Delhi, Calcutta, Ahmedabad sono tra le megalopoli “insostenibili” del mondo

Delhi, Calcutta, Ahmedabad sono tra le principali città del mondo

Tutte le principali città dell’Asia meridionale vedranno la loro popolazione aumentare di almeno il 50%.

Con 10 miliardi di persone che dovrebbero essere stipate nelle aree urbane entro la metà del secolo, il mondo aggiungerà almeno 14 nuove megalopoli, molte delle quali sono a rischio di minacce tra cui insicurezza alimentare e idrica, conflitti e alti tassi di criminalità, nonché clima – disastri correlati come inondazioni e siccità.

Queste città in crescita, ciascuna con una popolazione di oltre 10 milioni entro il 2050, si aggiungono alle 33 megalopoli esistenti. Ma le minacce ambientali e la mancanza di resilienza sociale rendono insostenibile la sua ascesa – e il rapido ritmo dell’urbanizzazione in generale – avverte un rapporto pubblicato mercoledì dall’Institute for Global Thought and Peace.

Si prevede che il mondo aggiungerà almeno 14 nuove megalopoli entro la metà del secolo, ciascuna con una popolazione di oltre 10 milioni.

Saranno le città in più rapida crescita nell’Africa subsahariana e si prevede che ospiteranno 2,1 miliardi di persone nei prossimi tre decenni. La regione comprende cinque delle 20 città più emergenti ed esistenti a rischio, secondo il rapporto. Tra i più insostenibili ci sono Kinshasa nella Repubblica Democratica del Congo; Nairobi, Kenya; e Lagos, in Nigeria, che potrebbe vedere una crescita della popolazione dell’area metropolitana di almeno l’80%.

Nel frattempo, tutte le principali città dell’Asia meridionale vedranno la loro popolazione aumentare di almeno il 50%. Almeno otto di loro sono stati elencati nel rapporto come tra i paesi più insostenibili, tra cui Dhaka, Bangladesh; Lahore, Pakistan; Calcutta e Delhi.

“In generale, si trovano in paesi a basso reddito e con poca pace, il che significa che semplicemente non hanno la capacità finanziaria per gestire la crescita”, afferma Steve Kelly, fondatore dell’IEP. Il sottofinanziamento può impedire alle città di migliorare le infrastrutture critiche, ridurre la criminalità e sostenere l’economia locale. Quelli con la maggiore crescita demografica, principalmente nell’Africa subsahariana e nell’Asia meridionale, vedranno le risorse espandersi di meno e affrontare le sfide più sostenibili.

Insicurezza alimentare e idrica

Secondo il rapporto, l’Africa subsahariana ha il peggior rapporto sulle minacce ambientali (ETR), che misura la crescita della popolazione di un paese insieme alla sua vulnerabilità all’insicurezza alimentare, ai disastri naturali e allo stress idrico. Molte città si classificano anche in basso o molto in basso negli indicatori di pace positivi e globali dell’IEP, che determinano il livello di pace di un paese in relazione alla resilienza sociale ed economica.

Ciò include tre megalopoli in rapida espansione: le aree metropolitane di Dar es Salaam, in Tanzania e Nairobi, potrebbero vedere la loro popolazione attuale raddoppiare rispettivamente a 16,4 milioni e 10,4 milioni, mentre Luanda, in Angola, crescerà del 62% a 14,6 milioni. un milione di persone.

Ma mentre più della metà della popolazione della regione considera il crimine e la violenza più urgenti del cambiamento climatico, il rapporto sottolinea che il degrado ambientale, la resilienza e il conflitto sono intrecciati. “La carenza d’acqua è strettamente correlata alla carenza di cibo e all’elevata crescita della popolazione in aree che sono già in conflitto e sono già insostenibili”, afferma Killelea.

L’economia pubblica ad Ahmedabad mentre Modi sollecita le precauzioni contro i virus prima della stagione dei festival dell’India Acquirenti e pedoni passano davanti alle bancarelle del mercato del Forte di Bhadra ad Ahmedabad, in India, il 22 ottobre 2020. Fotografia: Sumit Dayal/Bloomberg

L’Asia meridionale, che include la città di Ahmedabad in India, ha il secondo peggior punteggio ETR, secondo il rapporto. Città come Ahmedabad saranno sempre più esposte a livelli estremamente elevati di inquinamento atmosferico, stress idrico e catastrofici disastri meteorologici. Molti di coloro che si trasferiscono in centri urbani già affollati cercano riparo, stabilità e rifugio dai disastri climatici, mettendo sotto pressione le infrastrutture e la capacità del governo di fornire lavoro e servizi.

In Bangladesh, dove il governo prevede che un cittadino su sette sarà sfollato a causa dei cambiamenti climatici entro il 2050, la popolazione di Dhaka potrebbe crescere, tra le altre cose, da 22,6 milioni a 34,6 milioni. “Le persone tendono ad affollarsi in aree che sono semplicemente le più economiche e spesso vanno nei luoghi più popolosi dove possono semplicemente sopravvivere”, afferma Killelea. “Quindi sembra che gli slum stiano crescendo normalmente”.

Gli insediamenti informali a Dhaka – dove le acque reflue, l’acqua dolce, le linee del gas illegali e gli inceneritori inadeguati aumentano il rischio di incendio – si stanno espandendo in aree a basso rischio vicino all’acqua, mettendo i residenti a rischio di gravi inondazioni.

È tempo di cambiamenti di politica

Ciò non significa che le megalopoli nei paesi ad alto reddito non siano prive di minacce, anche se hanno più risorse per adattarsi. Le aree metropolitane di Chicago e Londra supereranno i 10 milioni di residenti nel 2050. L’area metropolitana di New York vedrà la sua popolazione aumentare da 18,9 milioni a 22,8 milioni. Queste città affrontano crescenti minacce di caldo estremo e inondazioni catastrofiche che stresseranno i sistemi di drenaggio delle tempeste che invecchiano e rappresenteranno rischi particolarmente significativi per le comunità svantaggiate.

Ma Killelea dice che c’è ancora tempo per le città per attuare importanti cambiamenti politici per mitigare i rischi per la sostenibilità. Il rapporto richiede interventi come la cooperazione multilaterale tra i governi e il settore privato e la ristrutturazione del bilancio per dare la priorità all’adattamento ambientale (sebbene abbia anche sottolineato la necessità di esaminare come la riallocazione dei finanziamenti influisca sui diversi gruppi)

Ha sottolineato che la soluzione chiave è l’empowerment economico nei paesi a basso e medio reddito. Non solo questo migliorerà la resilienza attraverso una forza lavoro migliorata, ma gli studi hanno dimostrato che l’empowerment delle donne, in particolare, porta a dimensioni familiari più ridotte e migliori politiche sanitarie nei paesi a basso e medio reddito.

Il rapporto invita inoltre le città a responsabilizzare le comunità locali per affrontare le sfide, piuttosto che interventi dall’alto verso il basso. Gli approcci guidati dalla comunità fanno un uso migliore delle conoscenze locali e ottengono una maggiore accettazione da parte della comunità, riducendo così i costi di ricerca e implementazione.

Nonostante la sfida sia formidabile, Killelea ha aggiunto di essere ottimista. “Non sottovaluto le sfide”, dice. “Ma se non guardi alle sfide e non adotti un approccio un po’ ottimista, che speranza c’è?”

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

READ  Nuova fuga di notizie audio Imran avrebbe esortato Musarrat Cheema ad avvicinarsi a SC - Pakistan

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *