Eni è pronta a spendere di più per la fusione nucleare in un motore verde

Il capo del progetto di Eni ha affermato che la società energetica italiana Eni è pronta a investire di più in un progetto di fusione nucleare che potrebbe essere un punto di svolta nella corsa alla produzione di elettricità pulita e illimitata per la generazione di energia per le città e l’industria.

Nel 2018 Eni ha effettuato un investimento iniziale di 50 milioni di dollari, diventando il primo azionista di Commonwealth Fusion System (CFS), società costituita dal Massachusetts Institute of Technology per produrre energia fondendo atomi a temperature fino a quella del sole . “CFS è in un nuovo round di finanziamenti per la sua prossima scadenza del 2025 e stiamo osservando le cose con attenzione. Siamo molto interessati alla fusione e intendiamo costruire la società”, ha detto a Reuters Francesca Verrazza, responsabile del programma di integrazione di Eni.

All’inizio di quest’anno, CFS ha raggiunto un importante traguardo https://www.reuters.com/business/energy/eni-completes-landmark-test-energy-fusion-project-2021-09-08 per costruire una centrale elettrica a fusione di Successfully bobine e magneti testati che avrebbero trattenuto plasmi supercaldi di particelle subatomiche. Ora sta parlando con gli investitori per aiutarlo a finanziare la prossima scadenza: costruire un reattore sperimentale entro il 2025 in grado di generare più energia di quanta ne consumi.

Mentre i governi di tutto il mondo intensificano gli sforzi per combattere il cambiamento climatico, le società energetiche come Eni hanno lanciato strategie di transizione per passare dai combustibili fossili all’energia più pulita. La fusione, un tempo considerata fantascienza, sta ora attirando l’attenzione delle grandi aziende. Quest’anno, il gruppo petrolifero norvegese Equinor è entrato a far parte di CFS e la principale statunitense Chevron Corp ha investito in Zap Energy Inc. originario di Seattle.

READ  Vivo ha brevettato uno smartphone con all'interno un minuscolo drone con fotocamera

“La fusione era in precedenza un’area di scienziati, ma ora ci sono investitori privati ​​interessati e quello che vogliono vedere è un lasso di tempo più breve per lo sfruttamento”, ha affermato Verazza. CFS prevede di avere il suo primo impianto commerciale pronto per iniziare ad alimentare la rete elettrica entro l’inizio del 2030. Il primo impianto del suo genere, da costruire negli Stati Uniti vicino a Boston, potrebbe costare circa 3 miliardi di dollari.

“C’è un intero settore da costruire: è come il business del solare 30 anni fa… Ci è voluto tempo per creare economie di scala e catena di fornitura”, afferma Verazza. Inoltre, CFS mira a costruire impianti da 200-400 MW e inviare tecnologia di fusione al mondo, utilizzando la stampa 3D di alcune parti importanti.

Secondo Kepler Chevreux, potrebbe non essere irrealistico immaginare 2.000 gigawatt di energia nucleare distribuiti dal 2035 al 2055 utilizzando una tecnologia di fusione dirompente.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Servono nuovi vaccini? Cosa dicono i produttori di vaccini?
Next Post ‘Notizia terribile’: l’allenatore di Roger Federer devastato dalla morte del medico del tennis italiano