Decine di corpi annegano sulla spiaggia dopo che le barche sono affondate al largo della costa libica | Notizie sui rifugiati

Un ufficiale della guardia costiera libica ha detto che alcuni dei rifugiati provenivano da Pakistan, Siria, Tunisia ed Egitto.

Un ufficiale della guardia costiera e un operatore umanitario hanno detto che almeno 57 corpi sono stati portati a riva dopo che due barche sono affondate nel Mar Mediterraneo al largo di varie città della Libia occidentale.

Uno dei sopravvissuti ha detto che c’erano circa 80 passeggeri a bordo di una delle barche, che è partita per l’Europa intorno alle 2:00 ora locale (0000 GMT) di martedì.

L’ufficiale della Guardia Costiera Fathi Al-Zayani ha detto che 11 corpi, compreso il corpo di un bambino, sono stati recuperati al largo di Garabulli, a est di Tripoli. Ha detto che i rifugiati provengono da Pakistan, Siria, Tunisia ed Egitto.

Un operatore umanitario affiliato alla Mezzaluna Rossa nella città costiera di Sabratha, a ovest di Tripoli, ha affermato che le autorità hanno recuperato 46 corpi da quando una barca è affondata al largo della costa libica cinque giorni fa.

L’ultimo bilancio segue il recupero di lunedì di 11 corpi, che sono stati “consegnati alle autorità” a Sabratha, ha confermato la Mezzaluna Rossa su Facebook.

L’agenzia della Mezzaluna Rossa di Sabratha ha pubblicato online immagini che mostrano corpi in sacchi neri ammucchiati sul retro di camioncini da operatori umanitari che indossano maschere e guanti.

L’operatore umanitario ha detto che nei prossimi giorni dovrebbero essere lavati altri corpi.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha dichiarato questo mese che 441 persone sono annegate all’inizio del 2023 mentre cercavano di attraversare il Mar Mediterraneo dal Nord Africa all’Europa, il numero più alto di morti in un periodo di tre mesi registrato negli ultimi sei anni.

READ  Nubank prevede una crescita in mezzo a lotte economiche

La rotta del Mediterraneo centrale rimane la traversata marittima più letale al mondo per i migranti.

Più di un decennio di violenze in Libia, dopo la caduta e l’uccisione del dittatore Muammar Gheddafi nel 2011, ha contribuito a trasformare il Paese nordafricano in un terreno fertile per le bande del traffico di esseri umani, accusate di abusi che vanno dall’estorsione alla schiavitù.

I gruppi per i diritti umani hanno ripetutamente accusato le autorità ei gruppi armati che operano sotto gli auspici statali di torture e altri abusi.

Anche la vicina Tunisia ha visto un forte aumento dei tentativi di attraversamento.

L’Italia ha salvato 47 imbarcazioni che trasportavano circa 1.600 migranti nel Mediterraneo centrale negli ultimi due giorni e li ha portati a terra sull’isola di Lampedusa.

Lunedì l’Italia ha offerto alla Tunisia l’accesso ai fondi per le riforme economiche e politiche, mentre i ministri degli Esteri dell’Unione Europea discutevano su come rispondere alla crescente instabilità nel paese africano.

Con l’aumento del numero di traversate nel Mediterraneo centrale, il governo di destra italiano ha concordato nuove misure per sanzionare gli enti di beneficenza che soccorrono i richiedenti asilo in mare e sequestrano le loro navi se violano nuove regole, mettendo potenzialmente in pericolo la vita di migliaia di persone.

Da quando il primo ministro Giorgia Meloni si è insediato a ottobre, il governo italiano ha preso di mira le attività delle associazioni di soccorso in mare, accusandole di facilitare il lavoro dei trafficanti di esseri umani. Gli enti di beneficenza respingono queste accuse.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’Ispace giapponese tenta il primo sbarco privato sulla Luna: guarda dal vivo
Next Post Aumento del reddito del 120% per gli indiani che si recano all’estero per lavoro, come da WDR| Notizie dall’India