Elsa Pataky “orgogliosa” del duro lavoro a The Interceptor | intrattenimento

Elsa Pataky è “orgogliosa” di aver fatto le sue acrobazie in “Interceptor”.

L’attrice di 45 anni ha trascorso diversi mesi a girare il film a Sydney e ha dovuto portarlo “a un nuovo livello” con il suo regime di fitness per essere nelle migliori condizioni fisiche per il suo ruolo di Soldato J.J. Collins.

Ha detto: Abbiamo finito le riprese due settimane fa, dopo otto mesi.

“Sono contento di essere stato in grado di fare un film d’azione completo, in cui ho interpretato una donna forte e forte.

“È un soldato dell’esercito degli Stati Uniti e interpretandola ho dovuto costruire muscoli e portare il tuo regolare regime di allenamento a un nuovo livello.

“È stata una vera sfida perché stavo anche imparando tutte le routine di combattimento e facendo tutte le scene che potevo da solo invece di usare il doppio. Mi sento molto orgoglioso di me stesso”.

Elsa è stata in grado di rivolgersi a suo marito, l’attore “Thor” Chris Hemsworth – padre dei suoi figli India, nove e nove anni, gemelli Sasha e Tristan – per suggerimenti e consigli su come costruire muscoli per il ruolo.

Ha detto Ciao! Rivista: “Dà buoni consigli, soprattutto nel campo della nutrizione.

“Stava girando l’ultimo film ‘Thor’ mentre io stavo girando ‘The Interceptor’, quindi ci siamo alternati ad allenarci e a prenderci cura dei bambini”.

Elsa ha continuato a lavorare fino al termine delle riprese, ma ha “ammorbidito” il suo regime.

Ha aggiunto: “Sono tornata a una pratica più rilassante: meditazione, yoga, un po’ di pilates e un po’ di esercizio, ma con pesi più piccoli.

READ  Nicole Kidman e il figlio di Connor di Tom Cruise sfoggiano il loro nuovo taglio di capelli corto in un raro selfie

“Mi stavo alzando per raddoppiare il mio peso corporeo. Alla fine della giornata, sei esausto. “

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post L’epidemia di Covid a Provincetown mostra che “non è ancora finita”
Next Post Entra in vigore il bando di Venezia alle navi da crociera, tra reazioni contrastanti