Dall’Italia – combattere la quarta ondata di COVID-19

Nel febbraio 2020 con i primi casi di Covid-19 in Italia, funzionari della sanità pubblica, virologi ed epidemiologi hanno iniziato a parlare di ‘Lock-Down’. L’idea è stata accolta con stupore e timore reverenziale. Stava davvero suggerendo che un intero paese smettesse di funzionare? Che le persone non lasciano le loro case? Che fabbriche, negozi e ristoranti chiudono?

Ma con l’impennata dei tassi di mortalità, è diventato presto chiaro che un rigoroso blocco nazionale era inevitabile. All’inizio di marzo 2020, tutte le attività commerciali sono cessate, le scuole e le altre istituzioni educative sono state chiuse e alle persone è stato chiesto di non uscire di casa se non per attività essenziali come l’acquisto di cibo e scopi medici. Fu un periodo strano e indimenticabile. Il bilancio delle vittime ha raggiunto il picco di quasi 1.000 al giorno e l’esercito ha dovuto essere mobilitato per affrontare i corpi. Il sistema sanitario, considerato tra i migliori al mondo, è vicino al collasso.

La chiusura è riuscita. I casi sono diminuiti drasticamente man mano che sono aumentati. Sembra che i sacrifici ne siano valsi la pena. Ci fu un sospiro di sollievo collettivo. Le restrizioni iniziarono ad allentarsi e con l’arrivo dell’estate le cose tornarono alla normalità.

Tuttavia, dopo l’estate, i casi hanno ricominciato a salire, raggiungendo i 40.000 al giorno a metà novembre, con il bilancio delle vittime che si avvicina nuovamente alle 1.000 al giorno. Natale e Capodanno 2020 hanno visto nuove restrizioni che hanno trasformato questa tradizionale vacanza in famiglia in un affare miserabile. E il virus non è ancora finito. C’è stata la terza ondata nella primavera del 2021 con un picco di 25.000 casi e 500 decessi al giorno.

Ma a quel punto, le vaccinazioni stavano scorrendo, prima per gli anziani e i gruppi vulnerabili, ma poi gradualmente per gli altri. Con l’arrivo di settembre 2021, c’era di nuovo una parvenza di normalità. Le scuole sono riaperte, la vita sociale è ripresa e l’industria del turismo, così importante per l’economia italiana, mostra segnali di ripresa. Ma i problemi sono in agguato.

Il virus ha continuato a diffondersi tra i sette milioni di persone che si sono rifiutate di vaccinarsi. e tra i bambini più piccoli – di età inferiore ai 12 anni – che non sono coperti dal programma di vaccinazione. Si diffonde anche tra gli impollinatori; Forse perché il vaccino ha perso la sua efficacia dopo qualche tempo, o è stato meno efficace contro le nuove varianti. Qualunque siano le ragioni, i nuovi contagi stanno ricominciando a salire, passando da circa 2.000 a metà ottobre a quasi 13.000 in sei settimane. Attualmente, la percentuale di coloro che necessitano di ricovero e terapia intensiva è ancora bassa, ma anche questa è in aumento.

READ  Il braccio indiano di Piaggio ha aperto il primo stabilimento per veicoli elettrici a Chennai

La risposta del governo finora è stata quella di incoraggiare coloro che sono già stati vaccinati a fare una dose di richiamo dopo due vaccinazioni iniziali e di estendere il programma di vaccinazione per i bambini dai 5 ai 12 anni. Inoltre, pone maggiori restrizioni a coloro che non sono stati vaccinati con un Green Pass, un certificato rilasciato solo a coloro che sono stati vaccinati, hanno avuto il Covid negli ultimi sei mesi o hanno avuto un test di flusso laterale nelle ultime 48 ore. Green Pass è ora obbligatorio per chi lavora negli esercizi pubblici e privati, per utilizzare i mezzi pubblici, per mangiare al chiuso in ristoranti e bar, per andare a teatri, cinema e mostre.

Queste misure saranno sufficienti per contenere la diffusione della malattia? Difficile fare previsioni soprattutto ora con la nuova versione di Omicron in arrivo in Italia. Paziente Zero, ingegnere che lavora per il colosso petrolifero Eni in Mozambico, è entrato in Italia a metà novembre e ha viaggiato per più di una settimana prima di essere diagnosticato.

Ci sono anche altre nuvole nere che si addensano a livello sociale, politico ed economico. Ci sono state proteste forti e talvolta violente in molte città contro le restrizioni del governo che sono state paragonate a quelle imposte dai nazisti alla popolazione ebraica. Stanno succedendo anche altre cose strane. In alcune parti d’Italia, i giovani organizzano feste Covid: si raccolgono attorno a una persona con diagnosi di Covid per infettarsi, e quindi beneficiare di un Green Pass.

I partiti populisti, uno dei quali fa parte del governo, continuano a cavalcare l’onda della paura e del risentimento. E se sono necessarie ulteriori restrizioni, non è affatto chiaro che l’attuale governo sopravviverà. E se tutto ciò non bastasse, c’è il timore incombente di un’altra recessione economica e – vista l’enorme quantità di denaro che è stata immessa nell’economia nell’ultimo anno – di un rapido aumento dell’inflazione.

Sembra che l’inverno 2021-22 non sarà facile.

READ  Il rapporto ha rilevato che il PIL dell'America Latina è legato alla Francia, che è più grande dell'Italia

Inserito in The Express Tribune, 4 dicembreNS, 2021.

Piace Opinione e modifica su Facebook, seguire su Tweet incorporato Su Twitter per ricevere tutti gli aggiornamenti su tutti i nostri articoli quotidiani.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Guarda: la futura sposa Vicky Kaushal vestita da Kunal Rawal al suo matrimonio con Katrina Kaif?
Next Post Basket maschile del Marquette College vs Wisconsin Badgers: annunci in diretta