“Dio, casa, famiglia” | Globalismo

La scorsa settimana, il lento rombo sotto il pavimento della politica europea è esploso in un terremoto politico che ha il potenziale per rimodellare il panorama conservatore europeo. Gli stessi eventi offrono lezioni anche ai conservatori qui in America. Dopo settimane trascorse in testa ai sondaggi d’opinione alle elezioni generali italiane, il partito di estrema destra Fratelli d’Italia è uscito in testa, formando un governo di coalizione con il suo leader, Giorgia Meloni, come nuovo primo ministro del Paese.

Sulla scia della recente scomparsa del raduno nazionale ideologicamente simile alle elezioni francesi di questa primavera, la vittoria di Meloni ha mandato i leader dell’UE ei media mainstream quasi isterici per il riemergere del “fascismo” in Italia.

Questo, ovviamente, non è altro che i soliti insulti. Sebbene il fascismo fosse una volta una forza politica in Italia, non c’è nulla di fascista da discernere nelle attuali priorità politiche dell’Italia, e Meloni lo era. feroce nel rifiuto Nessun accenno a un collegamento del genere. Ancora più importante, il successo di Meloni è dovuto in gran parte allo stato profondamente fratturato e disilluso della politica italiana. L’affluenza alle urne è stata storicamente bassa. Inoltre, ora l’economia italiana è fortemente dipendente dall’UE anche se un dissidente come Meloni fa qualcosa di molto radicale.

Ma qui c’è una grande storia. Mentre i cambiamenti tangibili nella politica del nuovo governo possono essere limitati, l’impatto simbolico e retorico dell’ascesa di Meloni potrebbe nel tempo giustificare il clamore che ha fatto. Sebbene Meloni sia la prima donna premier italiana, è l’esatto opposto di un’icona del femminismo.

READ  Esclusivo: l'Italia spinge per indebolire l'impegno di finanziamento dei combustibili fossili - fonti

Meloni è una devota cattolica che è orgogliosa della maternità e ama citare J. R. R. Tolkien, e ha costruito la sua carriera politica su un attacco diretto al predominio dell’ideologia liberale, usando lo slogan “Dio, patria e famiglia. Nelle mani di molti politici sarebbe solo una frase vuota pensata per compiacere gli elettori conservatori, ma per Meloni esprime profonde convinzioni sulla natura della politica.

Meloni, a differenza di molti conservatori fino a poco tempo fa, è profondamente consapevole dell’empia alleanza tra grandi corporazioni e grande governo, risveglia il capitale, risveglia i burocrati.

Fondamentalmente, Meloni, a differenza di molti conservatori fino a poco tempo fa, acutamente consapevole dell’empia alleanza tra grandi imprese e grande governo, ha risvegliato il capitale e risvegliato i burocrati. Ha fatto la sua argomentazione con forza discorso moderno: Perché la famiglia è un nemico? …perché ci definisce, perché è la nostra identità. Perché tutto ciò che ci contraddistingue è ormai il nemico di chi vuole che non abbiamo identità e che siamo dei perfetti schiavi consumatori. Quindi attaccano l’identità nazionale, attaccano l’identità religiosa, attaccano l’identità sessuale, attaccano l’identità familiare”. Ha continuato: “Quando non avrò identità o radici, sarò la schiava ideale alla mercé degli speculatori finanziari, il consumatore ideale”.

Per Meloni e per l’alleanza politica che rappresenta, la crudele ironia della “politica dell’identità” è che tali politiche sono in guerra con la vera identità, perché la vera identità è sempre ciò che ci collega alle altre persone in una storia che attraversa le generazioni, non qualcosa che scegliamo semplicemente o fare per noi stessi. Tali identità – credo, famiglia, nazione – possono essere limitanti, ma è proprio accettando tali limiti che scopriamo il nostro scopo e il nostro significato. Senza di loro, spogliati di ogni legame e che ci spingono a diventare ciò che vogliamo essere, diventiamo nient’altro che sacrificabili, predisposti a spennare da chiunque approfitti della nostra disperazione senza radici.

READ  JER vs ITA Dream11 Prediction, Fantasy Cricket Tips, Play 11, Pitch Report e aggiornamenti sugli infortuni per la partita 43 della CWC Challenge League B 2022

Non c’è da stupirsi che l’aborto, che ci isola dalle generazioni future così come ci siamo isolati da quelle precedenti, sia diventato il segreto di questa nuova religione. Per il segno conservatore Meloni, la nazione (dal latino nat= nato) Va celebrato soprattutto perché è segno della nostra nascita, della nostra nascita comune e della nostra simbiosi.

Sono passati molti anni da quando il leader di qualsiasi grande nazione occidentale ha espresso queste visioni in modo così chiaro e senza paura, o ha presentato una difesa così categorica della famiglia naturale e del patriottismo come doni di Dio da custodire. Resta da vedere quanto mandato avrà la Meloni per attuare politiche volte a proteggere e promuovere questi beni, o quanta differenza farà in un Paese con uno dei tassi di natalità più bassi al mondo.

Tuttavia, osando parlare con tale buon senso nelle nebbie oscure del discorso politico contemporaneo, e farlo con eloquenza e convinzione, Meloni potrebbe tracciare un percorso da seguire per altri leader conservatori, sia in Europa che nel mondo.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Guarda SpaceX lanciare altri 52 satelliti Starlink il 4 ottobre
Next Post Un gruppo di donne con un abito verde neon attacca e rapina due adolescenti nella metropolitana di New York