Europa e Russia lanciano la nona missione OneWeb

In collaborazione con Starsem e Roscosmos, Arianespace ha lanciato 34 nuovi satelliti per comunicazioni Internet a bordo della Soyuz 2.1b per la missione OneWeb 9. Il volo segna l’ottavo lancio operativo dei satelliti OneWeb e porterà il numero totale in orbita a 288: il 48% di i 600 satelliti necessari per la copertura globale con 48 ulteriori pezzi di ricambio in orbita per la dimensione totale della costellazione di primo stadio fino a 648 satelliti.

Il lancio era previsto per giovedì 19 agosto. Tuttavia, un raro scrub è stato chiamato pochi secondi prima del decollo. Il secondo tentativo è previsto per la prima volta venerdì. Il decollo ha avuto luogo sabato 21 agosto dal 6/31 cosmodromo di Baikonur in Kazakistan alle 22:13:40 UTC (18:13:40 EDT).

per questo compito, La Soyuz 2.1b è dotata di un motore Fregat a stadio superiore con un motore di rilevamento che funziona con dimetilidrazina asimmetrica (UDMH) e tetraossido di azoto (N2O4). È in grado di posizionare il carico utile di 5.518 kg di OneWeb nella sua orbita iniziale di circa 450 km con un’inclinazione di 84,7 gradi.

La costellazione satellitare di OneWeb è una piattaforma Internet ea banda larga globale in azione simile a Starlink di SpaceX Il progetto Amazon Kuiper. L’obiettivo della costellazione è fornire Internet a latenza quasi bassa ai siti in cui Internet terrestre non è disponibile o inaffidabile. Una volta finito, OneWeb fornirà l’accesso a Internet con velocità fino a 50 MB/s in qualsiasi parte del mondo, inclusi terra, mare e aria.

Al termine della prima fase, OneWeb passerà alla seconda fase, che sarà composta da 6.372 satelliti; Questo numero è significativamente inferiore rispetto alla precedente proposta dell’azienda, che consiste in circa 48.000 satelliti.

Ogni satellite OneWeb pesa 147 kg ed è dotato di un’antenna in banda Ku. I satelliti sono stati prodotti presso lo stabilimento OneWeb di Merritt Island, in Florida, dove sono prodotti in collaborazione con Airbus Defence and Space. In questa struttura, OneWeb produce attualmente circa due satelliti al giorno, consentendo un massimo teorico di circa due lanci al mese.

Diverse settimane prima del lancio, 34 satelliti sono stati spediti in Kazakistan dove sono stati integrati nel distributore del carico utile, che era Prodotto da RUAG Space. Quindi lo stack di carico utile è stato spostato in Arianespace Lo Starsem è integrato con il missile.

Sebbene il Soyuz sia un missile di fabbricazione russa, RoscosmosArianespace e Starsem gestiscono la vendita commerciale e il lancio dei veicoli per gli incarichi OneWeb.

Quattro giorni prima del lancio, il 15 agosto, Arianespace ha condotto una Launch Readiness Review (LRR) per garantire che il veicolo di lancio e il carico utile siano pronti per l’uso e che le apparecchiature di servizio a terra (GSE) e la piattaforma di lancio siano pronte a ricevere la Soyuz.

Il giorno dopo, l’auto si precipitò alla rampa di lancio e il GSE fu collegato. Questo processo prevedeva il rifornimento di scollegamenti rapidi, lo spegnimento del pannello di servizio del pannello degli attuatori, l’esecuzione dei controlli GSE di primo, secondo e terzo stadio e la verifica che il carico utile fosse sano.

READ  Un sondaggio dell'ospedale di Cincinnati sul vaccino COVID mostra che un terzo degli infermieri smetterebbe di lavorare piuttosto che essere costretto a prenderlo

Soyuz è in viaggio verso il sito 31/6 durante l’avvio della missione OneWeb 9. (Credit: Roscosmos)

Due giorni prima del primo tentativo di lancio, le squadre hanno effettuato controlli sanitari per la quarta fase delle squadre, che era stata rifornita circa due settimane prima.

lanciare

Il conto alla rovescia è iniziato 5 ore e 10 minuti prima del decollo. Quaranta minuti dopo, alle ore T-4 e 30 minuti, la Soyuz iniziò a rifornire di cherosene RP-1 e ossigeno liquido.

Nel minuto T-35, il guscio del cavalletto di servizio è stato abbassato nella posizione di lancio. Verso la fine del conteggio finale, due bracci di manutenzione sono stati allontanati dalla Soyuz, seguiti in T-16 secondi dall’ordine di accendere i quattro motori RD-107A del razzo, uno su ciascun booster, e il motore centrale RD-108A.

I quattro rinforzi laterali, conosciuti come il primo stadio, bruciarono per 118 secondi e poi si separarono in uno schema noto come la croce di Korolev.

Il nucleo, noto come secondo stadio, ha continuato a bruciare fino a T+4 min 48 sec.

La struttura del carico utile, che protegge i satelliti dai carichi aerodinamici e termodinamici durante la salita, è stata eliminata a T + 3 min 38 sec.

Il terzo stadio ha implementato una separazione “fuoco caldo” dal secondo stadio, il che significa che il suo singolo motore RD-0124 si è acceso mentre gli stadi erano ancora collegati. Il terzo stadio è poi bruciato per più di quattro minuti.

(Commento video: come i razzi Soyuz accendono i loro motori. Credito: Scott Manley)

Dopo aver chiuso la terza fase, Un palco a squadre ha subito una bruciatura di 5 minuti, mettendo il palco e il carico utile in un’orbita di parcheggio. Successivamente, la fase di fregata si accenderà per far circolare l’orbita di propagazione.

Il distributore di payload RUAG Space-design dispiegherà quindi 34 satelliti in un periodo di diverse ore. Tra gli eventi di separazione dei satelliti, Fregat effettuerà correzioni di posizione, assicurando che i carichi utili siano distribuiti nella posizione corretta.

La durata nominale dell’attività per OneWeb 9 è di 3 ore e 45 minuti.

I satelliti OneWeb trascorreranno i prossimi mesi alzando le loro orbite usando i loro motori ad effetto Hall per raggiungere la loro orbita finale di 1.200 km.

Dopo lo schieramento finale, lo stadio Fregat eseguirà un’ustione di deorbita, assicurando che lo stadio sia riportato in sicurezza nell’atmosfera terrestre.

(FOTO IN ALTO: Il team Soyuz esegue il proprio programma di rollio e oscillazione dopo il decollo. Credito: Roscosmos)

READ  Mentre l'epidemia rallenta negli Stati Uniti, la battaglia contro la sindrome post-Covid continua
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Peyton Seva firma con gli Sky Sport Breakers della NBL
Next Post Charlotte Flair sottomette Nikki Ash per riconquistare il Raw Women’s Championship