Evergrande: Evergrande: fino a che punto si spingerà il presidente Xi Jinping nella sua repressione del settore immobiliare cinese?

PECHINO: Fino a che punto si spingerà il presidente Xi Jinping nella sua repressione del settore immobiliare cinese?
La domanda è diventata improvvisamente urgente sui trading desk di tutto il mondo. Dopo mesi trascorsi a trattare la crisi presso lo sviluppatore di debiti China Evergrande Group come ampiamente contenuta, lunedì gli investitori sono stati rapidi nel valutare i rischi che Xi valuterà male mentre cerca di frenare gli eccessi del mercato immobiliare cinese senza far deragliare l’economia.
Le conseguenti turbolenze di mercato potrebbero aumentare la pressione sui leader cinesi affinché usufruiscano dei freni alla politica di inasprimento, o almeno adottare misure per limitare le ricadute. Gli analisti di Goldman Sachs Group Inc hanno invitato le autorità a inviare un “messaggio più chiaro” su come intendono impedire a Evergrande di causare “ripercussioni significative” sull’economia in generale. Citigroup ha affermato che i funzionari potrebbero commettere un “errore politico di essere eccessivamente duri”. Gli economisti della Societe Generale SA assegnano una probabilità del 30% di un “atterraggio duro”.
“Mentre la maggior parte delle persone non si aspetta che Evergrande crolli improvvisamente, il silenzio e la mancanza di azioni importanti da parte dei responsabili politici fanno prendere dal panico tutti”, ha affermato Ding Shuang, capo economista per la Grande Cina e l’Asia del Nord presso Standard Chartered Plc. ad Hong Kong. “Mi aspetto che la Cina fornisca presto almeno un supporto verbale per stabilizzare il sentimento”.
La svendita di lunedì ha lasciato intatte alcune attività rischiose. L’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso di oltre il 3%, guidato dalle società immobiliari. Gli indici azionari in Germania e Italia hanno perso oltre il 2%, mentre l’S&P 500 è sceso dell’1,7%, registrando il suo calo maggiore in quattro mesi. Il prezzo medio delle banconote in dollari con rating spazzatura dei mutuatari cinesi è sceso di più in circa un anno. Il calo giornaliero del 12% dei futures sul minerale di ferro ha esacerbato le cose, così come le chiusure per festività in molti mercati asiatici.
Le autorità cinesi, che hanno recentemente nominato consulenti per esaminare il caso Evergrande, non hanno fornito garanzie pubbliche di un piano guidato dallo stato per risolvere la crisi. I commenti dei media ufficiali hanno ampiamente eluso l’argomento, a parte il tabloid che ha affermato che l’Evergrande era un “caso isolato” e ha invitato i media occidentali a colpire l’economia cinese. Non c’erano prove evidenti di denaro statale che entrava nel mercato azionario nazionale, come è successo a marzo.
La risposta finora è stata in gran parte limitata alla Banca popolare cinese, che venerdì ha iniettato 90 miliardi di yuan netti nel sistema bancario. Sabato ha aggiunto altri 100 miliardi di yuan.
Evergrande ha impegni per circa 300 miliardi di dollari, più di qualsiasi altro sviluppatore immobiliare al mondo. È una balena nel mercato obbligazionario cinese ad alto rendimento in dollari, che rappresenta circa il 16% delle note in circolazione. Giovedì scadranno circa 83,5 milioni di dollari di interessi su obbligazioni in dollari a cinque anni e il mancato pagamento entro 30 giorni potrebbe costituire un’inadempienza. Evergrande deve anche pagare una cedola da 232 milioni di yuan (36 milioni di dollari) su un’obbligazione interna lo stesso giorno.
Le azioni di Evergrande hanno perso fino al 19% lunedì, portando brevemente il suo valore di mercato al minimo storico. Il titolo ha chiuso in ribasso del 10%.
Gli economisti di Goldman guidati da Hui Shan hanno scritto: “Con i responsabili politici che non mostrano segni di riduzione dell’indebitamento nel mercato immobiliare, è probabile che gli ultimi titoli su Evergrande suggeriscano che l’attività immobiliare potrebbe deteriorarsi ulteriormente in assenza di un governo che fornisca un chiaro percorso verso soluzione finale”. In una nota di domenica.
Con oltre 200 società offshore e quasi 2.000 filiali locali, Evergrande detiene circa 2 trilioni di yuan in attività, equivalenti al 2% del PIL cinese, secondo i calcoli di Goldman Sachs. La diffusione caotica di un mercato immobiliare già in rallentamento potrebbe rivelarsi costosa, con gli immobili che rappresentano il 40% del patrimonio delle famiglie in Cina. I dati della scorsa settimana hanno mostrato che le vendite di case in valore sono diminuite del 20% ad agosto rispetto a un anno prima, il calo più grande da quando il coronavirus è emerso all’inizio dello scorso anno.
Le autorità sembrano intente a portare avanti la loro campagna per eliminare e calmare il mercato immobiliare. Guo Shuqing, il principale regolatore bancario, l’anno scorso ha identificato l’eccessiva esposizione delle banche al mercato immobiliare come il più grande rischio per il sistema finanziario. La sfida per i funzionari è fino a che punto devono spingersi prima che la loro repressione minacci di creare il tipo di instabilità finanziaria che stanno cercando di evitare.
I regolatori stanno aumentando i loro sforzi per domare i prezzi dei terreni e delle case che hanno alimentato il settore immobiliare cinese e gran parte della sua crescita economica. La Cina negli ultimi mesi ha inasprito le approvazioni dei mutui e aumentato i tassi di interesse per i primi acquirenti, imposto controlli sugli affitti nelle città e sospeso alcune vendite di terreni centrali. Alle banche cinesi è stato detto di ridurre i prestiti agli acquirenti di case e i funzionari a maggio hanno rilanciato l’idea di una tassa nazionale sulla proprietà. Il governo l’anno scorso ha redatto le cosiddette “tre linee rosse” – misure di debito che gli sviluppatori dovranno affrontare se vogliono prendere in prestito di più.
“La Cina farà tutto il necessario per mitigare l’impatto”, ha affermato Peter Garnery, capo della strategia azionaria di Saxo Bank. Per la Cina, si tratta di strutturare la giusta comunicazione e di elaborare il piano giusto per come apparirà il settore immobiliare sotto la nuova direzione politica. Quando questo sarà fatto, si sposteranno rapidamente e di grandi dimensioni”.
Il governo centrale ha dimostrato di poter sopportare enormi perdite di mercato – sia nelle aziende tecnologiche, negli educatori online o nei casinò di Macao – mentre i funzionari perseguono gli obiettivi di “prosperità condivisa” di Xi. La flessione degli sviluppatori immobiliari di Hong Kong lunedì è stata in parte guidata dalla speculazione secondo cui la Cina estenderà la sua repressione immobiliare alla città, uno dei luoghi più costosi al mondo per acquistare una casa.
“Insistere per non cambiare le politiche mentre l’onere di Evergrande continua potrebbe portare a più debolezza di quanto il governo sia a suo agio”, hanno scritto gli analisti di Citi guidati da Dirk Wheeler. “Osserveremo i segnali di mercato, come ad esempio i default swap delle banche, e il comportamento azionario dei titoli immobiliari e del settore finanziario, per vedere se questa crisi può diventare più sistemica”.

READ  Australia, Filippine e Unione Africana vietano il colpo di COVID-19 AstraZeneca
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Hawai’i Premiere – Inoltre, EP discute se LGBTQ Reveal sia un franchise significativo
Next Post Autunno: Autunno 2021