Decine di migranti libanesi e siriani sono intrappolati in mare

Decine di migranti libanesi e siriani bloccati per giorni su un peschereccio che affonda nel Mediterraneo hanno esortato la Guardia costiera europea a soccorrerli, dicendo che due bambini sono morti.

Circa 60 migranti hanno riferito tramite telefono satellitare a parenti e gruppi di volontari che due bambini piccoli erano morti e che il gruppo era rimasto senza cibo, acqua e latte artificiale negli ultimi tre giorni. A bordo della nave ci sono profughi siriani e libanesi provenienti dalle sue poverissime province settentrionali che cercano di raggiungere l’Italia in cerca di opportunità di lavoro. Hanno lasciato il Libano al largo della città settentrionale di Tripoli una decina di giorni fa.

“Stanno cercando di pulire l’acqua che fuoriesce dalla barca con dei secchi, non hanno altro”, ha detto all’Associated Press il fratello di un passeggero siriano. Ha chiesto che i loro nomi non siano divulgati per motivi di sicurezza e perché alcuni immigrati non vogliono rivelare la notizia alle loro famiglie a casa. “Questa è una barca da pesca per cinque persone, non 60.”

Il Libano ha una popolazione di 6 milioni di abitanti, di cui 1 milione di rifugiati siriani, e il Libano soffre di un grave collasso economico dalla fine del 2019. Più di tre quarti della popolazione è stata spinta in povertà.

Secondo quanto riferito, i migranti sono bloccati vicino alle coste di Malta e dell’Italia. Le autorità non hanno inviato bagnini, secondo le famiglie e gli attivisti in contatto con i migranti. Il deputato libanese Ashraf Rifi ha esortato il governo italiano, il ministero degli Esteri libanese e l’ambasciata libanese a Roma ad agire.

Secondo le famiglie e Alarm Phone, una rete di attivisti che aiuta a portare i soccorritori in mare ai migranti in difficoltà, Malta non ha ancora autorizzato un’operazione di salvataggio e non ha dato il permesso a una nave mercantile di salvare i migranti bloccati.

READ  Importazioni di soia in aumento del 7,7%

Nel frattempo, le famiglie temono che la barca che perde possa affondare in qualsiasi momento.

“Ogni volta che chiamo, si sentono bambini che urlano e piangono in sottofondo”, ha detto il parente. “Non so perché nessun governo ha preso misure per salvarli, è perché sono dei poveri che cercano di sbarcare il lunario per le loro famiglie?”

Il Libano un tempo è diventato un paese che accoglieva i profughi, un trampolino di lancio per la pericolosa migrazione via mare verso l’Europa.

Con l’aggravarsi della crisi, più rifugiati libanesi, siriani e palestinesi sono scesi in mare, con i servizi di sicurezza che hanno riferito quasi settimanalmente tentativi di immigrazione falliti..

Ad aprile, una nave che trasportava decine di libanesi, siriani e palestinesi che cercavano di emigrare via mare verso l’Italia è sbarcata a più di cinque chilometri (tre miglia) dal porto di Tripoli, dopo uno scontro con la marina libanese. Decine sono stati uccisi nell’incidente.

Le circostanze dell’affondamento sono controverse. I sopravvissuti affermano che la marina libanese ha speronato la loro barca, mentre l’esercito afferma che la barca dei migranti è stata speronata contro una nave della marina mentre cercava di scappare.

L’annegamento di aprile è stata la più grande tragedia di migranti per il Libano Negli ultimi anni, mettere il governo sulla difensiva in un momento in cui il paese è in uno stato di caduta libera economica e la fiducia del pubblico nello stato e nelle sue istituzioni sta rapidamente crollando.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Un embrione artificiale, realizzato senza spermatozoi o uovo, può portare a trattamenti per l’infertilità
Next Post È probabile che questo parlamentare indiano succederà a Priti Patel come ministro dell’Interno britannico | notizie dal mondo