Entra in vigore il bando di Venezia alle navi da crociera, tra reazioni contrastanti

emesso in:

Da domenica le navi da crociera e di peso superiore a 25.000 tonnellate o superiori a 180 metri saranno bandite dal canale poco profondo della Giudecca di Venezia. Molti residenti sono stati a lungo frustrati dalla presenza di quelle che considerano “piaghe agli occhi” nel famoso lago. Ma il divieto resisterà a pressioni economiche significative?

Solo i piccoli traghetti passeggeri e le navi mercantili possono entrare nel centro storico di Lake City dal 1 agosto secondo la nuova regola.

Il governo italiano ha emesso un decreto urgente che vieta le grandi navi poco più di due settimane fa affermando che si tratta di una decisione presa “per tutelare il patrimonio ambientale, artistico e culturale di Venezia, dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità”.

La mossa dell’ultimo minuto ha significato che la pistola ha evitato per un pelo di essere elencata come “in pericolo”. Patrimonio mondiale dell’UNESCO Siti durante la 44a sessione della riunione del Comitato del Patrimonio Mondiale in Cina la scorsa settimana.

L’UNESCO aveva precedentemente espresso preoccupazione per l’impatto del turismo e dell’industria delle crociere e per i potenziali danni agli edifici, nonché per le infrastrutture pianificate e i progetti di costruzione a Venezia.

È stato anche notato l’impatto dei cambiamenti climatici e degli eventi meteorologici estremi sul lago.

nuovi posti barca

La MSC Orchestra, la prima nave da crociera dall’inizio della pandemia di Covid, con una capacità di 2.500 passeggeri, è salpata sul lago all’inizio di giugno prima di proseguire il suo viaggio verso la Croazia e la Grecia, spingendo centinaia di persone a protestare contro il ritorno del gigante . fodere;

In risposta, il governo ha individuato una soluzione temporanea per lo sbarco nel principale porto industriale di Marghera, dove erano previste nuove aree di ormeggio, per ospitare navi più grandi fino a quando non fosse stata trovata una sistemazione a lungo termine al di fuori del lago.

READ  Gli Stati Uniti ripuliscono la mafia bulgara - EURACTIV.com

Il divieto è una grande vittoria per coloro che hanno lottato per anni sostenendo che tali navi hanno inquinato ed eroso il delicato ambiente di Lake City. Soddisfatto Tommaso Cacciari, leader del gruppo attivista No Grande Navi.

La sua organizzazione era dietro a molte grandi proteste quando l’orchestra MSC è entrata nel lago.

Mezzi di sussistenza a rischio

Altri attivisti temono che la battaglia sia tutt’altro che finita perché devono affrontare enormi interessi finanziari.

Non è la prima volta che l’Italia approva una legge per limitare l’ingresso di grandi navi a Venezia. Le aree di attracco alternative a Marghera sono tutt’altro che complete e molti credono di non aver visto gli ultimi mostri della nave da crociera, mentre altri insistono sul fatto che la città non può sopravvivere senza di loro.

Si teme che la decisione influirà ulteriormente sul turismo dopo mesi di blocco a causa della pandemia. Il sostentamento di molte persone a Venezia dipende dall’industria delle crociere, anche se il governo ha affermato che i lavoratori e le aziende colpite dal divieto verranno risarciti.

Il divieto, che renderà la crociera per Venezia meno attraente per i visitatori in quanto la nave non può più raggiungere Piazza San Marco, dovrebbe dimezzare nel lungo periodo il numero di turisti che arrivano in città, da una media di 1,5 milioni all’anno prima della pandemia.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Elsa Pataky “orgogliosa” del duro lavoro a The Interceptor | intrattenimento
Next Post Domingo German sbarca in IL sotto un altro Yankees