‘Death Knock’: i giornalisti afgani temono le nuove regole dei media dei talebani | Notizie talebane

Nonostante le promesse dei talebani di un media “libero e indipendente”, giornalisti e operatori dei media hanno subito arresti, abusi fisici e torture da quando il gruppo ha preso il controllo dell’Afghanistan sei settimane fa.

Ora una nuova serie di regolamenti sui media emessi all’inizio di questa settimana dai talebani sta facendo preoccupare i giornalisti e gli operatori per i diritti umani che il gruppo si stia muovendo verso la censura dei media, facendo rivivere i ricordi del suo governo oppressivo negli anni ’90.

Le 11 direttive includono un requisito secondo cui: “I media prepareranno rapporti dettagliati in coordinamento con il Government Information and Information Center (GMIC)”, che è attualmente guidato da Muhammad Yusuf Ahmadi, ex portavoce del gruppo durante i 20 anni di insurrezione. contro l’occupazione americana.

I media hanno affrontato sfide sotto le precedenti amministrazioni afgane, inclusa quella dell’ex presidente Ashraf Ghani, che è stato spesso criticato per la sua mancanza di trasparenza e atteggiamenti ostili nei confronti dei media.

Nonostante queste difficoltà, l’Afghanistan ha avuto il vantaggio di avere una maggiore libertà di stampa Valutazione Da Turchia, Pakistan, Iran, India, Tagikistan, Uzbekistan e Turkmenistan.

Ma da quando hanno preso il potere, i giornalisti trovano sempre più difficile lavorare sotto il cosiddetto “Emirato islamico” dei talebani.

Corni talebani

Sami Mahdi, un noto giornalista televisivo che ha recentemente pubblicato un Rapporto Sullo stato dei media sotto il dominio dei talebani, afferma che il gruppo ha inviato segnali molto chiari sul suo atteggiamento nei confronti dei media da quando ha preso il potere il 15 agosto.

“Dal giorno in cui i talebani hanno preso Kabul, i media hanno subito molte pressioni e violenze da parte dei talebani… solo per aver svolto il loro lavoro quotidiano”, ha detto Mahdi, riferendosi ai recenti rapporti di violenza e intimidazione contro la copertura di manifestazioni e il rilascio di interviste. . Lavoratori a giornata.

Al-Mahdi ha affermato che questa dipendenza dalla forza e dall’aggressione “invia un messaggio chiaro ai media, che dovrebbero diventare i portavoce dei talebani”, se vogliono sopravvivere.

I giornalisti afgani Nematullah Naqdi (a sinistra) e Taqi Dariabi mostrano le loro ferite nel loro ufficio a Kabul dopo essere stati liberati dalla custodia dei talebani [File: Wakil Kohsar/AFP]

più di 150 I media hanno già chiuso i battenti per paura di un aumento delle intimidazioni talebane e della mancanza di fondi da quando i governi internazionali hanno tagliato gli aiuti all’Afghanistan a seguito della caduta di Kabul.

READ  Sua suocera annuncia la sua gravidanza al matrimonio di suo figlio | Sua suocera annuncia di essere incinta al matrimonio di suo figlio prima che la sposa condivida la sua gravidanza

Per i giornalisti afgani, le nuove linee guida sono il primo segnale diretto che i talebani stanno cercando di imbavagliare i media un tempo fiorenti del paese.

Shirin, una giornalista che è fuggita in Europa dopo aver sperimentato l’ostilità diretta dei talebani, afferma che le basi sono un altro esempio della leadership del gruppo che dice una cosa e le sue forze sul terreno ne fanno un’altra.

“Fanno queste belle dichiarazioni fiorite, ma poi i loro uomini agiscono con violenza fisica e abusi”, ha detto Shireen, che ha richiesto uno pseudonimo per paura di rappresaglie da parte della sua famiglia che è ancora in Afghanistan.

Il 17 agosto, due giorni dopo aver assunto il potere, ora il vice ministro dell’informazione e della cultura, Zabihullah Mujahid, ha dichiarato: “I media privati ​​possono continuare a essere liberi e indipendenti e possono continuare le loro attività”.

Otto giorni dopo, sono iniziate le notizie secondo cui una squadra di notizie – un giornalista e cameraman di TOLO TV, la più grande emittente privata del paese – era stata picchiata e i loro telefoni e macchine fotografiche erano stati confiscati dai talebani armati.

Di particolare interesse per i professionisti dei media è la formulazione vaga e vaga degli 11 punti.

Sia Sherine che Mahdi hanno fatto riferimento alla prima regola secondo cui “storie contrarie all’Islam” non dovrebbero essere pubblicate o trasmesse. Sebbene i precedenti governi afghani avessero regolamentazioni simili nelle loro leggi sui media, la rigida interpretazione dell’Islam da parte dei talebani lascia i giornalisti con domande e preoccupazioni.

Mahdi dice: “Ciò che è contrario all’Islam e ciò che non lo è è oggetto di grandi controversie”.

Nessun rispetto per i comuni cittadini

Si teme che la poca chiarezza dei talebani sugli 11 punti possa essere sfruttata per lanciare una rete larga quando il gruppo vuole dare la caccia ai media. “Questo lascia molto spazio all’interpretazione personale. Lo useranno per limitare la libertà di espressione”, ha detto Mehdi.

Shireen, che lavora principalmente come operatore video e fotoreporter, è preoccupata per l’impatto di questi criteri sulla sua capacità di scegliere le sue fonti, in particolare le donne. Anche sotto il governo precedente, le donne sono spesso criticate per qualcosa di semplice come i loro vestiti, ma ora si chiede se i continui riferimenti dei talebani all’abbigliamento femminile influenzeranno chi viene ascoltato e visto.

