Due gruppi di ricerca hanno utilizzato indipendentemente gli spazi per misurare la biodiversità

Surapong Thammabuht / EyeEm

Quando la pandemia ha colpito, Christina Islas Lingard, ricercatrice post-dottorato presso il Globe Institute dell’Università di Copenaghen, si è seduta nel suo appartamento circondata da vuoti e filtri. Li ha testati e alla fine è atterrata su un vuoto d’acqua, che, per i suoi scopi, era molto buono. Il resto non ha funzionato del tutto: avevano una buona aspirazione, ma nel momento in cui metti un filtro, incasina la loro alimentazione. “Muore e poi il motore si surriscalda, ed è stato davvero difficile”, ha detto Lingard.

Tutti questi test sono stati eseguiti per un caso intrigante, che sembra ovvio con il senno di poi ma potrebbe avere preziose applicazioni ambientali. In breve, Lingard e altri ricercatori del suo team stavano cercando un modo per raccogliere il DNA ambientale (eDNA) dall’aria per misurare la biodiversità o cercare la presenza di specie rare o invasive.

Dal nulla

“Non avevamo idea di come raccogliere al meglio il DNA dall’aria”, ha detto Kristen Bowman ad Ars. Bowman è un professore associato al Globe Institute e uno dei ricercatori coinvolti in questo sforzo.

A quanto pare, sembra che tu possa raccogliere l’eDNA dall’aria aspirandolo attraverso un vuoto (o qualcosa di simile), catturandolo in un filtro collegato e analizzandolo. Bohmann, Lynggaard e altri ricercatori hanno recentemente pubblicato i risultati del loro lavoro su Current Biology. La pubblicazione dello studio coincide con diverse ricerche che mostrano praticamente le stesse conclusioni utilizzando un metodo leggermente diverso sviluppato da un team nel Regno Unito e in Canada.

In passato, cercare di misurare la biodiversità o verificare l’esistenza di una specie era un lavoro duro che spesso comportava l’installazione di telecamere o l’uscita in attesa che una specie venisse scoperta. Tuttavia, recentemente, i ricercatori hanno utilizzato l’eDNA per questo scopo, Perché potrebbe essere più facile. secondo carta A partire dallo scorso febbraio, la forma più comune di test eDNA prevede il filtraggio dell’acqua ambientale attraverso una membrana e lo studio del materiale accumulato – spesso frammenti di pelle, feci, muco, ecc.

READ  Odio gli spiriti oscuri, ma finora amo l'Elden Ring

“L’aria è equivalente all’acqua in quanto circonda ogni cosa sulla Terra, proprio come l’acqua circonda ogni cosa in un lago o in un oceano”, ha detto Bowman. Tuttavia, questi due documenti descrivono qualcosa che in gran parte non è stato fatto prima: misurare l’eDNA dall’aria. Il concetto non è del tutto nuovo; Una ricerca dell’anno scorso ha utilizzato l’aria, l’acqua e il suolo per scoprire grandi pipistrelli marroni. Nonostante ciò, i ricercatori danesi credono di lavorare su qualcosa in questo lavoro.

“Ho avuto un’ottima sensazione su questo. Sapevo solo che dovevo fare questo studio. ” Bowman ha detto, ricordando la prima domanda di sovvenzione che ha scritto per questo progetto, che è stata respinta.

prove concettuali

Ma nel 2019 è arrivato il secondo tentativo di Bowman e Lingard di ottenere una borsa di studio. Per testare le loro idee, il team è andato allo zoo di Copenaghen armato di un aspirapolvere e, su suggerimento di uno dei loro autori, due fan che soffiano. Le ventole erano come quelle dei laptop ma con un involucro stampato in 3D in modo che i filtri potessero essere attaccati ad esse. Lynggaard ha testato molti filtri prima di atterrare sui filtri della serie F8, che sono bravi a raccogliere e trattenere il particolato.

Da lì, il team ha fatto il giro dello zoo e ha raccolto campioni da tre diverse aree: una stalla contenente un okapi e una tigre; area di attesa all’aperto; E all’interno della “Casa della foresta pluviale”, in cui apparivano uccelli, rettili, bradipi, ecc. Gli aspiratori aspirano l’aria in queste aree e parti di escrementi animali cadono nei filtri, o nel caso dell’aspirazione dell’acqua, . Al ritorno in laboratorio, l’acqua può anche essere fatta passare attraverso un filtro.

READ  Possiedi una Smart TV LG? Ottieni Apple TV + gratis per 3 mesi!

Il laboratorio stesso era stato accuratamente pulito e aveva regole rigorose all’ingresso per evitare la contaminazione dei campioni. Il team ha anche raccolto campioni di aria dal laboratorio per identificare il DNA circostante presente.

All’inizio, non erano sicuri di quali tipi di DNA, se del caso, avrebbero trovato. Dei 40 campioni prelevati, i membri del team hanno identificato 49 specie diverse, dai rinoceronti ai guppy, nella Rainforest Room. Ogni campione contiene DNA da sei a 21 creature. Alcune delle specie scoperte, come il cavallo acquatico e lo scoiattolo rosso, non erano nemmeno animali da zoo; Erano nelle vicinanze. “Stavamo cadendo dalla sedia, sorpresi, sorpresi, scioccati”, ha detto Bowman.

Agapeto Vecoli

"Imprenditore. Freelance introverso. Creatore. Lettore appassionato. Ninja della birra certificato. Nerd del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Pakistan ottiene la sua prima donna giudice della Corte Suprema – Giudice Aisha Malik
Next Post Juventus-Napoli pronostici, quote, come guardare, diretta: 6 gennaio 2022 le scelte degli esperti di Serie A