Eric Clapton preme sulla protesta per la vaccinazione COVID-19 con la nuova canzone “This Has Has Fotta Stop”

Il leggendario chitarrista, che in precedenza si era lamentato di una reazione “catastrofica” dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca, ha pubblicato il brano con un video animato che affronta anche i disastri del cambiamento climatico.

Negozio di ghiaccio
Eric Clapton Ha continuato a esprimere la sua frustrazione per la vaccinazione contro il coronavirus. Il leggendario chitarrista, che in precedenza si era lamentato della reazione “catastrofica” dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca, ha pubblicato una nuova canzone, “This Has Gotta Stop”, denunciando i mandati per il vaccino.

Il musicista inglese ha lasciato cadere la traccia, prodotta dal suo collaboratore di lunga data Simon Climie, insieme a un video animato. Gli scatti in questione mostrano immagini stimolanti di disastri del cambiamento climatico, interferenze tecnologiche e influenza politica.

La star di 76 anni canta: “Questo è finito / Basta / Non sopporto più questa laurea”. “È andato abbastanza lontano / Se vuoi reclamare la mia anima / Devi venire e sfondare quella porta”.

Eric sembra descrivere in dettaglio gli effetti che ha sperimentato dopo aver ricevuto il jab di AstraZeneca. “Non riesco a muovere le mani / sto sudando / voglio piangere / non ce la faccio più”, canta a un certo punto.

Il produttore di successo di “Tears in Heaven” ha scritto lui stesso la canzone. Tuttavia, un chitarrista si unì a lui Nathan Eastbatterista Sony Emery e cantante Sharon White durante l’esecuzione della melodia.

Questo è arrivato dopo che Eric ha parlato della sua reazione “catastrofica” al vaccino COVID-19 a maggio. In una lettera inviata all’attivista anti-lockdown Robin Monotti, ha detto: “Ho preso il primo colpo dalla A alla Z e ho subito ricevuto reazioni intense che sono durate dieci giorni. Alla fine mi sono ripreso e mi è stato detto che ci sarebbero volute dodici settimane prima del secondo. ” Graziadei.

READ  L'ex marito di Kelly Clarkson pensa ancora di poter ottenere un ranch nel Montana

Ha inoltre spiegato: “Circa sei settimane dopo, mi è stato offerto e ho fatto il mio secondo tiro dalla A alla Z, ma con più consapevolezza dei rischi”. “Inutile dire che le reazioni sono state catastrofiche, le mie mani e i miei piedi erano congelati, insensibili o bruciati, e praticamente inutili per due settimane… avevo paura che non avrei mai più giocato, (ho una neuropatia periferica e non dovrei mai avvicinarmi dall’ago ).

prossimo articolo