Emirati Arabi Uniti e Italia rafforzano la loro partnership economica – news

I due paesi stanno esplorando scambi di investimenti in energie rinnovabili, turismo e tecnologia finanziaria


Per saperne di più…


Abdullah bin Touq Al-Marri, Ministro dell’Economia, incontra a Milano Antonio Tajani, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. – Wham

di W.A.M

pubblicato: Gio 18 maggio 2023, 19:48

Durante un incontro tenutosi oggi a Milano, gli Emirati Arabi Uniti e l’Italia hanno discusso i modi per rafforzare la partnership economica bilaterale e promuovere gli scambi di investimenti in vari settori della nuova economia, in particolare le energie rinnovabili, il turismo e la tecnologia finanziaria.

Questi sforzi contribuiranno a creare nuove opportunità di investimento per sostenere una crescita economica sostenibile attraverso la cooperazione e le partnership tra i settori privati.

Abdullah bin Touq Al-Marri, Ministro dell’Economia, che guida la delegazione di Stato in Italia, ha tenuto una serie di incontri bilaterali con ministri e funzionari di governo italiani, oltre a tavole rotonde con imprenditori e investitori dei due Paesi per evidenziare il presente e futuro. Opportunità di investimento in vari settori.

Inoltre, Al Marri ha invitato il settore privato italiano a sfruttare i vantaggi e gli incentivi offerti dall’economia degli Emirati Arabi Uniti per raggiungere la crescita e l’espansione negli Emirati Arabi Uniti e nei più ampi mercati del Medio Oriente e dell’Africa. Questi includono Investopia, la piattaforma di investimento globale, che mira a creare opportunità e consentire investimenti futuri, oltre ad accordi di partenariato economico globale, quattro dei quali gli Emirati Arabi Uniti hanno firmato finora con India, Israele, Indonesia e Turchia. .

Al-Marri ha discusso dello sviluppo delle relazioni economiche tra i due Paesi in vari campi e settori con numerosi ministri e funzionari di governo italiani, tra cui Antonio Tajani, ministro italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Giancarlo Giorgetti, Ministro dell’Economia e delle Finanze; Daniela Santanchi, Ministro del Turismo italiano; e Ignacio La Russa, Presidente del Senato italiano.

Ha spiegato che la visita della delegazione degli Emirati, che comprende 50 membri del governo e del settore privato, compresi investitori e uomini d’affari, mira a rafforzare le relazioni economiche e commerciali e stimolare il flusso di investimenti reciproci tra i due paesi. Ha aggiunto che ciò è in linea con le direttive della saggia leadership di sviluppare la cooperazione bilaterale in un partenariato economico globale che contribuisca al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile dei due paesi.

Ha detto: “Gli Emirati Arabi Uniti e l’Italia hanno relazioni forti e in costante sviluppo, con il supporto illimitato delle due leadership. Le nostre relazioni continueranno a crescere in tutti i campi, in un modo che sostiene interessi e prosperità comuni”.

Al-Marri ha sottolineato che gli Emirati Arabi Uniti e l’Italia si scambiano opinioni su molte questioni regionali e globali e che entrambi i paesi si affidano a un dialogo costruttivo e alla diplomazia per affrontarli.

Durante gli incontri, Abdullah bin Touq ha sottolineato l’importanza della sessione, che sarà lanciata domani a Milano dalla piattaforma di investimento globale Investopia, per stimolare gli investimenti e incoraggiare le comunità imprenditoriali a esplorare opportunità più promettenti in nuovi settori economici. Ha anche invitato il ministro degli Esteri italiano a partecipare alla prossima conferenza della piattaforma nel 2024.

Ha sottolineato che le due parti desiderano espandere la partnership commerciale e di investimento tra Abu Dhabi e Roma e creare nuove opportunità di cooperazione economica per costruire un nuovo modello economico basato sulla conoscenza che sia più flessibile e competitivo, creando così opportunità di lavoro sostenibili.

Inoltre, Al-Marri ha indicato che lo sviluppo del settore turistico è in cima all’agenda del governo degli Emirati Arabi Uniti, data l’importanza del settore come pilastro fondamentale dell’economia nazionale. “Non vediamo l’ora di scambiare esperienze con la parte italiana per promuovere la crescita sostenibile dell’industria del turismo e la governance in conformità con le migliori pratiche internazionali”, ha affermato.

“Gli Emirati Arabi Uniti sono desiderosi di rafforzare il lavoro parlamentare in linea con le direttive della sua saggia leadership, e il lavoro parlamentare negli Emirati Arabi Uniti ha visto la partecipazione attiva delle donne, e gli Emirati Arabi Uniti sono l’unico paese nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa che raggiunge l’uguaglianza a livello parlamentare. Di conseguenza, il paese si è classificato al 30° posto nel mondo nella promozione dell’emancipazione politica delle donne dal World Economic Forum”.

READ  [Eyes on the Central Med #62] Fino a 600 bambini, donne e uomini sono morti a causa dell'inazione dell'Europa tra i paesi dell'UE che violano il diritto marittimo e aumentano il sostegno ai paesi terzi affinché continuino i rimpatri forzati e le detenzioni arbitrarie - Il Mondo

L’incontro di Al-Marri con il Ministro degli Affari Esteri italiano ha discusso i modi per rafforzare la cooperazione tra Emirati Arabi Uniti e Italia in tutte le aree di interesse comune.

