Due o più problemi di salute cronici nella mezza età ‘raddoppiano il rischio di demenza’ | Demenza

Avere due o più problemi di salute cronici nella mezza età raddoppia il rischio di demenza, secondo uno studio che secondo i ricercatori sottolinea l’importanza di una buona salute all’inizio della vita.

Più di 900.000 persone convivono con la demenza nel Regno Unito e circa 57 milioni di persone sono colpite a livello globale. Il pedaggio mondiale è previsto per quasi triplicare a 153 milioni entro il 2050.

L’evidenza mostra che avere più condizioni è comune nelle persone che vivono con demenza. Ma studi che esaminano se la multimorbilità in età precoce influisca sul rischio di una conseguente mancanza di demenza.

Per colmare questa lacuna di conoscenza, i ricercatori dell’University College London e dell’Università di Parigi hanno deciso di esaminare l’associazione a lungo termine tra la multimorbilità all’età di 55, 60, 65 e 70 anni e la successiva demenza.

Le loro scoperte si basano sui dati raccolti da oltre 10.000 britannici che partecipano allo studio Whitehall II, che sta esaminando l’associazione di fattori sociali, comportamentali e biologici sulla salute a lungo termine. Tutti avevano un’età compresa tra 35 e 55 anni ed erano privi di demenza quando hanno aderito allo studio tra il 1985 e il 1988.

Per questo studio la multimorbilità è stata definita come la presenza di almeno due condizioni croniche da un elenco predefinito di 13 tipi, tra cui malattie cardiache, ipertensione, diabete, insufficienza cardiaca, depressione, malattie del fegato, ictus, artrite e cancro.

La ricerca, pubblicata sul British Medical Journal, ha scoperto che il rischio di demenza era maggiore quando questo tipo di condizioni si sviluppava in giovane età (metà degli anni ’50) piuttosto che più tardi nella vita.

READ  La contea di Los Angeles riporta altri 60 casi di omicron con prevalenza variabile

Per ogni cinque anni di meno una persona quando si verificava multimorbilità fino all’età di 70 anni, il rischio di demenza aumentava del 18%.

Dal gruppo di britannici che hanno preso parte allo studio Whitehall II, il 7% presentava due o più condizioni all’età di 55 anni, per salire al 32% all’età di 70 anni. Complessivamente, si sono verificati 639 casi di demenza in un follow-up medio di 32 anni.

Dopo l’adeguamento per fattori come lo stato socioeconomico, la dieta e lo stile di vita, avere due o più condizioni all’età di 55 anni ha aumentato il rischio di demenza di quasi 2,5 volte rispetto alle persone che non ne avevano. Lo sviluppo di due o più condizioni tra 60 e 65 anni era associato a un rischio 1,5 volte maggiore.

Per quelli con tre o più condizioni croniche a 55 anni c’era un rischio cinque volte più alto di demenza. Il rischio è diminuito se le persone cronache avevano 70 anni prima di sviluppare condizioni di salute.

“Data la mancanza di un trattamento efficace per la demenza e le sue implicazioni personali e sociali, è fondamentale trovare obiettivi per prevenire la demenza”, hanno scritto i ricercatori. “Questi risultati evidenziano il ruolo della prevenzione e della gestione delle malattie croniche nel corso dell’età adulta per mitigare gli esiti avversi in età avanzata”.

Prof Paul Morgan del Demenza Il Research Institute dell’Università di Cardiff, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha descritto il lavoro come uno “studio di riferimento” che ha affermato che ha concluso che il numero di condizioni di salute croniche e per quanto tempo una persona le aveva erano “fortemente predittive” del rischio di demenza.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il professore d’arte crea sculture per l’aeroporto di Hobby | La vita
Next Post Brian Kendrick si è ritirato dal suo debutto in AEW a causa di precedenti commenti “sgradevoli”.