Erdogan rischia di perdere la cooperazione economica e militare con l’Italia

Le recenti dichiarazioni di Mario Draghi contro Recep Tayyip Erdogan, definendolo un “dittatore”, sono state oggetto di dibattito in tutto il mondo, soprattutto visti i rapporti di cooperazione tra i due Paesi nella geopolitica del Nord Africa e gli sforzi in corso dell’Italia per prevenire l’Unione Europea. sanzioni contro la Turchia. Inizialmente si ipotizzava che l’Italia avrebbe cambiato il suo orientamento verso la Turchia a causa di alcune riforme nella sua politica estera, tuttavia forse l’iniziativa di cambiare strutturale i rapporti tra i due paesi è un’iniziativa di Ankara.

In risposta alle dichiarazioni aggressive del ministro italiano, Erdogan Commentato Che “facendo questa dichiarazione, l’uomo di nome Draghi ha purtroppo lasciato cadere l’ascia nel nostro rapporto in un momento in cui speravamo che i rapporti turco-italiani avrebbero raggiunto un buon posto”.

Queste parole di Erdoan ci portano ad alcune interessanti speculazioni, visti gli attuali rapporti tra Turchia e Italia. Attualmente circa 50 grandi aziende italiane operano sul suolo turco, con un grande capitale totale annuo. Nel 2020 le relazioni bilaterali sono ammontate a circa 15 miliardi di euro, essendo un importante pilastro economico nel mezzo della crisi derivante dalla nuova pandemia di Coronavirus.

Inoltre, la Turchia è uno dei mercati più importanti per l’industria militare italiana. Armi, bombe, siluri, missili, elicotteri e altri prodotti che muovono una grande quantità di capitali nei rapporti tra i due paesi. Tra il 2013 e il 2019 le esportazioni italiane di munizioni verso l’Impero Ottomano hanno superato il miliardo di euro. È importante sottolineare che questa cooperazione militare non è stata interrotta nemmeno nei momenti peggiori della crisi diplomatica. Ad esempio, nell’ottobre 2019, quando i turchi hanno lanciato un’offensiva contro le milizie curde in Siria, il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha annunciato che avrebbe impedito le esportazioni di armi verso la Turchia. Tuttavia, le sue dichiarazioni non hanno avuto effetto e le esportazioni non solo sono continuate, ma sono aumentate, poiché l’Italia è diventata il più grande fornitore di armi alla Turchia alla fine di quell’anno e il volume del capitale ha raggiunto quasi 340 milioni di euro. Questo commercio è rimasto attivo nel 2020, il che ha contribuito all’economia italiana durante l’epidemia.

READ  Jaishankar si congratula con il ministro degli Esteri italiano per il successo della riunione dei ministri degli Esteri del G20

D’altra parte, nonostante il buon scenario economico, la situazione per quanto riguarda i piani geopolitici è cambiata. Sebbene entrambi i paesi sostengano la stessa parte nel conflitto libico, le tensioni si sono gradualmente intensificate. Ciò è dovuto al fatto che la Turchia sostiene il governo di intesa nazionale molto più fortemente degli italiani. Roma è interessata a ripristinare la sua influenza in Libia e a riprendere le relazioni che sono state interrotte dall’era coloniale. Le compagnie italiane hanno interessi nel petrolio libico e stabilire una politica di esplorazione per il Paese africano richiede la formazione di un governo forte e solido nella regione, che prevenga caos e guerre – motivo per cui l’Italia sostiene il Governo di Accordo Nazionale. Al contrario, i turchi godono di relazioni molto più forti con il governo di accordo nazionale, perché non solo includono la Libia nel piano di esplorazione economica, ma in una nuova struttura geostrategica che integra i nuovi piani ottomani di Erdogan per la regione del Mediterraneo.

Nel novembre 2019, la Turchia e la Libia hanno firmato un accordo sulla delimitazione delle zone economiche esclusive nel Mediterraneo orientale. I due siti condividevano i territori marittimi rivendicati da Grecia ed Egitto, facendo sì che il documento fosse considerato illegale dall’Italia e dal resto dell’Unione Europea. L’accordo stesso ha anche stabilito un’ampia cooperazione militare tra libici e turchi, indicando in uno dei suoi paragrafi che il governo di accordo nazionale potrebbe richiedere supporto militare ad Ankara in qualsiasi momento. Ciò è accaduto più tardi, nel 2020, quando la Turchia ha inviato mercenari e armi per aiutare il governo di accordo nazionale a combattere le forze dell’LNA.

READ  I limiti della coercizione economica cinese

È importante sottolineare questo punto della cooperazione militare, perché nello stesso momento in cui i libici chiedevano il sostegno turco, Roma avrebbe potuto fornire assistenza al Governo di Accordo Nazionale, ma non lo fece, e si limitò a fornire rigidi verbali e morali. sostegno al governo, senza intervento diretto nelle battaglie. Ciò indica che, nonostante l’interesse di Tripoli a negoziare con Roma, soprattutto in ambito economico, la partnership con gli italiani non sembra redditizia quanto la cooperazione con Ankara. L’Italia fornisce supporto verbale e cooperazione economica, mentre la Turchia fornisce assistenza militare ed economica attiva.

Quindi, abbiamo uno scenario complesso con i seguenti fattori: Draghi ha criticato Erdogan ma era motivato da un motivo estraneo alle relazioni tra i due paesi – che è stato l’insulto di Erdogan al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Erdogan ha annunciato che le parole di Draghi avrebbero tagliato i legami tra i due paesi.

Non c’è dubbio che Erdogan abbia sbagliato con l’intera Unione Europea, non solo con von der Leyen, nel trattarlo sgarbatamente, e questo fa parte dell’atteggiamento aggressivo e coerente del leader turco. Inoltre, il desiderio europeo di cooperazione economica con la Turchia lo è CrescereChe potrebbe essere ostacolato dalle parole e dal comportamento di Erdogan.

Infine, affinché la situazione si risolva senza pregiudizi da entrambe le parti, il meglio che potrebbe accadere sarebbe il reciproco ritiro pubblico di Erdogan e Draghi, il che è improbabile. Erdogan non sarebbe troppo scortese con von der Leyen o minacciando di tagliare i legami con l’Italia solo per sbaglio, e non ha intenzioni nascoste riguardo all’Unione europea, in particolare all’Italia.

READ  I paesi BRICS cresceranno?

Lucas Lerose è ricercatore in diritto internazionale presso l’Università Federale di Rio de Janeiro.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post 10 canzoni di Essential Black Rob
Next Post Pearson ha sparato due volte per ogni punteggio mentre le foglie di Conox cadevano 6-3