Droni, navi da guerra e navi d’attacco: saranno sufficienti per affrontare il più nuovo hotspot della pirateria al mondo?

  • L’Africa occidentale è considerata una delle zone più pericolose per il rapimento dei marittimi
  • L’anno scorso sono stati rapiti più di 100 membri dell’equipaggio
  • Povertà e corruzione minano la risposta high-tech
  • Disegno https://tmsnrt.rs/2VZjPyo

LAGOS (Reuters) – Elicotteri sorvolano una nave di pattuglia nell’affollato porto nigeriano di Ababa mentre le navi d’assalto passano davanti ad essa. Sulla banchina, i droni adornati con la bandiera nigeriana erano pronti per essere schierati, tutti parte di un’iniziativa “Deep Blue” sostenuta dagli Stati Uniti da 195 milioni di dollari per scoraggiare gli attacchi dei pirati nella regione più pericolosa del mondo per i marittimi.

Il tratto di oltre 2,35 milioni di chilometri quadrati (910.000 milioni di miglia quadrate) dell’Oceano Atlantico che confina con circa 20 paesi dell’Africa occidentale è noto come “Pirate’s Alley”, dove ora si verificano quasi tutti i dirottamenti in mare nel mondo poiché le acque al largo della Somalia nell’Africa orientale L’Africa è più sicura.

Bashir Jamoh, capo della Nigerian Maritime Administration and Safety Agency (Nemasa), ha affermato che Deep Blue ha interrotto i dirottamenti registrati nel secondo trimestre, dopo aver segnato 130 marinai lo scorso anno, rispetto ai cinque nel resto del mondo.

Foto Reuters

Ma quest’anno sono già stati registrati 50 dirottamenti, la Marina degli Stati Uniti sta aiutando con l’addestramento e le marine europee con i pattugliamenti, un segno della loro preoccupazione per la regione che è uno dei principali fornitori globali di petrolio greggio.

“Se la minaccia alle loro navi non viene affrontata, l’intero commercio internazionale ne risentirà”. disse Jammu.

A differenza della Somalia, che non disponeva di una marina e di capacità governative limitate e quindi permetteva alla marina straniera di sparare alle navi e arrestare i pirati, solo le forze di sicurezza nigeriane possono armarsi nelle grandi acque territoriali del paese.

READ  Il cancelliere insiste sul fatto che il sostegno dei contribuenti per milioni finirà come previsto e che l'economia sta "migliorando"

“La Nigeria prenderà il comando”, ha detto Jamoh.

Dietro la dimostrazione di potenza navale del nuovo governo c’è la povertà del delta del Niger, dove sono cresciuti quasi tutti i pirati dell’Africa occidentale.

L’inquinamento in un’area in cui le aziende internazionali e locali producono petrolio nigeriano significa che le persone non possono coltivare o pescare e che il 70% dei suoi 30 milioni di persone guadagna meno di 1 dollaro al giorno, secondo le Nazioni Unite, rendendo la pirateria attraente.

Il funzionario delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNDOC) ha affermato che devono essere affrontate anche le collusioni tra alcuni membri delle forze di sicurezza e i pirati, nonché le scarse azioni giudiziarie per rapimenti.

“I problemi che hanno causato questo nel delta del Niger non sono stati affrontati”, ha affermato Max Williams, direttore operativo di Africa Risk Compliance Security. “Hanno ancora armi, barche e carburante per strappare le persone a queste navi”, ha aggiunto.

La marina nigeriana ha detto quest’anno che intensificherà le misure per sradicare e punire il personale di sicurezza che collude con rapitori e criminali.

Il costo di miliardi

La pirateria non è nuova in Nigeria, ma il numero e la portata dei dirottamenti sono aumentati, con petroliere, navi portacontainer e pescherecci a rischio fino a 210 miglia nautiche al largo.

I rapimenti a scopo di riscatto hanno rappresentato solo il 15% degli attacchi nel 2009, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga. Entro il 2020, questi hanno rappresentato quasi tutti gli attacchi poiché il ransomware è diventato più redditizio di qualsiasi spedizione.

Il costo per la liberazione di un gruppo di ostaggi è quasi raddoppiato fino a raggiungere i 300.000 dollari dal 2016 al 2020, secondo l’UNDOC, che stima che l’anno scorso gli hacker nel Delta del Niger abbiano ricevuto un riscatto di 4 milioni di dollari.

READ  La Germania deve imparare a convivere con un po 'di inflazione

È minuscolo rispetto agli oltre 1.000 pirati somali catturati nel 2010, ma il vicepresidente della Nigeria ha stimato il costo economico in miliardi, soffocando lo sviluppo tanto necessario in una regione che dipende in modo sproporzionato dalle importazioni via mare.

Molti armatori semplicemente si rifiutano di attraversare le acque, aumentando i costi, mentre anche gli equipaggi si rifiutano di navigare nell’area e possono richiedere un doppio stipendio se lo fanno, ha affermato Jacob B Larsen, capo della sicurezza marittima ed elettronica di BIMCO.

I pirati di solito portano i marinai rapiti nelle paludose insenature del delta, dove affrontano la malaria, il tifo e gli attacchi di bande rivali di rapitori. A livello nazionale, i rapimenti sono aumentati nell’ultimo anno, poiché l’economia ha vacillato. Leggi di più

A gennaio, un marinaio dell’Azerbaigian è morto durante un dirottamento e altri due di nazionalità non specificata sono morti di malattia durante il dirottamento nel 2020.

Anche le marine danesi, italiane e portoghesi stanno inviando ausiliari e all’inizio di questo mese una massiccia base di spedizione statunitense – la USS Herschel “Woody” Williams – è attraccata per aiutare a formare la sicurezza regionale nell’uso delle nuove attrezzature.

Alla domanda sui problemi di fondo, il comandante Chad Graham ha detto a Reuters che la pirateria era un “problema a terra”, ma lui e il console generale degli Stati Uniti Claire Pierangelo hanno affermato di sperare che i dirottamenti diminuissero man mano che l’economia si riprendeva dal colpo del coronavirus dello scorso anno.

L’UNDOC ha scoperto che alcuni dei capi delle bande di pirati sono ben collegati e hanno una seria influenza regionale.

La Marina offre anche agli spedizionieri, a cui non è consentita la sicurezza armata privata, strutture marittime e servizi di protezione aggiuntivi, un legame economico che Larsen ha detto che è sfortunato. “Porta a un conflitto di interessi a causa del flusso di denaro”, ha detto.

READ  Per l'Afghanistan, la Via della Seta è migliore della Via dei carri armati

Nemasa e la Marina non hanno risposto alle richieste di commento.

Gli assicuratori, guidati dagli assicuratori della Lloyd’s Market Association (LMA), hanno ampliato l’area nel Golfo di Guinea elencata a più alto rischio lo scorso anno.

Neil Roberts, capo della marina e dell’aviazione di LMA, ha affermato che, nonostante Deep Blue, è improbabile che cambino la loro valutazione. Ha fatto riferimento ai disordini sociali nel Delta del Niger e “al martoriato tessuto dell’economia nigeriana”.

“Finché questo esiste, il rischio aggiuntivo rimarrà”, ha detto.

Segnalazioni aggiuntive di Angela Okumado a Lagos e Camillos Ipoh ad Abuja; Montaggio di Philippa Fletcher

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Margaret Qualley si gode un giro pieno di PDA con Jack Antonoff a New York City
Next Post L’incendio della California Caldor sale a 6.500 acri durante la notte, richiedendo ordini di evacuazione