Dopo essere in ritardo, l’Europa sta recuperando terreno sugli Stati Uniti nei vaccini

BRUXELLES: Nonostante un inizio lento, la campagna di vaccinazione COVID-19 dell’Unione Europea ha raggiunto negli Stati Uniti, poiché il rallentamento della decantata campagna del paese ha contribuito alla micidiale rinascita del virus.
Secondo Our World in Data, una pubblicazione scientifica online a metà febbraio, meno del 4% delle persone che vivevano nei 27 paesi dell’Unione Europea era almeno parzialmente vaccinato contro il coronavirus, rispetto a circa il 12% negli Stati Uniti. all’Università di Oxford.
Ora l’Unione Europea ha superato gli Stati Uniti con la stessa misura, con circa il 60% della popolazione del blocco che ha ricevuto almeno una dose, contro meno del 58% degli americani.
In Italia, dove quasi il 63% delle persone di età pari o superiore a 12 anni è completamente protetto, il primo ministro Mario Draghi ha ottenuto un giro di vittoria la scorsa settimana.
“Ho detto che non volevo festeggiare i successi, ma va detto che l’Italia ha vaccinato più dosi per 100 abitanti rispetto a Francia, Germania e Stati Uniti”, ha detto all’entrata in vigore del programma di verifica dei vaccini del Paese venerdì.
Le persone in Italia devono ora dimostrare di aver ricevuto almeno una dose di vaccino, di essersi riprese dal Covid-19 o di essere recentemente risultate negative al virus se vogliono mangiare in casa, usare le palestre o andare a concerti, teatri, musei e turisti. siti, come il Colosseo.
Le autorità europee attribuiscono il successo in Italia e altrove all’assistenza sanitaria nazionalizzata e a una storia di fiducia del pubblico nella sicurezza delle vaccinazioni.
Il dottor Peter Lisi, eurodeputato tedesco, ha affermato che il lento processo di approvazione dei vaccini da parte dell’UE ha rimesso in carreggiata il blocco, ma che ora sta dando i suoi frutti poiché infonde maggiore fiducia nelle formule in rapida evoluzione.
Mentre gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno rilasciato permessi di emergenza per i vaccini per ottenere i vaccini rapidamente, l’Unione Europea ha attraversato un processo più lungo per concedere le approvazioni complete, lasciandoli indietro di settimane.
“Sono convinto che abbiamo una buona argomentazione per spiegare alle persone che sono ancora titubanti che il vaccino è stato adeguatamente testato in Europa”, ha detto di recente Lizzie. “Ora è chiaro che non solo la frequenza delle vaccinazioni nei primi mesi, ma anche la strategia a lungo termine è importante”.
La trasformazione è stata annunciata in Spagna. A metà aprile, quando quasi un quarto degli americani era completamente vaccinato, solo il 7% degli spagnoli era protetto in modo simile, secondo Our World in Data. Ora, quasi il 60% dei 47 milioni di spagnoli sono completamente vaccinati, mentre circa la metà degli Stati Uniti lo è.
Il Portogallo, con una popolazione di circa 10 milioni, alla fine di giugno aveva vaccinato completamente circa un terzo della sua popolazione. I funzionari ora dicono che è sulla buona strada per raggiungere il 70% entro la fine dell’estate.
Come la campagna di vaccinazione degli Stati Uniti, gli sforzi dell’Unione europea sono iniziati a Natale e hanno lottato per soddisfare la domanda iniziale. Ma presto si trasformò in un grave imbarazzo politico per i funzionari europei, con gli Stati Uniti e la Gran Bretagna che fecero un balzo in avanti.
Il principale fattore che ha frenato l’UE in un primo momento è stata la sua decisione di acquistare i vaccini come blocco piuttosto che come singoli paesi. Giovanna Di Maio, visiting fellow in relazioni internazionali presso la George Washington University, ha affermato che la mossa ha assicurato che gli Stati membri più piccoli non fossero esclusi, ma che ha finito per richiedere più tempo per negoziare con le compagnie farmaceutiche.
Ha detto che gli Stati Uniti sono stati anche più efficienti nella distribuzione del vaccino, creando rapidamente siti di vaccinazione su larga scala, oltre a fornire i colpi a farmacie, negozi di alimentari e altri luoghi vicini, mentre l’UE inizialmente si è concentrata su ospedali e altre strutture mediche.
I paesi dell’UE erano eccessivamente fiduciosi nella capacità dei produttori di raggiungere questo obiettivo. Come si è scoperto, AstraZeneca non è riuscita a produrre i suoi colpi in tempo e ha consegnato un numero insignificante di dosi. Anche le preoccupazioni sulla sua sicurezza ed efficacia hanno contribuito allo scetticismo nei confronti del vaccino. Ma con il grande lancio di Pfizer’s Potion, le cose sono cambiate.
Nel frattempo, gli sforzi di vaccinazione degli Stati Uniti hanno raggiunto il picco e poi sono diminuiti drasticamente di fronte alla grande riluttanza e alla totale ostilità, alimentata dalla disinformazione e dalla politica di parte.
Alla fine di luglio, gli Stati Uniti distribuivano in media meno di 600.000 giri al giorno, in calo rispetto al picco di oltre 3,4 milioni di giri al giorno ad aprile. La variante delta altamente contagiosa ha portato nuovi casi giornalieri nell’ultimo mese a livelli che non si vedevano da febbraio. La stragrande maggioranza dei ricoverati in ospedale non era vaccinata.
Tuttavia, non tutto va bene all’interno dell’Unione europea. Le contraddizioni tra gli Stati membri sono enormi. Ad esempio, nei Paesi Bassi, l’85% degli adulti ha ricevuto almeno una dose. In Bulgaria meno del 20%.
Ci sono anche segnali preoccupanti che la campagna europea sta perdendo vigore.
In Germania, dove il 54% della popolazione è completamente vaccinato, il numero di iniezioni erogate al giorno è sceso da oltre 1 milione di iniezioni a maggio a circa 500.000.
I funzionari hanno iniziato a spingere per più vaccinazioni nei supermercati e nei centri cittadini e stanno offrendo incentivi. Una campagna di vaccinazione in Turingia includeva salsicce gratuite, mentre le località di Berlino avevano in programma di suonare DJ questo fine settimana nella speranza di incoraggiare i giovani a vaccinarsi.
Di Maio ha affermato di ritenere che i mandati sui vaccini a livello nazionale come il programma Green Pass originale dell’Italia potrebbero aiutare i paesi dell’UE a evitare il destino dell’America.
“I politici europei lo vedono arrivare e stanno prendendo queste misure”, ha detto della possibilità di fermare gli sforzi di vaccinazione in Europa. “Stanno cercando disperatamente di evitarlo perché l’Europa non può permettersi un altro blocco, viste le enormi perdite economiche che il Covid ha già causato”.

READ  Mario Draghi in procinto di diventare Macron 2.0: "L'ultima cosa di cui l'Italia ha bisogno!" | Il mondo | notizia
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Siddharth Malhotra e Kiara Advani sembrano perfetti insieme durante le promozioni di Shershaah
Next Post Steve Cohen guarda i Med Mets prima della partita di Billys