È il Chelsea che fa il mercato o lo spacca?

Nel resto d’Europa la paura è un po’ più fisica. Il Chelsea, dirigente di un importante club continentale, ha affermato di aver “distrutto il mercato”, un sentimento approvato da Javier Tebas, presidente della Liga, il massimo livello spagnolo. “Il mercato britannico è una droga”, ha detto. “È una competizione che negli ultimi anni ha perso miliardi di sterline, finanziata dai contributi degli sponsor, in questo caso investitori statunitensi finanziati in perdita”.

Mentre tutti i dirigenti hanno compreso immediatamente lo scopo dei lunghi contratti del Chelsea, la maggior parte era perplessa sul fatto che il club stesse coraggiosamente sfruttando le inefficienze del mercato o impegnando il proprio futuro. Dopotutto, l’estensione dei contratti può ridurre l’impatto finanziario immediato sui conti del Chelsea – e quindi aiutare il club a soddisfare i meccanismi di controllo dei costi in gran parte teorici del calcio europeo – ma non tiene conto del flusso di cassa effettivo della squadra.

Il Chelsea deve ancora pagare la tassa di trasferimento a breve termine. Deve ancora impegnarsi a pagare ai suoi giocatori diversi milioni di dollari in più di quanto otterrebbe se lavorassero con contratti di durata standard. Deve ancora fare affidamento su ciascuno di loro per realizzare il loro indubbio potenziale. E corri ancora il rischio di essere gravato da beni immobili costosi nei prossimi anni se non lo fai.

Certamente, vendere giocatori è stata un po’ più una sfida per il Chelsea. Mentre Ighbali stava negoziando per Fernandez e Bohli stava facendo la sua offerta finale per acquistare Amrabat, uno degli attuali giocatori del Chelsea, Hakim Ziyech, era seduto negli uffici del Paris Saint-Germain, in attesa della conferma della sua partenza.

READ  Anteprima AFC: Gokulam Kerala ottimista prima di affrontare Mazaya

L’affare è in lavorazione da circa una settimana. A un certo punto, i colloqui sono stati abbastanza tranquilli che Boehly aveva suggerito che il proprietario del PSG – la Qatar Investment Authority – avrebbe potuto aiutare il Chelsea con il progetto dello stadio. Con l’avvicinarsi della scadenza del trasferimento, i funzionari del PSG erano preoccupati per la mancanza di comunicazione del Chelsea.

Cinque minuti prima della scadenza – 22:55 ora locale – il Chelsea ha finalmente inviato un documento. era sbagliato. Quando questo è stato sottolineato, ne è seguito subito un secondo. Non è firmato. Quando il nuovo bug è stato risolto, era troppo tardi. Il termine è scaduto. Il PSG non ha potuto registrare la firma.

Sconvolto, Ziyech deve tornare a West London, dove lo attende un gruppo di nuovi compagni di squadra, tra cui almeno due che giocano nel suo ruolo. Il Chelsea non ha molto bisogno di lui adesso. Tuttavia, deve pagare il suo stipendio per altri sei mesi.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Incredibile tasso di uccisioni in Ucraina e Germania per includere i sistemi IRIS-T nel loro programma di difesa missilistica da 18,5 miliardi di dollari
Next Post Covid Booster e Omicron: chi dovrebbe ricevere l’iniezione adesso?