Dopo essere quasi morto, l’ex ufficiale della Marina è sulla buona strada per la gara più dura del mondo

Dopo essere quasi morto, l’ex ufficiale della Marina è sulla buona strada per la gara più dura del mondo

Abhilash Tumi, l’ex capo della marina indiana, sembra essere in una posizione dominante nella gara

Nuova Delhi:

Cinque anni dopo aver inserito aste di titanio nella sua colonna vertebrale e aver fuso cinque vertebre in una, Abhilash Tumi, ex capo della Marina indiana, sembra essere in una posizione dominante alla Golden Globe Race per aver fatto il giro della Terra su una barca a vela di 36 piedi. È stato quasi ucciso mentre partecipava alla stessa gara nel 2018. Successivamente le sue gravi lesioni verticali avrebbero potuto lasciarlo paralizzato.

La Golden Globe Race è ampiamente considerata la regata marittima più dura mai ideata e forse la gara di resistenza più impegnativa al mondo.

ta8g1rog

Se Abhilash continua a portare a termine la sfida in giro per il mondo o addirittura a vincerla entro le prossime tre settimane, sarà un grande ritorno per un uomo che, il 24 settembre 2018, giace nella piccola capanna di casa sua. Una barca a vela, nelle profondità dell’Oceano Indiano meridionale, una parte di mare più remota e sconosciuta di qualsiasi altra.

La sua barca, Thuriya, si è capovolta durante una terribile tempesta nel 2018. Tommy è caduto a più di 30 piedi dall’albero della barca a vela sul ponte, una ferita mortale su una nave che avrebbe potuto capovolgersi in qualsiasi momento. Per più di 70 ore, lo scienziato ha aspettato mentre i soccorritori su navi a centinaia di miglia nautiche di distanza si caricavano verso di lui – un massiccio sforzo combinato delle autorità francesi, australiane e indiane determinate a mettere in salvo il capo della Marina.

858

Con lo scadere del tempo, le comunicazioni attraverso i trasmettitori satellitari di emergenza svanirono e, senza sapere se fosse ancora vivo, la Marina indiana stava per dare il via libera a un’audace missione di salvataggio: 4 commando della Marina offrirono uno dei loro trasporti. Aeronautica Indiana. Prova ad accedere ad Abhilesh per installarlo.

Alla fine, il peschereccio francese Osiris riesce a raggiungere per primo Tommy, e prende a bordo il marinaio indiano ferito. Quando Abhilesh torna in India, sa che la sfida che lo attendeva potrebbe essere stata più grande di quella che aveva affrontato. Dopo il complesso intervento chirurgico alla schiena che gli ha cambiato la vita, il Capitano Abhilash Tumi ha dovuto imparare di nuovo a camminare. Alla fine è tornato al suo lavoro: volare in ricognizione per la Marina, ma voler dare un’altra possibilità ai Golden Globes era un sogno che non sarebbe mai riuscito a togliersi dalla testa.

4nmrjllg

Nel gennaio 2019, il comandante Abhilash Tumi ha lasciato la Marina indiana per inseguire il suo sogno di dare una seconda possibilità ai Golden Globes. Era la missione della sua vita.

READ  La capsula SpaceX lascia la Stazione Spaziale Internazionale con 4 astronauti a bordo e si dirige a casa

“Ho ancora l’e-mail che mi è stata inviata quando Abhilash è stato salvato”, dice sua moglie, Urmimala Abhilash. La posta proveniva dal vice ammiraglio Manohar Awati, un veterano della Marina di 91 anni che è stato il primo marinaio indiano a sognare di circumnavigare il mondo. Ha detto: non preoccuparti, Urmi. Tornerà in questa gara e la vincerà”.

Quattro anni dopo, l’ammiraglio Awati non c’è più. È deceduto pochi mesi dopo che questa e-mail è stata inviata a Urmi. Tuttavia, Abhilash Tumi continua a realizzare il sogno dell’ammiraglio e anche il suo sogno.

jf0v9g

Per Urmi, gli ultimi sette mesi sono stati implacabili: tiene traccia dei progressi di Abhilash su un tracker ufficiale anche se sono passati tre mesi dall’ultima volta che gli ha parlato, una rara chiamata fatta dagli organizzatori della gara.

Non è mai stato facile lasciar andare Abhilash quando ha deciso che aveva bisogno di fare un secondo tentativo, ma Urmi sapeva che “no” non sarebbe mai stata una risposta che avrebbe accettato. “Stare con lui significa sapere quando separarsi da lui”, dice, spiegando come Abhilash fosse determinato ad affrontare l’incredibile sfida delle corse nonostante la sua esperienza di pre-morte nel 2018.

