da arma da fuoco alla testa.

CTE è stato collegato a trauma cranico e commozione cerebrale è stato dimostrato La violenza provoca molti sintomi, inclusi sbalzi d’umore e perdita di memoria.

McKee, che gestisce il CTE Center della Boston University, ha affermato che a 24 giocatori della NFL è stata diagnosticata la malattia dopo la morte tra i 20 ei 30 anni, la maggior parte dei quali aveva lo stadio 2 come Adams. La malattia ha quattro fasi, la fase 4 è la più grave ed è comunemente associata alla demenza. È associato ad anomalie cognitive e comportamentali progressive come aggressività secondaria, agitazione, depressione, paranoia, ansia, scarse funzioni amministrative e perdita di memoria, ha detto McKee. Ma l’esperto ha detto che la diagnosi di CTE di Adams era diversa da quella di altri giovani giocatori perché era “insolitamente grave” in entrambi i suoi lobi frontali.

Adams non è rimasto sorpreso dai risultati di un rapporto preparato dalla famiglia, ma ha detto di essere rimasto scioccato nell’apprendere quanto fosse grave la sua salute.

“Dopo aver esaminato le cartelle cliniche della sua carriera calcistica, sappiamo che ha cercato seriamente l’aiuto della NFL, ma tutte le affermazioni sono state negate a causa della sua incapacità di ricordare le cose e della sua incapacità di gestire compiti semplici come viaggiare per ore per vedere i medici . E passando attraverso valutazioni complete”, ha detto. La loro dichiarazione ha detto.

Il CTE, che può essere rilevato solo dall’autopsia, è stato trovato in ex militari, calciatori, pugili e quelli con lesioni multiple alla testa. Uno studio recente ha trovato sintomi in 110 dei 111 giocatori della NFL con malattia debilitante.

Adams, 32 anni, ha giocato 78 partite della NFL per sei squadre in sei stagioni. Si è unito ai San Francisco 49ers nella selezione del settimo round dello stato della Carolina del Sud nel 2010, e sebbene abbia iniziato raramente, ha giocato con i jet del New England, Seattle, Auckland e New York prima di terminare la sua carriera. Atlanta Falcons nel 2015.

Come nuovo giocatore, Adams ha subito un grave infortunio alla caviglia e non ha mai più giocato per i 49ers. Poi, con i Raiders, ha subito due commozioni cerebrali in tre partite nel 2012. Dal momento che non si ritirerà fino al 2014, non sarà idoneo per il test come parte di un accordo più ampio di lunga data tra la lega e gli ex giocatori. Lesioni legate al trauma.

Dopo gli omicidi, la sorella di Adams ha detto a USA Today che la “salute mentale di suo fratello era peggiorata rapidamente e peggio”. La famiglia ha anche notato sintomi “molto ansiosi” di malattia mentale, tra cui aumento della rabbia e negligenza nell’igiene personale.

READ  IPL 2021: Rishabh Bandh eccelle come capitano, i Delhi Capitals giocano un bellissimo cricket-Shane Watson
Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post I minatori sollevano le scorte europee; Focus sulle riunioni cenbank
Next Post Il Regno Unito lotta per ottenere colpi di richiamo e test tra i timori di “onda di marea” Omicron