READ  Il vaccino Sputnik V russo, il terzo vaccino indiano, arriva a Hyderabad
Le donne afghane acquistano abiti in un mercato locale a Kabul [Felipe Dana/AP Photo]

“Se faccio una foto o un video a una donna che non indossa ciò che i talebani considerano appropriato e islamico, la sua intera opinione è colpevole, posso comunque pubblicare i suoi pensieri?”

Sherine è stata anche infastidita da uno dei regolamenti che affermava che i giornalisti “non dovrebbero insultare le figure nazionali”.

Come qualcuno che ha assistito in prima persona agli abusi dei talebani sulle persone per le strade di Kabul, Shirin afferma che questa direttiva mostra la “chiara disconnessione” che i talebani hanno creato nella società afgana. Le persone che non si rispettano vengono picchiate e maltrattate per le strade. che ne pensi di loro? Chi sono?” chiese lei.

Ha detto che questa regola, quando combinata con le loro azioni nei confronti del pubblico in generale, chiarisce che “mancano di rispetto ai cittadini comuni” e che “possono essere abusati e ridicolizzati” mentre figure di spicco, inclusa la leadership talebana, devono avere un livello aggiuntivo di dignità e rispetto.

Le fonti che hanno parlato con Al Jazeera hanno anche sottolineato il fatto che gli stessi talebani avevano già intrapreso quello che potrebbe essere considerato un comportamento umiliante.

Il mese scorso, un comandante talebano ha ricevuto una condanna diffusa online dopo essere andato in diretta e aver descritto i residenti del Panjshir, la provincia come la sede dell’unica resistenza armata del paese contro il dominio dei talebani, “infedeli. “

Allo stesso modo, il gruppo è stato accusato di aver distorto i corridoi destinati agli ex leader mujaheddin Ahmad Shah Massoud e Abdul Haq a Kabul. Tutti questi casi sono stati visti come segni di mancanza di rispetto da molte persone in Afghanistan, che sembrava in conflitto con gli stessi regimi dei talebani.

Al-Mahdi è stato anche infastidito dai due regolamenti finali, che indicano che i media “preparano rapporti dettagliati” in coordinamento con il Centro per i media e l’informazione del governo e che l’autorità “ha progettato un modello specifico per facilitare la preparazione dei media e dei servizi giornalistici”. nel rispetto della normativa”.

In passato, il GMIC è stato utilizzato principalmente come hub strategico in cui i portavoce del governo potevano partecipare alle conferenze stampa e, in misura minore, come punto di smistamento per l’interazione del governo con i media.

READ  Qualità dell'aria: nuovi standard Oms, ormai quasi tutta l'India è inquinata

Perché i media dovrebbero preparare rapporti dettagliati in coordinamento con un’agenzia governativa? Al Mahdi, che ha ospitato alcuni degli spettacoli di chat e dibattiti più visti nel paese, ha detto.

Teme che tutta questa dipendenza dal GMIC sarà usata “come un mezzo molto, molto ovvio per censurare e influenzare i contenuti dei media”.

Interviste con funzionari talebani da parte di giornalisti all’interno dell’aeroporto internazionale Hamid Karzai dopo il ritiro degli Stati Uniti [Kathy Gannon/AP Photo]

Un altro giornalista afghano, ora in Turchia, è d’accordo con la valutazione del Mahdi, affermando che le nuove regole rendono “assolutamente chiaro che i talebani vogliono che i media diffondano solo la loro propaganda”.

Ha detto che i regolamenti probabilmente impedirebbero a qualsiasi giornalista rimasto nel paese di coprire questioni politiche per paura di far arrabbiare i talebani. In effetti, i giornalisti hanno lamentato che i loro viaggi attraverso il paese ora devono ottenere l’approvazione dei talebani, che spesso accompagnano i giornalisti nei loro viaggi per la stampa con il pretesto della sicurezza.

Un ex funzionario del governo, ora in Europa, ha affermato che i nuovi standard gli ricordano “il tipo di restrizioni che impongono in Iran. Ora è chiaro che i talebani vogliono questo tipo di sistema in Afghanistan”.

Stephen Butler, coordinatore del programma Asia del CPJ, afferma di essere anche profondamente preoccupato per le implicazioni della cooperazione dei giornalisti con il governo talebano come parte del loro lavoro, e anche se altri elementi sono sgraditi ma potenzialmente oggetto di discussione. A spiegazioni più permissive, ciò sembra “improbabile”.

I punti relativi al coordinamento con il governo guidato dai talebani, incluso un modulo di garanzia della conformità, “suggeriscono che il governo si aspetta che i giornalisti producano notizie in coordinamento con i talebani”, ha affermato Butler.

“Queste normative sono così ampie e complete che è improbabile che i media sappiano cosa è permesso, e quindi diranno molto poco – questo è il punto”, ha affermato Patricia Gusman, direttore associato per l’Asia di Human Rights Watch.

“Queste regole suoneranno effettivamente la campana a morto per i media afghani”.

Per Shireen, le nuove restrizioni, insieme alle storie dei suoi colleghi ancora nel paese, hanno solo rafforzato la sua decisione di rimanere in Europa.

“È diventato chiaro che non è realistico per me tornare a lavorare in questo tipo di situazione”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Gli orsi firmano un contratto di acquisto per la proprietà di Arlington Park
Next Post Il nuovo mondo non sta arrivando per console, almeno non ancora