Passaggio al 12 aprile 2023: navigando a una sezione costante di 6-7 nodi nel medio Atlantico, Abhilash Tumi ha manovrato la sua barca, Bayanat, in una posizione in cui sembrava essere il primo a prendere il meglio. Si snoda dalle Azzorre portoghesi. Questo dipende interamente dal tempo, ma la previsione attuale è che Tommy dovrebbe essere in grado di trovare un vento a 30 gradi di latitudine nord che gli consentirà non solo di ridurre la distanza tra sé e la leader della corsa Christine Neuchafer del Sud Africa, ma anche un potenziale posizione vincente Per navigare verso il porto francese di Les Sables-d’Olonne dove si conclude la regata. Ma ciò che è chiaro è che questa sarà una battaglia molto serrata fino al traguardo tra i due leader della corsa.

L’obiettivo per i velisti che partecipano alla regata Golden Globe è partire da Les Sables d’Olonne e “navigare da soli, senza scalo intorno al mondo, oltrepassando i cinque grandi promontori e tornare a Les Sables d’Olonne”, afferma il funzionario della regata. descrizione. Le barche stesse non possono superare i 36 piedi di lunghezza e ai concorrenti in gara non è consentito utilizzare alcun ausilio alla navigazione satellitare.

“Ci vogliono dai tre ai quattro anni di preparazione, corpo-mente e barca, per percorrere 26.000 miglia senza sosta, da soli, senza l’ausilio della tecnologia del 1968. Niente internet o GPS. La regata stessa è una prova di ogni abilità velica. Otto si affrontano mesi di solitudine.” Gli articoli nelle previsioni meteorologiche molto grezze e vaghe di HF vecchio stile [High Frequency] “Se non sapessi dove erano gli altri arrivati”, dice il vice ammiraglio A. C. Rao, un avido seguace che ha servito come comandante materiale nella marina indiana presso il quartier generale della marina nel 1991-92.

La regata, progettata per ricreare un’epoca d’oro della vela in solitaria nel passato, prevede che i velisti in competizione trascorrano 250 giorni dispari in mare. Navigano utilizzando un sestante di base su carte nautiche. Non hanno un sistema di pilota automatico, né elementi elettronici. La loro abilità nel determinare il tempo intorno a loro è un fattore importante per fare progressi in una gara. Solo occasionalmente i marinai possono parlare con i loro cari quando si trovano nel raggio di radio HF a lungo raggio.

E se le cose si rompono, nessuno aiuta.

icsq4EO8

” durante GGR 2022 [the present race]Il vice ammiraglio Rao ha affermato di aver “castrato” ogni problema, grande e piccolo, che ha incontrato. Quando ha esaurito i materiali per riparare un timone rotto, ha rimodellato il legno del tavolo da carteggio e quando questo si è rotto, ha usato la porta del bagno, ha usato l’acqua di mare per cuocere il riso fino a quando non ha raccolto acqua nelle sue vele durante i temporali.

READ  La bara della regina ha lasciato il castello di Balmoral mentre inizia il suo ultimo viaggio

I rischi sono sotto gli occhi di tutti. 13 dei 16 capitani salpati da Les Sables-d’Olonne l’anno scorso sono fuori gara. Uno di loro, Ian Herbert Jones, è appena scampato a ripetuti abbattimenti martedì quando la sua barca, il Puffin, si è imbattuta in una tempesta al largo della costa argentina. Con venti fino a 80 nodi (148 chilometri all’ora) in mari di 8 metri, la barca di Jones era spaventata. Dopo essere stato colpito alla schiena, Jones ha inviato un segnale di soccorso sul suo faro di emergenza, provocando un rapido salvataggio coordinato dagli organizzatori della regata e dagli osservatori internazionali del soccorso marittimo. Un peschereccio taiwanese, Zi Da Wang è riuscito a salvare Ian nonostante le terribili condizioni del mare.

Per Abhilash Tumi che naviga nell’estremo nord, la notizia di Ian, un amico personale, può servire a ricordare come un marinaio può trasformarsi in un assassino in un batter d’occhio. Ha già visto tutto. E ha vissuto per raccontare la storia.

a6pguah

Le prossime settimane saranno cruciali.

Christine Neushaffer, che sta cercando di essere la prima donna a vincere i Golden Globes, sta combattendo Abhilash per ogni miglio nautico e sembra che la corsa a Les Sables-d’Olonne possa finire per essere un fotofinish. Il vice ammiraglio Rao vede questo come un “thriller che si svolge al rallentatore”.

“Il semplice completamento del corso è un traguardo per il coraggioso velista che è stato messo alla prova fino ai limiti estremi della resistenza umana.”

(Immagini fornite da: Urmimala Abhilash)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *