Dalle aziende tecnologiche ai giganti delle telecomunicazioni, questi settori si sono impegnati a combattere il cambiamento climatico

Con l’obiettivo di mitigare i cambiamenti climatici e frenare il forte aumento delle temperature globali, numerosi settori si sono impegnati a ridurre le emissioni di carbonio nel prossimo decennio.

Secondo un precedente rapporto della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCC), 15 settori dell’economia globale hanno spostato la comunicazione sui cambiamenti climatici con il 20% delle più grandi aziende per fatturato in ciascun settore, in linea con gli obiettivi del settore fissati per 2030.

All’inizio del 2021, i leader climatici di alto livello delle Nazioni Unite hanno invitato vari settori a partecipare alle “Svolta del 2030”, chiedendo loro di impegnarsi a compiere progressi nella lotta ai cambiamenti climatici. Da allora, le parti interessate di tutti i settori si sono preparate per un cambiamento sistemico.

Settori impegnati a cambiare

Circa il 21% delle principali utility globali per fatturato del settore, come la multinazionale francese Engie e la multinazionale italiana della distribuzione di elettricità Enel SpA, hanno aderito alla corsa per ridurre le emissioni di carbonio entro il 2050.

Il rapporto dell’UNFCCC afferma che il 39% dei principali produttori di veicoli pesanti, tra cui Ford, Volvo, BMW e Nissan, si è impegnato a raggiungere lo zero vendite entro il 2040. Allo stesso modo, il 24% dei principali produttori di autobus si è impegnato in termini di entrate totali , inclusa la General Motors per raggiungere il 100% di vendite di autobus a emissioni zero entro il 2030.

Inoltre, il 28% dei principali fornitori di cibo in tutto il mondo si è impegnato a creare catene di approvvigionamento prive di deforestazione come parte dei loro sforzi per fermare la conversione della terra. Le aziende si sono inoltre impegnate ad adottare pratiche di agricoltura rinnovabile e ripristino del territorio entro il 2030.

Nel settore della moda, il 49% delle principali aziende di moda, tra cui Burberry e H&M, ha aderito alla corsa alle emissioni zero.

Tra i maggiori colossi tecnologici, Apple, Microsoft e Google guidano il gruppo delle grandi aziende ICT che si sono impegnate ad intraprendere azioni per il clima.

READ  Associazione Del Ristorante. In evidenza 5 stelle nascenti

“Il cambiamento climatico minaccia di sconvolgere quasi ogni parte dell’economia globale ed è fondamentale che i leader aziendali di ogni settore agiscano e si uniscano alla lotta”, l’imprenditore e filantropo statunitense Michael R. Bloomberg, che è anche l’ambasciatore globale delle Nazioni Unite Race Zero ha raccontato Campagne e sudore per resistere.

Impegno tecnico

Nel 2015, 13 delle più grandi società statunitensi, tra cui Microsoft, Apple, Google, Bank of America e Walmart, hanno impegnato 140 miliardi di dollari in sforzi per ridurre le emissioni di carbonio nell’ambito dello US Business Act sul Climate Pledge.

Tra le aziende tecnologiche, Amazon punta a raggiungere lo zero netto entro il 2040. Entro il 2025, il gigante tecnologico prevede di gestire le sue operazioni utilizzando il 100% di energia rinnovabile. Facebook ha fissato un obiettivo per il 2030 per ottenere emissioni nette zero per l’intera catena di approvvigionamento.

Microsoft, guidata da Satya Nadella nel 2020, ha affermato che diventerà carbon negative entro il 2030, mentre il produttore di iPhone Apple mira a diventare carbon neutral in tutta la sua catena di approvvigionamento entro il 2030.

Google si è inoltre impegnata a gestire le sue operazioni utilizzando il 100% di energia a emissioni zero entro il 2030.

“La scienza è chiara, abbiamo tempo fino al 2030 per tracciare un percorso sostenibile per il nostro pianeta o affrontare le peggiori conseguenze del cambiamento climatico”, ha affermato l’anno scorso Sundar Pichai, CEO di Google, dal The Guardian.

Per mantenere i propri impegni, Apple e i suoi partner stanno costruendo nuovi progetti di energia rinnovabile in tutto il mondo, mentre Google ha creato un fondo per l’innovazione climatica da 1 miliardo di dollari per sviluppare tecnologie di elaborazione del carbonio.

READ  EOS IM e Capital Dynamics Secure Project Financing da ING e UniCredit per uno dei più grandi progetti solari non sovvenzionati in Italia, con la garanzia green di SACE

realtà terrestre

Un recente rapporto del New Climate Institute senza scopo di lucro afferma che i piani climatici dei giganti della tecnologia non sono così aggressivi come sembrano, assegnando agli impegni climatici di Amazon e Google una valutazione di “bassa integrità”, riporta The Verge.

L’organizzazione no profit ha valutato 25 delle più grandi aziende del mondo, compresi i giganti della tecnologia, e ha affermato che molte aziende si concentrano sulla compensazione delle emissioni attraverso metodi inaffidabili piuttosto che fissare obiettivi specifici di prevenzione dell’inquinamento.

Il rapporto afferma che aziende come Nestlé, Unilever e CVS Health non hanno implementato piani trasparenti per ottenere emissioni nette zero.

Non tutto è male

Il rapporto afferma che tre delle 25 società intervistate dal New Climate Institute – Maersk, Vodafone e Deutsche Telekom – si sono impegnate a “decarbonizzare oltre il 90 percento delle emissioni dell’intera catena del valore”.

Tutte e tre le società hanno sede in Europa. Deutsche Telekom in Germania e Vodafone nel Regno Unito sono entrambi giganti delle telecomunicazioni, mentre Maersk è una società di logistica danese.

altri settori

L’aumento dell’adozione di veicoli elettrici sta aiutando il settore automobilistico a combattere in modo significativo il cambiamento climatico. Rispetto ai veicoli convenzionali (il motore a combustione interna), i veicoli elettrici hanno emissioni significativamente inferiori durante la loro vita.

Le banche in India sono scarsamente preparate

Nonostante il crescente clamore per l’azione per il clima, le banche in India non sono preparate ad affrontare i rischi derivanti dal riscaldamento globale, ha riferito Bloomberg, citando uno studio del gruppo di ricerca e consulenza locale Climate Risk Outlook.

Lo studio ha preso in esame 34 banche indiane, nessuna delle quali aveva un anno target a emissioni zero a lungo termine. A partire da ora, la più grande banca statale indiana dell’India ha solo un anno obiettivo a lungo termine a emissioni zero, mentre YES Bank Ltd e HDFC Bank hanno fissato obiettivi di emissioni di scopo 1 e 2, che coprono sia le emissioni dirette di gas serra che le emissioni indirette attraverso l’elettricità o energia acquistata.

READ  La necessità economica alla fine costringerà alla riforma dell'immigrazione
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Heardle, Wordle per la musica, gli utenti sono pronti a dare un nome a quella melodia
Next Post Il sindaco di New York ha parzialmente abrogato l’ordine di vaccinazione per gli atleti professionisti