Due potenziali star sognano fuori dagli Stati Uniti | Notizie, sport, lavoro

FILE – Il guardalinee difensivo di Pittsburgh Habakkuk Baldonado gestisce gli allenamenti presso la NFL Football Scouting Association di Indianapolis, giovedì 2 marzo 2023. Baldonado ha trascorso tre anni giocando a football americano a Roma prima di mettere piede sul suolo statunitense. Ora, spera di diventare il prossimo pupillo di Pittsburgh per sfondare nella NFL. (Foto AP/Darron Cummings, file)

Scritto da Michael Marot

Stampa associata

INDIANAPOLIS – Habakkuk Baldonado e Ali Gay sono cresciuti in mondi separati.

Baldonado ha vissuto a Roma, ha imparato diverse lingue ed è stato incoraggiato dalla madre a viaggiare e vivere l’America per sei mesi. Residenza estesa a sei anni.

Jay è nato in Gambia, figlio di un uomo che ha trascorso due anni a lavorare sul suolo americano prima di trasferire la sua famiglia nello stato di Washington alla ricerca di una vita migliore. Jay è arrivato all’età di dodici anni.

Ora quei due che corrono sull’orlo – uno dalla settima città più grande d’Europa, l’altro dal paese più piccolo dell’Africa – si trovano nello stesso punto dei volti forse più antipatici della squadra internazionale della NFL.

“Un giorno ho appena visto questo sport in TV. Non sapevo cosa fosse, ma sembrava divertente”, ha detto Belldonado con una risata. “L’intero sport è pazzesco. Non c’è niente di simile, sai, il fisico, il lavoro di squadra, la routine quotidiana e la parte mentale.”

I funzionari della NFL hanno cercato a lungo di espandere la portata del football americano.

Il processo è iniziato con la stagione inaugurale della NFL World League con sede in Europa nel 1989, e ora si estende ai programmi internazionali di sviluppo dei giocatori, ai giochi in Europa e a Città del Messico e, più recentemente, all’aggiunta di territori internazionali di marketing domestico e all’abbinamento di NFL squadre con gli stati per la pubblicità e il coinvolgimento dei fan.

I guadagni si sono manifestati sempre più nel fine settimana del draft.

Lo scorso aprile, il difensore di origine greca George Karlaftis e il wide receiver di origine taiwanese John Michie erano tra le prime 50 selezioni. Nel 2021, l’estremità difensiva Kuwaity Bey, originario della Guinea, è stata una scelta al primo turno. E la scorsa stagione, giocatori di una trentina di paesi hanno giocato nel gioco della NFL.

La tendenza non sembra rallentare presto con giocatori come Baldonado e Gaye nella lista di quest’anno.

O il temerario Thomas Income, che si è trasferito negli Stati Uniti dal Ghana da adolescente, ha iniziato la sua carriera calcistica in Georgia e poi ha trascorso due anni alla Division II Valdosta State prima di trasferirsi nel Michigan centrale.

Jay ha intrapreso un percorso simile dopo essersi rotto il braccio all’età di cinque anni, che ha richiesto un intervento chirurgico che ha lasciato una cicatrice perché non guariva correttamente.

L’infortunio ha aiutato il padre di Jay, che lavorava per i Catholic Relief Services, a cercare una migliore assistenza sanitaria negli Stati Uniti. Naturalmente, la speranza iniziale di Jay era quella di giocare a calcio, ma la sua scuola non aveva una squadra. Alla fine, è stato convinto a provare il calcio.

Jay ha iniziato il suo viaggio con periodi universitari all’Arizona Western e Garden City in Kansas prima di giocare alla LSU, finendo improvvisamente sulla mappa degli scouting della NFL e con esperienze di vita che forniscono una prospettiva su cosa significhi realizzare il suo sogno americano per lui, la sua famiglia e il suo paese, è più piccolo del Connecticut e meno densamente popolato del Kansas.

“È qualcosa su cui puoi solo pregare e sognare, arrivare qui”, ha detto alla riunione annuale di scouting della lega. “È qualcosa per me che ho appena indossato per il mio paese, indossato per la mia gente e spero che qualcuno prenda la torcia una volta che me ne sarò andato”.

Jay ha avuto un impatto sui Tigers la scorsa stagione più forte del previsto, finendo quarto nella squadra nei contrasti per sconfitta (sei) e quinto nei licenziamenti (2,5) mentre emergeva come prospettiva del terzo giorno.

La cavalcata di Baldonado è stata diversa.

Ha convinto sua madre, che lavora per l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, a lasciarlo giocare a football americano a casa. Quattro anni dopo, giocava per la Clearwater Academy in Florida, dove registrò l’incredibile cifra di 30,5 licenziamenti in una stagione e suscitò così tanto interesse da parte del college che gli allenatori di Pittsburgh chiesero al club italiano della scuola di aiutare a reclutare il promettente rusher.

La sua stagione di successo con i Panthers è arrivata nel 2021 con nove licenziamenti e 11,5 contrasti per sconfitta. Ha anche partecipato a riunioni di attualità con i suoi filmati. Ciò che i membri del team hanno assistito è stata la trasformazione dello studente in insegnante.

“Quando sono entrato per la prima volta in Pete, Haba mi ha davvero aiutato a imparare le regole del gioco e mostrarmi cosa c’è intorno”, ha detto l’attaccante difensivo Kaliga Kansi, una potenziale scelta al primo turno. “È un bravo ragazzo, mi insegna molto e lo apprezzo molto come compagno di squadra e fratello”.

Con un curriculum che include giocare in una scuola che produce regolarmente i migliori giocatori difensivi della NFL, Baldonado potrebbe forse diventare il quinto giocatore nato in Italia nella NFL dal 1992.

Le ultime notizie di oggi e molto altro nella tua casella di posta



READ  Muore Giotto Bizzarini, icona Ferrari e Lamborghini

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *