Dave Chappelle risponde alla polemica Netflix nel Post Instagram

Dave Chappelle ha risposto alla controversia sul suo film stand-up Netflix “The Closer” – che è stato criticato per promuovere il fanatismo transgender – pubblicando Cinque minuti di video Lunedì su Instagram ha negato di essere stato invitato a parlare con lo staff transgender del servizio di streaming e ha rifiutato.

“Non è vero”, ha detto nel video catturato durante il fine settimana a Nashville. Se mi avessero invitato, avrei accettato. Anche se sono confuso su ciò di cui parleremo. Ho detto quello che hai detto, ragazzo, ho sentito quello che hai detto. Oh mio Dio come posso non farlo? Hai detto di volere un ambiente di lavoro Netflix sicuro. Sembra che io sia l’unico che non può più andare in ufficio”.

La controversia sullo speciale di Mr. Chappelle ha messo Netflix al centro di una conversazione che coinvolge transfobia, libertà di parola e attivismo dei dipendenti. La scorsa settimana, un gruppo di dipendenti di Netflix a Los Angeles ha organizzato uno sciopero. Alcuni dipendenti che stanno effettivamente lavorando stanno spegnendo i loro laptop in segno di solidarietà.

Ore prima della protesta, Netflix ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di aver compreso il “profondo danno che è stato fatto” e di aver riconosciuto che “abbiamo molto lavoro da fare all’interno di Netflix e nei nostri contenuti”.

Nel suo video, il signor Chappelle si è rivolto alla comunità transgender, dicendo: “Sono più che disposto a darti un pubblico ma non mi chiamerai. Non cedo alle richieste di nessuno”.

Il signor Chappelle ha detto che ha tre condizioni per ogni incontro: i partecipanti devono guardare “The Closer” per intero, scegliere l’ora e il luogo e “Devi ammettere che Hannah Gadsby non è divertente”.

READ  Il trailer arriva prima della data di uscita del 22 ottobre

La signora Gadsby, la comica i cui programmi hanno avuto successo su Netflix, questo mese ha criticato il co-CEO di Netflix Ted Sarandos per la sua difesa di Chappelle. Il sig. Sarandos aveva invocato la sig.ra Gadsby in una dichiarazione difendendo il diritto del sig. Chappelle all’espressione artistica.

Il signor Chappelle ha anche affermato che un documentario che racconta una serie di spettacoli di improvvisazione che ha ospitato durante l’estate del 2020 da un campo di grano vicino a casa sua a Yellow Springs, Ohio, non è stato in grado di distribuire a causa della controversia su “The Closer”. Diretto da Stephen Bognar e Julia Reichert, il film è stato presentato in anteprima mondiale al Tribeca Film Festival a giugno, per la riapertura del Radio City Music Hall.

Il signor Chappelle ha detto che pubblicherà lui stesso il documentario in 10 città degli Stati Uniti entro il prossimo mese. (Dieci date in diverse città sono elencate nel post di Instagram.)

“Devi rispondere alla domanda, sono abolito o no?” Lo ha detto prima di alzare il microfono e scendere dal palco.

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Marte ed elicotteri della NASA in tour – Programma di esplorazione di Marte della NASA
Next Post L’Italia paga ai proprietari di casa il 110% dei costi di protezione ambientale delle loro case