Inoltre, nell’incontro del Ministro con il Ministro italiano dell’Economia e delle Finanze si è discusso dei meccanismi per rafforzare la cooperazione nei settori prioritari. Le due parti hanno evidenziato la necessità di esplorare maggiori opportunità di investimento nei mercati e nei settori della nuova economia degli Emirati Arabi Uniti e italiani, in particolare finanza, tecnologia, scienze avanzate, industrie, energie rinnovabili, e-commerce, logistica e catene di approvvigionamento. Ciò mentre si procede anche nel rafforzamento della cooperazione nei settori del cambiamento climatico, dell’agricoltura sostenibile, dell’innovazione agricola, della sicurezza alimentare e dell’economia circolare, tra gli altri settori di interesse comune.

La visita del Primo Ministro italiano Georgia Meloni negli Emirati lo scorso marzo, e il suo incontro con il Presidente dello Stato, Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, hanno segnato l’inizio di una nuova era di cooperazione a tutti i livelli e aperto nuovi orizzonti per lo sviluppo delle relazioni bilaterali.

“Lavoreremo con i nostri partner negli Emirati Arabi Uniti per rafforzare le relazioni bilaterali e aumentare gli scambi commerciali e di investimento nei settori della tecnologia, dell’economia circolare e di altre aree di interesse comune”, ha affermato Giancarlo Giorgetti.

Abdullah bin Touq Al Marri e il Ministro del Turismo italiano hanno discusso dei meccanismi per stimolare investimenti reciproci in progetti turistici innovativi e delle misure adottate per aumentare la connettività aerea. Da gennaio 2023 ad oggi, ci sono circa 45 voli settimanali tra i due paesi. Ciò facilita i flussi turistici tra i due paesi, poiché gli Emirati Arabi Uniti hanno accolto più di 170.000 turisti italiani, che hanno trascorso 954.000 pernottamenti in hotel nel 2021.

Il Ministro del Turismo italiano ha affermato il desiderio del suo Paese di rafforzare la cooperazione con gli Emirati Arabi Uniti in vari settori, in particolare il turismo, e di promuovere congiuntamente progetti e iniziative turistiche che attraggano maggiori investimenti in entrambi i Paesi.

READ  La crisi del gas aumenta i rischi di recessione per l'economia della zona euro colpita dall'inflazione

Nel frattempo, l’incontro del Ministro dell’Economia con il Presidente del Senato italiano, Ignacio La Russa, ha discusso i modi per rafforzare la cooperazione tra Emirati Arabi Uniti e Italia in campo parlamentare. Larsa ha sottolineato che l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti condividono un’amicizia storica che ha visto una forte trasformazione dopo la visita del Primo Ministro italiano ad Abu Dhabi nel marzo 2023, che evidenzia la riuscita diversificazione e la ricchezza dell’economia degli Emirati Arabi Uniti, che promuove le startup e le imprese familiari.

Durante gli incontri, il Ministro dell’Economia ha passato in rassegna gli sviluppi più importanti nel contesto economico degli Emirati Arabi Uniti, che hanno creato un clima economico che sostiene la crescita e la prosperità delle imprese e attrae investimenti in linea con i cinquanta progetti e gli obiettivi del Centenario degli Emirati Arabi Uniti 2071. Oltre alla concessione della proprietà straniera al 100% e all’emanazione della legislazione per proteggere la proprietà intellettuale, sono stati avviati numerosi progetti: un’ambiziosa strategia per attrarre talenti in tutti i settori per rafforzare la posizione del Paese come centro permanente per la creatività e l’innovazione.

Investopia Europe, il primo evento lanciato da Investopia nel 2023, aprirà domani a Milano, in Italia, dopo la conferenza annuale di marzo. L’evento mira a promuovere il dialogo e stimolare gli investimenti globali nei settori in rapida crescita, in particolare la nuova economia, l’economia circolare, le imprese familiari e le industrie creative, e a presentare le future direzioni globali per gli investimenti. All’evento parteciperanno più di 250 leader, imprenditori, investitori, imprenditori ed economisti da tutto il mondo.

La delegazione del Paese in Italia comprende 50 persone del settore pubblico e privato, tra cui Adeeb Ahmed, direttore generale di Lulu Financial Holding. Salah Sharaf, direttore generale del gruppo Sharaf. Sanjeev Gupta, CEO, Liberty Steel; Così come Ahmed Kassir, direttore esecutivo della Sharjah Investment and Development Authority (Shurooq). Hamad Obaid Al Shamsi, direttore regionale per la promozione degli investimenti (Invest in Sharjah); Shadi Hassan, socio amministratore del gruppo Lifco; Hani Barhoush, amministratore delegato, investimenti dirompenti, Mubadala. Agat Johnson, responsabile della strategia aziendale e del marketing presso Lulu Financial Holdings; Youssef Ahmed Al Youssef Funzionario capo delle operazioni Al Youssef. Hassan Karimi, co-fondatore e amministratore delegato di KHK & Partners. e Jamal bin Saif Al Jarwan, segretario generale del Consiglio degli Emirati per gli investitori internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *