Custode del lusso italiano: lussuria non amore

L’Italia è all’avanguardia nel settore altamente competitivo del lusso che ha dato i natali ai marchi e ai designer più prestigiosi di oggi e dei suoi contemporanei. Agli italiani viene attribuito il merito di aver plasmato, plasmato, promosso e quindi indotto ad acquistare i loro beni e servizi di lusso. La produzione e l’artigianato italiano sono rispettati tra i più alti standard nel settore moda / arredamento / servizi, e il marchio “Made in Italy” è un riferimento mondiale per qualità ed eccellenza.

lusso

Lusso per definizione, uguale a LUST, ha avuto origine dalle parole latine LUXURIA (eccesso), e LUXUS (ECCELLENTE), per diventare LUXURE in francese. In epoca elisabettiana, la nozione di lusso era associata alla fornicazione e veniva a significare opulenza o splendore.

Nei secoli precedenti, il lusso riguardava l’artigianato e il possesso di cose non prontamente disponibili per gli altri. Alcune di queste cose sono cambiate con l’aumento della produzione di massa, la globalizzazione del business e l’accesso globale a qualsiasi cosa.

Non tutto il lusso è uguale

Che cos’è esattamente il lusso e cosa rende i marchi di lusso italiani migliori di altri paesi e marchi in termini di idee, design, esecuzione, acquisto e utilizzo? È la qualità del materiale? il design? il prezzo? Disponibilità o scarsità del marchio?

inizialmente

Il concetto di lusso inizia con l’idea di esclusività, conoscenza e/o sensazione che non tutti avranno accesso al prodotto/esperienza venduta dal marchio. Da dove vengono queste idee? In genere parte da una prospettiva di qualità, comfort e stile e si evolve man mano che i consumatori di tutto il mondo cercano (e spesso raccolgono) beni identificati come lusso.

mix di eventi

Quello che è il lusso oggi è diverso da quello che era decenni fa. La ricerca ha identificato che la globalizzazione, Internet, la tecnologia digitale e le esperienze di vita hanno ampliato il concetto di qualità ed esclusività, attualmente definito da aspirazioni e stili di vita che sono cambiati nel corso dei decenni.

La ricerca ha anche scoperto che i consumatori di fascia alta del lusso acquistano marchi/prodotti/servizi per differenziarsi dagli altri; Tuttavia, gli acquisti di lusso contemporanei non sono necessariamente o interamente basati sul prezzo e il diritto di vantarsi potrebbe non concentrarsi sul denaro come “autonomo”. Quando ad alcuni acquirenti facoltosi è stato chiesto quali fossero le loro motivazioni per l’acquisto, non hanno pensato che le esperienze di viaggio più proficue fossero le più costose; La loro idea di viaggio di lusso includeva attributi/dimensioni oltre (o accanto) il prezzo. I marchi di hotel di lusso che si rivolgono al consumatore di lusso scoprono che i loro ospiti apprezzano la diversità, l’inclusione, la creatività e l’apertura – alla ricerca del senso dello scopo che il marchio supporta.

READ  Il Museo d'Arte di Beirut è ancora in fase di ricostruzione un anno dopo l'esplosione

Se stesso

Passaggio dalla soddisfazione esterna alla soddisfazione interna. I lavoratori ad alto reddito (HENRY – High Income Not Yet Rich) sono alla ricerca di esperienze che li aiutino a imparare, differenziarsi, esprimere la propria identità e avere uno scopo oltre le coccole e il comfort. Il lusso si sposta dal possesso o dai luoghi da visitare, a qualcosa di più su chi vogliono essere e/o diventare.

lusso. lusso. modo italiano

Le aziende italiane che progettano e producono beni di lusso sono in prima linea nel mondo. L’Italia è al quarto posto nel mercato dei beni di lusso per la persona, dopo Stati Uniti, Cina e Giappone. La milanese Altagamma (rapporto 2020) ha determinato che l’industria dei beni di lusso vale circa 115 miliardi di euro (130,3 miliardi di dollari USA). Il Made in Italy ha un valore del marchio di $ 2,110 miliardi (2019) secondo il rapporto annuale di Brand Finance, rendendo l’Italia il decimo marchio nazionale di maggior successo e redditizio al mondo per valore. In Italia, si stima che la sola industria della moda valga circa 20 miliardi di dollari e l’Italia è il leader mondiale nel settore della pelle (dal 1500) con il 65 percento della produzione europea di pelle e il 22 percento della produzione globale.

I produttori italiani che supportano i più grandi marchi di lusso italiani (come Gucci, Prada e Giorgio Armani) sono stati costretti a chiudere a causa della pandemia e gli ordini sono crollati a livello globale. Questa situazione è stata complicata dai ritardi nei pagamenti governativi per la sicurezza sociale e dai prestiti garantiti dal governo, che minacciano la produzione del 40% dei beni di lusso globali.

Non dovremmo essere sorpresi di apprendere che molti famosi marchi italiani non sono più controllati dagli italiani. Lo studio della regione Mediobanca indica che fino al 40 per cento dei principali marchi di moda italiani sono di proprietà di società estere. Delle 163 società con un fatturato annuo superiore a 100 milioni di dollari, 66 sono di proprietà straniera, 26 francesi, 6 britanniche, 6 americane e 6 svizzere.

Versace è stata venduta a Michael Kors, Gucci, Bottega Veneta e Pomellato appartenenti al gruppo francese Kering; Pucci, Fendi e Bulgari appartengono al gruppo francese LVMH; Giorgio Armani, Dolce & Gabbana, OVS, Benetton, Max Mara, Salvatore Ferragamo e Prada rimangono le aziende più redditizie ancora sotto la diretta proprietà italiana.

Etro ha recentemente venduto una quota del 60% al gruppo di private equity L Catterton controllato da LVMH e presto sarà presieduta dal nuovo CEO, Fabrizio Cardinali, attualmente chief operating officer di Dolce & Gabbana. La famiglia Etro è diventata azionista di minoranza e il futuro di questo marchio, noto per i suoi tessuti Paisley, è incerto. Alcuni marchi di lusso continuano a fare affidamento sulla Cina (esclusivamente) e questo potrebbe essere un errore.

READ  Il presidente dell'Italia afferma che il Paese può crescere del 6% nel 2021

Nel dicembre 2015, Fendi ha ampliato la sua gamma e ha aperto Private Suites, un hotel di 7 camere. Questo progetto fa parte di un processo evolutivo per questa famosa azienda nata come negozio di borse e pellicceria a Roma nel 1925 e ora fornisce abbigliamento per uomo, donna e bambino dalla testa ai piedi. Il marchio si ritrova anche sugli orologi, oltre che sulla linea Casa di complementi d’arredo e accessori per la casa.

Il Palazzo Versace nella Gold Coast australiana è stato presentato (2000) e promosso come “il primo hotel di marca di moda al mondo”. Questo potrebbe non essere realisticamente vero perché la famiglia Ferragamo (proprietà a Firenze, Roma e nella campagna toscana) è in attività da oltre 20 anni. L’Armani Hotel Dubai ha aperto nel 2010 nel Burj Khalifa, l’edificio più alto del pianeta. Nel 2011 Armani ha aperto una location a Milano che domina un intero condominio milanese. Bulgari ha aperto un hotel nel 2004 e l’azienda di gioielli italiana si è espansa a Londra e Bali, con l’intenzione di aprire proprietà a Shanghai, Pechino e Dubai. È interessante notare che l’espansione del marchio non ha sempre successo; Il Missoni Edimburgo e la Maison Moschino a Milano hanno aperto nel 2009 e nel 2010 e hanno chiuso nel 2014 e 2015.

cosa dovrei fare

Il sistema economico italiano si basa sul 93-94 per cento delle piccole e medie imprese. Nel 2019, l’industria della moda italiana è stata valutata all’1,3% del PIL nazionale e la crescita è stata nonostante le altre sfide economiche del paese. La maggiore promozione internazionale dell’Italia come destinazione turistica e centro della produzione di lusso contribuirà a guidare l’economia poiché i prodotti “Made in Italy” rappresentano il 60% della spesa turistica totale.

I marchi di moda italiani stanno cercando di espandere i mercati, promuovendo marchi come “globali” in Asia, Stati Uniti ed Europa. I marchi a conduzione familiare e ancora indipendenti cercano investitori per competere e crescere. Consapevoli del valore duraturo del design e della produzione italiana, gli investitori di private equity sono alla ricerca di nuove opportunità. È probabile che i clienti specifici della domanda si riprendano più rapidamente del benessere generale perché una spesa più elevata richiede un aggiustamento psicologico.

L’ottimizzazione digitale è un’altra opportunità per i marchi che cercano di sopravvivere e crescere, ma non è un processo di pace/dunk poiché i marchi di lusso dovranno rinunciare alle loro garanzie, zone di comfort e modello di business insieme alla loro mancanza di interesse per l’innovazione e un debole per torri d’avorio, giardini segreti e un modello di business focalizzato sugli uomini e un approccio rigoroso a coloro che hanno vinto premi in passato. Il percorso tecnologico ruota attorno alla necessità di multitasking, incoraggiare e promuovere diversi punti di vista, integrando il business online e offline.

READ  I pazienti disperati e non violenti del coronavirus stanno pagando $ 150 per cena e COVID

Lusso italiano diretto

Se sei una piccola e media impresa italiana e vuoi sfondare nel mercato USA, lo sportello unico è l’Italian Trade Agency (ITA) che lavora in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e dello Sviluppo Economico. Con sede a Roma, uno dei suoi numerosi ruoli è garantire investimenti diretti esteri in Italia e aumentare/promuovere la conoscenza delle aziende italiane e del loro ambiente normativo. L’agenzia è iniziata nel 1926 e potrebbe essere il più antico dipartimento governativo responsabile della promozione del commercio economico.

A volte gli imprenditori italiani ignorano il mercato statunitense perché è dominato da grandi marchi italiani e può essere difficile trovare partner di joint venture, quindi ITA facilita gli incontri sia virtuali che di persona. Recentemente, ITA, (in parte finanziato da un finanziamento del governo italiano), ha lanciato una piattaforma web nota come EXTRAITASTYLE (Extraordinary Italian Style) con l’obiettivo di aiutare gli imprenditori italiani a far crescere la loro presenza negli Stati Uniti.

ITA offre anche corsi di formazione per nuove aziende su piattaforme internazionali tra cui Amazon, Alibaba e WeChat. Inoltre, l’agenzia supporta la distribuzione attraverso i supermercati di prodotti che vanno dalla moda al cibo.

L’operazione a New York è gestita dal 2019 da Antonino Laspina. Quando l’ho incontrato di recente nel suo ufficio di Manhattan (circondato da splendidi mobili e infissi in pelle italiana), Laspina era chiaramente molto a suo agio nel rappresentare i prodotti italiani di lusso. Nato in Sicilia, si è laureato con lode in Scienze Politiche, Commercio Estero ed Export Management. Ha inoltre studiato diplomazia presso l’Associazione Italiana delle Organizzazioni Internazionali (SIOI). È entrato in Agenzia per il Commercio Estero nel 1981 ed è stato inviato in Asia, tra cui Seoul, Kuala Lumpur, Taipei e Pechino.

Nel 2007, Laspina è stata nominata uno dei “10 più grandi amici internazionali della moda cinese” dal Comitato Organizzatore della China Fashion Week. A questo eccezionale risultato seguì presto lo sviluppo della Fondazione Prospero Intorcita, di cui fu eletto presidente. L’istituzione è dedicata al gesuita siciliano che visse in Cina nel XVII secolo e tradusse per la prima volta in latino molte opere di Confucio. Nel 2008, Laspina è diventato membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università di Core, Enna, Italia

Dal 2015, Laspina si è concentrata sulla creazione di servizi on-demand per lo sviluppo del business internazionale, inclusi marketing e formazione. È membro del Young Leaders Group (Italy-US Council (1998).

Per ulteriori informazioni: Ghiaccioe extraitastyle.come italist.com/us.

Stampa amichevole, PDF ed e-mail
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Chris Wallace lascia Fox News, entrando a far parte del servizio di trasmissione CNN+
Next Post Il 700° passaggio TD di Tom Brady solleva 33-27 bug in OT