È chiaro che gli Stati Uniti hanno fallito la loro missione in Afghanistan, afferma Hamid Karzai

Karzai dice che il punto è che non c’era terrorismo in Afghanistan, nessun estremismo in Afghanistan

Mentre gli Stati Uniti stanno accelerando il ritmo del ritiro delle truppe e i colloqui a Doha sono in stallo, L’ex presidente afghano Hamid KarzaiE lui, che è ancora visto come una figura potente nel Paese, è pronto a intraprendere una missione per dialogare con i talebani e il Pakistan. In un’intervista con The Hindu, Karzai ha affermato che gli Stati Uniti hanno fallito nella loro missione in Afghanistan e ha affermato che le speranze per soluzioni di sicurezza regionale dipendevano da Russia, Cina, Iran e India e dalla fine dell’estremismo da parte del Pakistan.

Sei stato molto critico nei confronti degli Stati Uniti mentre completano il ritiro delle truppe, e hai detto che l’Occidente ha fallito in Afghanistan, quindi cosa avrebbero potuto fare diversamente?

La mia opinione è che non ci fosse terrorismo in Afghanistan e nessun estremismo in Afghanistan. Fu allora che dopo la tragedia dell’11 settembre gli Stati Uniti e i loro alleati arrivarono in Afghanistan, e furono accolti calorosamente dalla stragrande maggioranza delle persone nella speranza di liberarli dall’invasione strisciante che aveva avuto luogo nel nostro paese, e che l’Afghanistan sarebbe costruito principalmente con gli sforzi del popolo afghano ma anche con gli sforzi della comunità internazionale, compresa l’India. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato, ma la parte di cui stiamo soffrendo ora e che non è stata compiuta è il compito, poiché gli Stati Uniti hanno ripetutamente affermato che la loro presenza in Afghanistan è combattere l’estremismo e il terrorismo e raggiungere la stabilità. Ovviamente questo è fallito. Guarda il nostro caso. Guarda dove siamo, solo un mese e mezzo fa, più di 85 scuole afgane, ragazze, ragazze e adolescenti sono state uccise e l’ISIS o l’ISIS ne hanno rivendicato la responsabilità. L’ISIS è emerso durante la presenza delle forze USA e NATO contro la missione che avevano dichiarato.

Solo pochi mesi fa, il Segretario di Stato americano ha presentato al presidente Ghanif una nuova proposta per un governo di transizione che includa funzionari talebani. Ritieni che questa proposta sia fattibile?

I talebani appartengono al nostro stesso paese. E apparteniamo allo stesso paese di loro, quindi dovremmo sederci insieme. Né dovremmo essere vittime di una cospirazione straniera in cui noi afghani moriamo e altri ne raccolgono i profitti. Pertanto, la soluzione a qualsiasi meccanismo che porti la pace in Afghanistan e la stabilità della nostra nazione è qualcosa per cui il popolo afghano lavorerà sinceramente.

Quasi la metà di tutte le forze statunitensi si è ritirata negli ultimi mesi. Tuttavia, gli attacchi dei talebani continuano.

Non dovrebbero. Non dovrebbero. Questo è molto sbagliato.

Dove ottengono supporto? Perché pensi che continuino questa violenza?

Naturalmente, il sostegno per loro viene dal vicinato afghano. Questo è stato lì per molto tempo. Io e te ne abbiamo parlato molto. Ci sono due aspetti di questa situazione fallimentare in Afghanistan, uno è la cattiva condotta della politica degli Stati Uniti, chiaramente nello stesso Afghanistan, e il modo in cui hanno trattato i nostri vicini Pakistan, lamentandosi del Pakistan. Eppure hanno dato loro sostegno. Quindi soffriamo di queste due contraddizioni.

C’era un rapporto in India che indicava che potresti essere il candidato consensuale in un governo di transizione?

No, questo non è qualcosa che vedo accadere. Condurre un simile accordo sarebbe dannoso per i miei sforzi per la pace, e non vorrei contaminare i miei sforzi in questo modo. Come cittadino dell’Afghanistan, lavoro per una vita pacifica, per il popolo afghano, per me stesso, per i miei figli, per i miei amici, per il paese. Ma non farò in alcun modo parte di una macchina che diventi un governo. No.

