Daniel Maldini: Tale nonno, tale padre, tale figlio

Il nome Maldini era sinonimo di Milan e si è scritto un nuovo capitolo nella ricca storia della famiglia con i colossi italiani. Daniel Maldini, figlio di Paolo Maldini, ha segnato la sua prima partenza per il club di suo padre e suo nonno.

Continua la striscia di Maldini

Il 19enne, diplomato al settore giovanile del club, è il secondogenito di Paolo e gioca come trequartista. “L’allenatore mi ha detto ieri (venerdì) che sarei partito titolare, mi ha mostrato cosa stavamo facendo sui calci piazzati, quindi sapevo che sarei stato titolare”, ha detto Daniel a DAZN.

La formazione funzionerà sui calci piazzati, con Maldini che apre le marcature con un potente colpo di testa contro lo Spezia al 2′ della ripresa. Le telecamere hanno ripreso suo padre che festeggiava emotivamente dopo il gol.

È esigente, giustamente, disse il piccolo Maldini, “ma mi aiuta”. “lui è mio padre.” Paulo è attualmente l’allenatore del Milan e Daniel è entrato a far parte della squadra giovanile del club subito dopo il ritiro del padre.

È con il club dal 2010, facendo due presenze per ciascuna delle squadre italiane U-18 e U19. Prima di questa partita, Daniel stava lentamente progredendo attraverso le sostituzioni nel gioco fino al suo primo inizio venerdì.

READ  Il SUV Alfa Romeo Tonali 2022 guida il lancio del nuovo modello del marchio italiano in vista della rivoluzione delle auto elettriche e delle auto sportive GTV - Automotive News

Storia della Coppa

Maldini e il Milan sono una partnership in corso dal 1954. Cesar Maldini ha iniziato la sua carriera con il club italiano Triestina prima di passare. Una volta a Milano, ha portato la squadra a quattro titoli di Serie A e una Coppa dei Campioni una volta nei suoi 12 anni al club.

Internazionale, Cesar ha giocato 14 presenze con l’Italia e ha fatto parte della squadra ai Mondiali del 1962. Ha guidato sia il club che il paese.

Dopo il ritiro nel 1967, Cesare ha allenato due volte Milan, Foggia e Parma. Ma il suo successo come manager è stato molto più internazionale. Cesar è stato tre volte vincitore del Campionato Europeo Under 21 come allenatore dell’Italia Under 21. Ha poi allenato la squadra maschile italiana senior ai Mondiali 1998 e poi la squadra paraguaiana WC durante l’evento 2002.

Fino ad allora sentivo che il grande record di Maldini era intoccabile, ma poi è arrivato Paolo.

Il più grande Maldini

25 anni in un club. Uno dei più grandi difensori e giocatori di tutti i tempi. Fa parte di diverse grandi squadre milanesi che hanno preso il controllo dell’Europa. Il curriculum di Il Capitano si è costruito sul lavoro che suo padre ha svolto nel club e ha temperato la pretesa della loro famiglia a livelli vertiginosi.

Paulo ha iniziato la sua carriera al Milan come terzino destro diciassettenne, ma presto è passato alla fascia sinistra perché il suo piede sinistro era considerato migliore. La sua prima vera svolta è arrivata nella stagione 1987-88, dove ha fatto parte dell’iconico display difensivo del Milan durante la stagione, subendo solo 14 gol in tutta la stagione. Le prestazioni costanti in campionato gli sono valse un posto nella squadra italiana ed è stato un giocatore regolare fino al suo ritiro internazionale nel 2003.

READ  Maruti Suzuki Swift trasformata in "Lamborghini" da un meccanico di Assam

Maldini ha fatto parte di tre iconiche squadre milanesi. Gli Immortals, guidati da Arrigo Sacchi, sono meglio conosciuti per sette scudetti consecutivi e per il trio olandese di Marco van Basten, Frank Rijkaard e Ruud Gullit. Maldini faceva allora parte della rosa degli Invincibili Milan. Sotto Fabio Capello, questa squadra di Milano non ha perso 58 partite su un solo punto e ha vinto tre titoli consecutivi sotto l’ex allenatore dell’Inghilterra.

L’ultima grande squadra di cui Maldini ha fatto parte è stata quando Carlo Ancelotti, che faceva parte degli Immortali, ha iniziato ad allenare il Milan. Nella stagione 2003-04, il Milan ha continuato a sollevare nuovamente la Champions League. La vittoria è stata più dolce per Paulo perché è arrivata esattamente 40 anni dopo che suo padre ha vinto la Coppa dei Campioni. Le glorie europee di Cesar e Paulo furono attestate anche in Inghilterra. Sono diventati solo il terzo duo padre-figlio a vincere il maggior numero di titoli in Europa.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La tecnologia delle batterie a stato solido utilizza un anodo interamente in silicio che potrebbe rendere i futuri veicoli elettrici più economici
Next Post Coronavirus: rilevati in California 53 casi della nuova variante R.1. Ecco cosa devi sapere sul ceppo mutante COVID