EURACTIV.com dice Meloni: I limiti di prezzo in Europa sono essenziali

Il premier italiano Giorgia Meloni, che spera che soluzioni comuni arrivino presto all’Unione europea, ha affermato che è necessario fissare un tetto per l’Europa sui prezzi del gas, altrimenti i soldi investiti alimenteranno solo la speculazione.

Martedì il governo italiano ha approvato una manovra economica da 35 miliardi di euro, di cui 21 miliardi destinati a misure energetiche.

“La vedo come una manovra coraggiosa nel rispetto degli impegni presi con il popolo italiano e coraggiosa perché scommette sul futuro”, ha detto la Meloni, che ha citato come priorità la crescita e la giustizia sociale.

Una risposta nazionale a un problema europeo, la crisi energetica, che necessita di una risposta Ue per far fronte all’aumento dei prezzi che mette a rischio famiglie e imprese.

La Meloni spera di “trovare soluzioni nell’Unione Europea” e spiega di aver avviato un confronto con le istituzioni Ue per pensare “a uno strumento come ‘Sure’, utilizzato per la pandemia, e a una possibile flessibilità nell’utilizzo dei fondi strutturali esistenti .”

«Non c’è la percezione che l’Italia sia sorvegliata», ha spiegato la Meloni, con l’intento di fugare i dubbi sull’autorità del suo governo in Europa.

Lo stesso giorno, la Commissione ha proposto un tetto massimo del prezzo del gas di 275 euro per megawattora con effetto dal 1° gennaio 2023, che sarà valido per un anno.

Il commissario Ue all’Energia, Cadre Simson, ha chiarito che non si tratta di un “intervento normativo” ma di un “meccanismo di ultima istanza” che fungerebbe da correzione se i prezzi superassero il limite di due settimane.

“Sono risorse che vorrei spendere in un altro modo. E’ un pozzo senza fondo se non c’è una soluzione europea”, ha aggiunto Meloni.

READ  Decine di migranti libanesi e siriani sono intrappolati in mare

Per l’Italia si è in attesa della valutazione della commissione

La Commissione ha presentato il suo pacchetto di valutazione delle leggi di bilancio nazionali e della gestione dei conti pubblici e ha trovato l’Italia in allerta a causa del suo elevato rapporto deficit/PIL.

Nella relazione sul meccanismo di allerta, la Commissione pone l’Italia e altri 17 paesi sotto sorveglianza per squilibri macroeconomici eccessivi, che saranno oggetto di un esame approfondito per valutare l’evoluzione della situazione.

Il comitato osserva che i “paesi ad alto debito” possono affrontare “alti rischi di sostenibilità finanziaria” e sono “particolarmente vulnerabili ai cambiamenti nei termini di finanziamento”.

“Gli Stati membri dovrebbero fare pieno uso dei fondi nazionali per la ripresa e dei finanziamenti di RePowerEu per effettuare investimenti significativi mentre perseguono le riforme strutturali”, ha affermato il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis, proponendo di “evitare stimoli fiscali su larga scala”.

Il bilancio italiano è stato approvato tra lunedì e martedì notte, e il commissario europeo per l’economia, Paolo Gentiloni, ha detto che sarà esaminato una volta arrivato a Bruxelles, tra mercoledì e giovedì.

“È molto difficile per noi seguire la prima impressione, dobbiamo vedere e valutare il budget e le sceneggiature. Penso che abbiamo anche il dovere di trattare tutti i Paesi allo stesso modo”, ha detto Gentiloni.

(Federica Pascal | EURACTIV.it)

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Lupi tra i club interessati a Carlos Alcaraz?
Next Post Buck in caduta libera finanziaria, i credit default swap salgono al 93%, nessun aiuto da FMI, “amici”