Europa League: la Juventus rischia l’espulsione dal campionato italiano se continuano i piani separatisti – Presidente Federcalcio italiana | notizie di calcio

Gabriel Gravina, presidente della Federcalcio italiana, ha detto che la Juventus sarà espulsa dalla Serie A se non si ritirerà dalla Super League europea.

Milan e Inter si ritirarono dalla competizione separatista, lasciando la Juventus l’unico club italiano a portare avanti i loro piani.

“Le regole sono chiare. Se la Juventus farà ancora parte della Premier League quando entrerà nella prossima stagione, allora non potrà partecipare al campionato italiano”, ha detto Gravina a Radio Napoli. Baci baci.

“Mi dispiacerà per i tifosi, ma le regole sono regole e si applicano a tutti. Spero che questa interruzione finisca presto”.

La Juventus ha vinto il campionato italiano la scorsa stagione per il nono anno consecutivo, ma da allora ha ceduto il titolo all’Inter.

Sabato, Real Madrid, Barcellona e Juventus hanno subito pressioni “insopportabili” e minacce di abbandonare il progetto della Lega Europea, e si sono impegnate a “perseverare” sull’idea nonostante il grande rifiuto.

Attendiamo con impazienza la possibilità che il Real Madrid non giocherà in Champions League la prossima stagione. La Juventus non ci giocherà. Il Barcellona non ci giocherà. A meno che non riescano a sedersi e raggiungere un compromesso con la UEFA.

Soulakul Cafe in Sky Sports News

I restanti tre club dei 12 originali hanno rilasciato una dichiarazione congiunta durante il fine settimana per difendere le loro fondamenta per la creazione di ESL e hanno espresso “rammarico” per vedere gli altri nove – inclusi i cosiddetti “Big Six” in Premier League – impegnarsi di nuovo alla UEFA domenica, venerdì.

Real, Barcellona e Juventus dovranno affrontare “un’azione appropriata” da parte della UEFA per il loro ruolo nel fiasco, che è stato accolto con pesanti condanne da tutta la comunità calcistica, ma il trio di club ha avvertito la UEFA di non arrendersi e sperare che siamo. Aperto in futuro per discutere soluzioni alla “crisi sistemica nel settore del calcio”.







5:33

L’ultimo è l’annuncio da parte dei “sei grandi” club inglesi che partecipano alla fallita European League del loro impegno nei confronti della UEFA e di cosa ciò potrebbe significare per Barcellona, ​​Real Madrid e Juventus che non lo hanno fatto, ha detto Café Solhakul.

Nel comunicato si legge: “Le società fondatrici hanno subito, e stanno ancora subendo, pressioni, minacce e violazioni inaccettabili da parte di terzi per abbandonare il progetto, cessando così il loro diritto e dovere di fornire soluzioni al sistema calcistico attraverso proposte concrete e costruttive. Dialogo.

“Questo è intollerabile per lo stato di diritto, e i tribunali si sono già pronunciati a favore della proposta della Premier League, e hanno ordinato alla FIFA e alla UEFA, direttamente o tramite i loro affiliati, di astenersi dal prendere qualsiasi azione che possa ostacolare questa iniziativa in In ogni caso, sono pendenti procedimenti giudiziari.

“Il progetto della Super League è stato progettato congiuntamente da 12 club fondatori con l’obiettivo di fornire soluzioni all’attuale situazione insostenibile nel settore del calcio. I dodici club fondatori condividevano gli stessi interessi degli altri stakeholder del calcio europeo, in particolare alla luce dell’attuale situazione sociale Contesto economico, riforme strutturali sono indispensabili per garantire che il nostro sport rimanga attraente e sostenibile a lungo termine.

(Il progetto della Super League è stato progettato congiuntamente anche con 12 club istituzionali) con grande rispetto per le strutture e l’ecosistema calcistico esistenti. I club fondatori hanno concordato esplicitamente che la Premier League si sarebbe svolta solo se tale competizione fosse stata riconosciuta dalla UEFA e / o FIFA o se è considerata, in conformità alle leggi e ai regolamenti applicabili, una competizione pienamente compatibile a tutti gli effetti con la continuità dei club stabiliti nelle rispettive competizioni nazionali.Tuttavia, nonostante siano a conoscenza delle condizioni di cui sopra, la UEFA e la FIFA lo hanno ha rifiutato di stabilire qualsiasi canale di comunicazione adatto.

La UEFA si riserva il diritto di intraprendere qualsiasi azione ritenga opportuna contro quei club che finora si sono rifiutati di rinunciare alla cosiddetta “Premier League”.

Il presidente UEFA Alexander Ceferin

“(Il progetto della Super League è stato ideato congiuntamente anche da 12 club istituzionali) per raggiungere la stabilità finanziaria dell’intera famiglia del calcio europeo, attualmente alla luce degli effetti di una profonda crisi che minaccia la sopravvivenza di molti club. A testimoniarlo è il impegno dichiarato a creare pagamenti di solidarietà annuali di somme annuali garantite, che raddoppia sostanzialmente quello distribuito dalla UEFA, e un impegno a rafforzare le regole per la sostenibilità finanziaria, stabilendo un sistema di controllo chiaro, trasparente ed efficace che è verificato da esperti.

“I 12 club fondatori hanno anche riconosciuto che la Premier League era un’opportunità unica per presentare la migliore offerta possibile ai fan di tutto il mondo e per promuovere l’interesse globale per lo sport, che non è” dato “e sfida le nuove tendenze delle generazioni. dei suoi obiettivi principali era promuovere il calcio femminile a livello globale, che rappresenta un’enorme opportunità per il settore, ma attualmente è sottovalutata.

“Siamo pienamente consapevoli della diversità delle reazioni all’iniziativa della Premier League e, di conseguenza, della necessità di considerare le ragioni di alcune di esse. Siamo pronti a riconsiderare l’approccio proposto, se necessario. Tuttavia, saremmo altamente irresponsabili se eravamo consapevoli delle esigenze e della crisi sistemica del settore calcistico, che ci ha portato ad annunciare la Premier League, abbiamo abbandonato questa missione per fornire risposte efficaci e sostenibili alle domande esistenziali che minacciano l’industria del calcio.







0:30

Il presidente del Real Madrid Florentino Perez ha rifiutato di commentare la Premier League europea, poiché ha visitato Londra per la semifinale di ritorno contro il Chelsea.

“Ci dispiace vedere i nostri amici e partner fondatori del progetto Super League ora si sono trovati in una posizione incoerente e contraddittoria quando hanno firmato ieri una serie di impegni con la UEFA. Tuttavia, a causa dei problemi materiali che hanno spinto i dodici club fondatori a dichiarare la Premier League da settimane non è scomparsa e affermiamo che, per onorare la nostra storia e per rispettare i nostri impegni nei confronti dei nostri azionisti e tifosi, per il bene del calcio e per la sostenibilità finanziaria del settore, abbiamo il dovere di agire in modo responsabile e perseverare nella ricerca di soluzioni adeguate, nonostante le pressioni e le minacce inaccettabili e continue che la Federazione riceve.

“Per lo più, assicuriamo FIFA, UEFA e tutte le parti interessate del calcio, come abbiamo fatto in diverse occasioni dall’annuncio della Premier League, il nostro impegno e la nostra ferma volontà di discutere, con rispetto e senza pressioni insopportabili e in conformità con lo stato di diritto. , le soluzioni più adeguate per la sostenibilità dell’intera famiglia calcistica “.

I nove club che si sono ritirati dalla Premier League europea sono tornati all’ovile della UEFA e hanno accettato di “fare tutti i passi in loro potere” per porre fine alla loro partecipazione al campionato separatista, che è stato abbandonato entro 72 ore dal suo annuncio tra un grande fan. Proteste, pressioni del governo e rifiuto del giocatore e del tecnico.



Glazer (PA)



3:51

James Cooper ha riportato l’ultima lettera aperta di Joel Glazer che la circondava alla Confidence of Manchester United Supporters (MUST) venerdì

Quale punizione devono affrontare i Nove Ribelli in Premier League?

Annunciando venerdì il ripristino dell’impegno UEFA, i nove club daranno un contributo di buona volontà combinato di poco più di £ 13 milioni al calcio per bambini e al calcio di base in tutta Europa. Avranno anche il cinque percento dei proventi della competizione UEFA per una stagione e quel denaro verrà ridistribuito.

Inoltre, rischiano multe di quasi 87 milioni di sterline ciascuno se cercano di partecipare a una competizione non autorizzata in futuro e una multa della metà di tale importo se violano altri termini pubblicitari. Torneranno anche nell’influente gruppo di pressione della European Club Association.

Un portavoce del Manchester United ha confermato che i Glazers avrebbero coperto personalmente la quota del loro club dei fondi in buona fede richiesti e trattenuto i soldi. Si prevede che l’importo a carico dei Glazers oscilli tra i cinque ei dieci milioni di euro.



AP - Thomas Tuchel, allenatore Chelsea



1:07

L’allenatore del Chelsea Thomas Tuchel ha detto che la UEFA ha ragione a non essere espulsa dalla UEFA Champions League in questa stagione per il suo trasferimento alla fallita Europa League.

“Ho detto alla conferenza UEFA due settimane fa che ci vuole un’organizzazione forte per ammettere di aver commesso un errore, soprattutto in questi giorni di prova sui social media”, ha detto il presidente UEFA Alexander Ceferin. “Questi club hanno fatto proprio questo.

“Accettando i loro impegni e la volontà di porre rimedio alle turbolenze che hanno causato, la UEFA vuole lasciarsi alle spalle questo capitolo e andare avanti con uno spirito positivo. Le misure annunciate sono importanti, ma la UEFA non manterrà nessuna delle sanzioni finanziarie. tutti reinvestiti nel calcio giovanile e di base nelle comunità di tutta Europa, Regno Unito compreso.

“Questi club si sono presto resi conto dei loro errori e hanno agito per mostrare il loro rimorso e il futuro impegno per il calcio europeo. Lo stesso non si può dire per i club che partecipano ancora alla cosiddetta” Premier League “e la UEFA tratterà con quei club in seguito. “



Florentino Perez



1:59

Cowim O’Neill dell’Athletic ha detto che i fan del calcio non dovrebbero essere troppo preoccupati per l’affermazione di Perez secondo cui i piani della Premier League verranno ripresi.

Ma che dire di Real, Barcellona e Juventus?

Per Real, Barcellona e Juventus, il tono era sorprendentemente diverso nella dichiarazione della UEFA di venerdì, che diceva: “La UEFA si riserva tutti i diritti di intraprendere qualsiasi azione ritenga opportuna contro quei club che finora si sono rifiutati di rinunciare al cosiddetto Premier. La questione sarà deferita immediatamente agli organi disciplinari competenti della UEFA.

Sky Sports News Il giornalista Café Solhakul ritiene che i tre club potrebbero dover affrontare un divieto dalla Champions League la prossima stagione.

“Tre club si rifiutano di fondersi”, ha detto. “Sono tre dei club più grandi d’Europa: Barcellona, ​​Real Madrid e Juventus. Così com’è, la UEFA dice che questi tre club potrebbero essere banditi dalle competizioni europee.

“Attendiamo con impazienza la possibilità che il Real Madrid non giocherà in Champions League la prossima stagione. La Juventus non ci giocherà. Il Barcellona non ci giocherà. A meno che non possano sedersi e raggiungere un compromesso con la UEFA. Ma come suona – stupido come sembra – Questi tre club si rifiutano di rinunciare alla Premier League.

“Credono ancora in qualche modo di poterlo raggiungere. Si rifiutano di accettare questi termini e condizioni e le sanzioni che la UEFA ha imposto ad altri club”.

READ  Federer batte Kupffer in un combattimento notturno
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il primo ministro nepalese KP Oli perde il voto di fiducia
Next Post Il Maine Center for Disease Control ha segnalato 214 ulteriori casi di COVID-19 e non ci sono nuovi decessi