Dieta occidentale identificata come fattore di rischio per il morbo di Alzheimer, avvertono gli scienziati: ScienceAlert

Dieta occidentale identificata come fattore di rischio per il morbo di Alzheimer, avvertono gli scienziati: ScienceAlert

Non sappiamo ancora come trattare l’Alzheimer, ma gli scienziati stanno imparando di più su cosa aumenta o diminuisce il rischio di svilupparlo – e uno di quei fattori di rischio sembra essere la dieta a cui siamo abituati nel mondo occidentale.

Una nuova revisione di 38 studi precedenti degli ultimi cinque anni identifica un modello di dieta occidentale come un fattore di rischio per la malattia di Alzheimer nei casi da lievi a moderati della malattia.

D’altra parte, la dieta mediterranea dieta chetogenicaGli integratori con acidi grassi omega-3 e probiotici sembrano proteggere dalla malattia, ma solo in casi da lievi a moderati.

I ricercatori di diverse istituzioni in Cina suggeriscono che i cambiamenti nella dieta potrebbero essere un modo per ridurre il rischio di malattia di Alzheimer e altri tipi di demenza e limitare i danni alle nostre capacità cognitive.

Alcuni interventi nutrizionali possono rallentare la progressione della malattia di Alzheimer e migliorare la funzione cognitiva e la qualità della vita. Lui scrive I ricercatori nel loro articolo pubblicato.

Negli studi analizzati, questi “interventi nutrizionali” hanno migliorato la funzione cognitiva e la qualità della vita per le persone con malattia di Alzheimer da lieve a moderata. Sembra anche rallentare la progressione della malattia.

Anche se non sappiamo cosa causi la malattia di Alzheimer, sappiamo che ne provoca l’accumulo Peptidi beta-amiloide (Aβ). E proteina tau Grumi nel cervello, che portano alla rottura dei neuroni fondamentali per pensare e ricordare.

Sulla base della ricerca, il modo in cui le scelte alimentari influenzano l’infiammazione potrebbe essere fondamentale qui: le diete occidentali ricche di grassi saturi, zucchero e sale possono sottoporre i nostri corpi a ulteriore stress, rendendoci in qualche modo più suscettibili alla demenza.

READ  Le piaghe da carne rossa sono comuni nel Regno Unito

“I meccanismi principali si basano su una riduzione dello stress ossidativo e dell’infiammazione e su un minore accumulo di peptidi Aβ”, afferma. Lui scrive Ricercatori.

La dieta mediterranea è ricca di cereali integrali, frutta, verdura e frutti di mare, mentre la dieta cheto è un approccio molto specifico, ricca di grassi e povera di carboidrati. Come notano i ricercatori, la dieta cheto non è priva di rischi in termini di salute generale e dovrebbe essere utilizzata in consultazione con un medico.

Si pensa che la demenza colpisca di più Più di 50 milioni di persone in tutto il mondo a partire dal 2020 e questo numero è in costante aumento. Capire modi per ridurre i rischi durante la ricerca di un trattamento può fare la differenza.

Il lavoro continua per capire in che modo la dieta si collega alla malattia di Alzheimer e ai meccanismi coinvolti, ma questo studio e altri simili aiutano a fornire agli scienziati un quadro più accurato di come ciò che mangiamo influisce sul cervello.

“I risultati mostrano che gli interventi nutrizionali sono in grado di rallentare il tasso di progressione della malattia di Alzheimer, migliorare la funzione cognitiva e migliorare la qualità della vita di questi pazienti”. Lui scrive Ricercatori.

“Tuttavia, ci sono ancora molte lacune di conoscenza da indagare; pertanto, si raccomanda uno studio più approfondito sull’associazione tra alimentazione e malattia di Alzheimer”.

Ricerca pubblicata in Frontiere delle neuroscienze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *