Demonizzazione: grande decisione della Corte Suprema sul divieto di banconote spostate oggi al centro: 10 fatti

L’opposizione sostiene che la demonizzazione sia stata un fallimento del governo (fascicolo)

Nuova Delhi:
La Corte Suprema dovrebbe pronunciarsi oggi sulle petizioni contro la decisione del Centro del novembre 2016 di vietare le banconote da 1.000 e 500 rupie. La mossa ha tolto dalla circolazione Rs 10 crore durante la notte.

Ecco i primi 10 aggiornamenti di questa grande storia

  1. 58 petizioni sono state depositate presso la Corte Suprema per contestare il divieto di banconote, sostenendo che non si trattava di una decisione ponderata da parte del governo e che doveva essere respinta dal tribunale.

  2. Il governo ha sostenuto che un tribunale non può pronunciarsi su una questione quando non può essere concesso alcun risarcimento tangibile. Sarebbe come “riportare indietro l’orologio” o “decostruire le uova strapazzate”, ha detto il centro.

  3. La Commissione costituzionale composta da cinque giudici, presieduta dal giudice Nazir, ha ascoltato le argomentazioni prima della pausa invernale e il 7 dicembre ha sospeso la sentenza. Gli altri membri sono i giudici BR Gavai, BV Nagarathna, AS Bopanna e V Ramasubramanian. Il giudice P. R. Gavai e il giudice P. V. Nagarathna hanno scritto due sentenze separate, come ho appreso.

  4. Il centro ha affermato che il de-trading è stata una decisione “ben ponderata” e parte di una strategia più ampia per combattere la minaccia di denaro contraffatto, finanziamento del terrorismo, denaro sporco ed evasione fiscale.

  5. L’ex ministro dell’Unione e Senior Advocate B.

  6. Ha affermato che il governo non può avanzare da solo alcuna proposta per un corso legale. Ha detto che ciò potrebbe essere fatto solo su raccomandazione del consiglio centrale della Reserve Bank of India (RBI).

  7. Il signor Chidambaram ha sostenuto che il centro deteneva anche importanti documenti sul processo decisionale, inclusa la sua lettera alla Reserve Bank datata 7 novembre e il verbale della riunione del consiglio centrale della banca.

  8. Quando l’avvocato della banca ha sostenuto che il controllo giurisdizionale non può applicarsi alle decisioni di politica economica, il tribunale ha affermato che la magistratura non può piegare le mani e sedersi solo perché si tratta di una decisione di politica economica.

  9. La Reserve Bank of India ha ammesso che ci sono “difficoltà temporanee” che fanno parte del processo di costruzione della nazione. Ha affermato nella sua relazione che i problemi sono stati risolti attraverso un meccanismo.

  10. L’opposizione afferma che il processo di demonetizzazione è stato un fallimento del governo, che ha distrutto le imprese e posto fine ai posti di lavoro. Il presidente del Congresso Mallikarjun ha dichiarato all’esterno: “Sei anni dopo il ‘grande sciopero’, il denaro a disposizione del pubblico è superiore del 72% rispetto al 2016. Il Primo Ministro (Narendra Modi) deve ancora riconoscere questo epico fallimento che ha portato l’economia crolla”.

Video in primo piano della giornata

Elezioni importanti BJP Jumpstarts: l’opposizione può recuperare il ritardo?

READ  Gotabaya Rajapaksa - Il presidente dello Sri Lanka si è recato alla base aerea mentre si diffondevano voci sull'esilio, afferma il rapporto
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il nuovo ministro del turismo Haim Katz si impegna a investire in Cisgiordania e nella “Toscana israeliana”
Next Post Oggi nella storia, 2 gennaio: cosa è successo in questo giorno