Si prevede che guidi una delegazione, una delegazione del Gran Consiglio per colloqui con vari gruppi, inclusa una visita in Pakistan. Pensi che ci sia qualche tipo di trasformazione in Pakistan?

Lo abbiamo sentito, e lo abbiamo visto anche per iscritto da Sua Eccellenza il Primo Ministro del Pakistan, il Sig. Imran Khan, e da altri funzionari pakistani, queste dichiarazioni arrivano sempre, ma allo stesso tempo, speriamo vivamente che siamo. Al lavoro, questo diventa realtà. La nostra aspettativa e speranza è che il cambiamento sia avvenuto in Pakistan. Speriamo che questo sia vero, la loro affermazione, e se è vero, il popolo afghano si impegnerà con tutto il cuore per garantire che l’Afghanistan e il Pakistan godano di buone relazioni civili, di buon vicinato e di buon vicinato. Il termine o l’espressione relazione civile includerà la fine dell’uso dell’estremismo.

Cosa speri di ottenere con questa visita? E questo significa che il processo di Doha dei colloqui che abbiamo visto iniziato l’anno scorso ha raggiunto un vicolo cieco, un vicolo cieco?

Il processo di Doha non è stato finora fruttuoso, né ci ha dato i risultati che volevamo. Le auguriamo buona fortuna. Vogliamo che abbia successo. Non vediamo l’ora di incontrare i leader talebani. Speriamo anche che il nostro impegno con il Pakistan, se ciò accadrà, porterà entrambi i paesi a un rapporto migliore. Questo è il risultato auspicato e ci auguriamo una partecipazione reale e genuina in questa materia.

Abbiamo avuto notizie da un alto funzionario del Qatar, l’inviato speciale, che confermava anche che una delegazione indiana si era incontrata con i talebani. Qual è la tua reazione a questo?

L’India è una grande vecchia amica dell’Afghanistan. Sono il prodotto di un’educazione indiana, ne sono orgoglioso e ne sono molto felice. L’India è stata un formidabile alleato, sono molti i progetti di ricostruzione e sviluppo che l’India ha realizzato in Afghanistan. Ho sempre sostenuto che l’Asia meridionale dovrebbe essere pacifica, che dovremmo vivere tutti insieme, allo stesso modo in cui l’Unione europea ora gode di un’interazione molto proficua e libera tra le nazioni locali. E perché ciò accada, come possiamo non renderci conto che l’India deve essere parte delle operazioni in questa regione, non solo il processo di pace, ma tutto il resto? Quindi accolgo con favore i colloqui dell’India con i talebani. Penso che fosse troppo tardi. Spero sia successo. Non ho informazioni dirette dal governo indiano né dai talebani. Ma spero che sia vero.

Pensi che l’India abbia dovuto ammettere che i talebani erano di fatto una forza a cui si erano uniti e che la violenza in Afghanistan avrebbe colpito anche l’India?

Questa è una domanda molto importante su[possible] Instabilità e conflitto persistenti. La crescita e la diffusione dell’estremismo in Afghanistan colpirà prima il Pakistan profondamente come ha già fatto, e poi si diffonderà sicuramente in India. Quindi l’estremismo in Afghanistan, in qualsiasi modo, influenzerà il vicinato dell’Afghanistan. Pertanto, qualsiasi impegno dell’India e dell’Afghanistan, o con il Pakistan, che porti alla riduzione e all’eliminazione dell’estremismo e del terrorismo è positivo per tutti noi. Credo che questa sia una responsabilità che dobbiamo adempiere.

Quanto dura la leadership democratica in Afghanistan? [continue to engage Taliban]Quali sono le linee rosse per loro? C’è un punto in cui potresti effettivamente dire che non ha senso parlare con i talebani… li abbiamo combattuti una volta che li avremo combattuti di nuovo?

Sì, sì, ci sono chiare linee rosse, le linee rosse sono l’Afghanistan sovrano, proprio come lo è stato verso l’ex Unione Sovietica, proprio come abbiamo trattato con gli Stati Uniti. Un Afghanistan in cui la volontà del popolo afghano determina il futuro, e il loro governo sceglie e un Afghanistan in cui le persone godono dei diritti che Dio ha dato loro, e dove le donne afghane hanno il loro giusto posto nella società, viviamo insieme felici e uniti, pace e verso la prosperità. Queste sono linee rosse che non possono essere negoziate. Questo è stato elaborato, e spesso, dai talebani.

Le mie figlie sono cresciute in Afghanistan. Sono bambine che stanno crescendo e voglio che abbiano un futuro eccellente nel loro paese, imparino ad essere ciò che vogliono essere e servano il paese. Non c’è via di mezzo in questo.

Cosa pensi che l’India possa fare specificamente per aiutare la situazione della sicurezza in Afghanistan?

Abbiamo firmato un accordo di partnership strategica con l’India [in 2011]. È stato il primo accordo che abbiamo firmato con un paese. La sicurezza afghana è qualcosa che fornisce il popolo afghano. Vogliamo avere le migliori relazioni con tutti quei paesi che vorrebbero essere nostri buoni amici, compresi gli Stati Uniti, e per un Afghanistan pacifico, il contributo dell’India continuerà ad essere molto importante e necessario per la stabilità dell’Afghanistan in questa regione.

Qual è il ruolo di Russia e Cina ora?

La Russia ha condotto diversi cicli molto fruttuosi di dialogo intra-afgano a Mosca dal novembre 2018 allo scorso marzo 2021. Il recente incontro della Troika Plus si è concluso con un’ottima dichiarazione sull’Afghanistan. La Russia ha fatto tutto il possibile e desidero fortemente che la Russia faccia molto di più. La Cina è un buon amico dell’Afghanistan, un vicino dell’Afghanistan, e questo significa un bene per il popolo afghano, e speriamo anche che intensifichino la loro attività in Afghanistan. Si spera che la troika aggiuntiva includa anche Iran e India. La pace in questa regione può essere raggiunta solo se ci uniamo tutti insieme e rimuoviamo la competizione o la negatività che circonda questo esercizio.

Hai detto che gli Stati Uniti hanno fallito nella loro missione in Afghanistan quando si tratta di combattere l’estremismo. Non pensi che la leadership afghana abbia deluso anche il paese nel non fornire loro sicurezza e unità?

Noi afghani non possiamo essere al di fuori delle nostre responsabilità in questo senso. Per quanto riguarda il mio ruolo, in conformità con la costituzione dell’Afghanistan, ho consegnato al nuovo governo, sette anni fa, un paese unito, un paese che avanza, un paese che sperava in un futuro migliore, e speravo che tutti gli afghani e i leader afghani sarebbero in grado di farlo accadere anche in questo paese.

Guardando al futuro dell’Afghanistan, ti senti disperato? Ti senti ottimista? Ritiene che entro settembre la situazione potrebbe peggiorare o migliorare?

Questo è il nostro paese. Siamo i figli della terra e dobbiamo proteggerla e fornire la sicurezza attraverso la quale cresce e cresce. L’Afghanistan ha affrontato circostanze molto difficili negli ultimi quarant’anni. Ne abbiamo passate tante. Siamo un popolo resiliente. C’è una visione straordinaria tra i giovani afghani per lo sviluppo del loro paese e dobbiamo provvedere alla nostra sicurezza. Non possiamo fare affidamento su alcuna fonte esterna per la nostra sicurezza. Speriamo che i nostri vicini capiscano che l’Afghanistan desidera buone relazioni, specialmente con il Pakistan. La nostra supplica, la nostra richiesta, è che [Pakistan] Capisce che il futuro sta in un rapporto civile tra noi, lontano dagli estremi.

(Il Versione video di questa intervista)

READ  Quad Summit 2021: il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ospiterà il primo ministro Narendra Modi e i leader del Quad quest'anno | notizie dal mondo
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Big Bay Boom ritorna, mettendo in evidenza le festività del 4 luglio questo fine settimana –
Next Post Il trailer HD di Skyward Sword di Cutscenes mostra miglioramenti ignorabili e ulteriori