Cuba mostra un’alternativa al dominio della Big Pharma attraverso la Solidarietà Globale

In un’altra storia di successo proveniente da Cuba, il paese ha vaccinato più dell’85% dell’intera popolazione e un altro 7% ha ricevuto l’unica dose. Questo è più della maggior parte degli altri paesi sviluppati, compresi gli Stati Uniti. E questo nonostante l’embargo commerciale di sei decenni che gli Stati Uniti hanno imposto al piccolo paese in via di sviluppo.

A Cuba sono stati vaccinati anche i bambini di età inferiore ai cinque anni, mentre le principali aziende farmaceutiche di tutto il mondo stanno ancora sviluppando vaccini per questa fascia di età. La campagna di vaccinazione a Cuba coinvolge bambini nella fascia di età dai 2 ai 18 anni.

Mentre i paesi altamente sviluppati come quelli dell’Unione Europea, il Regno Unito e gli Stati Uniti sono riusciti a vaccinare completamente solo il 60-70% circa della loro popolazione.

Cuba è riuscita a vaccinare la sua gente con l’aiuto di vaccini prodotti localmente. È riuscita a sviluppare cinque vaccini locali, Abdallah, Soprana 02 e Soprana Plus sono stati approvati per l’uso nei vaccini. Altri due – Soberana 01 e Mambisa – sono ancora in sperimentazione clinica e non sono stati ancora approvati. quello Approfitta di questi vaccini Si basa sulla tradizionale tecnologia delle subunità proteiche, che lo rende facile da usare. Può essere conservato in frigorifero o anche a temperatura ambiente e utilizzato dai bambini.

al Finley Institute, Sperimentazione clinica di Soberana Plus Come dose di richiamo in corso con 35 volontari italiani che erano stati precedentemente vaccinati in Europa. Scienziati cubani stanno anche lavorando al primo prototipo di Soberana Plus come vaccino efficace contro la variante Omicron.

Vaccini e condivisione di tecnologie

Cuba non solo è riuscita a vaccinare la maggior parte della sua popolazione, compresi i bambini, ma ha anche iniziato a inviare questi vaccini ad altri paesi che li hanno accettati. Anche Venezuela, Vietnam, Iran, Nicaragua, Argentina e Messico hanno espresso interesse ad approvare i vaccini cubani. Recentemente, Messico Ha accettato di usare il vaccino cubano di Abdullah.

Questo nonostante le sanzioni commerciali e l’embargo che gli Stati Uniti hanno imposto a Cuba dagli anni ’60. Queste sanzioni hanno reso Cuba finanziariamente e politicamente debole poiché solo pochi alleati e paesi sostenitori hanno concluso accordi con Cuba. Gli ultimi sviluppiDurante la sua presidenza Trump ha firmato più di duecento direttive che attaccano l’economia cubana. Negli ultimi 29 anni, dal 1992, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato ogni anno una risoluzione che chiede la fine dell’embargo economico statunitense nei confronti di Cuba. Gli Stati Uniti e Israele hanno costantemente votato contro.

Come ho già detto OxfamLe sanzioni imposte dagli Stati Uniti non solo hanno paralizzato l’economia cubana e colpito le persone, ma anche le materie prime necessarie per sviluppare vaccini e diagnostica. Finora solo pochi paesi hanno approvato il vaccino cubano, sebbene i ricercatori abbiano indicato un’efficacia del 90% di questi vaccini.

Cuba non solo ha fornito a questi paesi i vaccini per la somministrazione immediata, ma ha anche fornito loro la tecnologia per produrre questi vaccini nelle loro regioni. I vaccini sono prodotti dal Center for Genetic Engineering and Biotechnology o CIGB (Abdullah) e dal Finlay Institute (Soberana 02), due istituti di ricerca consolidati e gestiti dal governo. E mentre Venezuela e Vietnam hanno già iniziato a somministrare vaccini cubani, Siria Ha anche tenuto colloqui con funzionari cubani per rafforzare la cooperazione nel campo della salute. A marzo Cuba ha inviato 100.000 dosi di vaccino Soberana 02 all’Iran, ed entrambi Iran e Nigeria Hanno deciso di collaborare con lo stato per sviluppare vaccini locali.

READ  I grovigli legali di Amazon sono un avvertimento per altri investitori in India

Il trasferimento tecnologico end-to-end significa che il paese che acquisisce quella tecnologia può creare una fabbrica locale e replicare la produzione del vaccino dall’inizio alla fine. Questo aiuta a costruire la capacità manifatturiera del paese ricevente.

Ciò è in netto contrasto con le grandi aziende farmaceutiche, che hanno sede nei paesi sviluppati, che si sono rifiutate di condividere le conoscenze tecniche. La maggior parte dei paesi ricchi e sviluppati si è anche opposta alla proposta TRIPS Waiver, che chiede la non applicazione dei brevetti su importanti medicinali, vaccini e prodotti medici durante i periodi di crisi pandemica. Anche dopo 15 mesi, la proposta è ancora in fase di negoziazione, con paesi europei e grandi gruppi di lobby della droga che la bloccano.

Sostenere altri paesi: un modello durante la pandemia e in altri momenti

La riuscita campagna di vaccinazione di Cuba si basa su un’avanzata industria biofarmaceutica di proprietà statale. Soddisfa abilmente le esigenze domestiche di medicinali e prodotti medici, rendendolo accessibile e raggiungendo tutte le fasce della popolazione. Questo sostiene il forte sistema di salute pubblica che Cuba ha costruito negli anni per la gente.

Cuba è anche emersa come una delle principali fonti di prodotti biofarmaceutici in tutto il mondo e fornisce supporto medico ai paesi bisognosi. Cuba è stata un modello nella risposta alla crisi del COVID-19, non solo a livello locale ma anche per altri paesi.

Nel 2020, con la diffusione della pandemia di COVID-19, mentre il mondo era nel panico e i paesi adottavano politiche di autoconservazione, Cuba ha inviato squadre di medici in altri paesi. Aiuta le persone a combattere la diffusione del virus Corona. Squadre di medici sono state inviate nelle regioni italiane Lombardia e Piemonte nei primi giorni della pandemia nel 2020. Nel marzo 2020 squadre sono state inviate anche ad Andorra, un piccolo paese stretto tra Francia e Spagna, alle prese con una salute al collasso sistema. .

Nel marzo 2020, la cittadina relativamente piccola di Crema in Lombardia, in Italia, stava affrontando una crisi sanitaria tra casi in aumento e strutture sanitarie sovraffollate. secondo Rapporto dettagliatoIl sindaco Stefania Bonaldi ha allertato le autorità nazionali e internazionali per chiedere aiuto. Presto arrivarono a Crema 52 operatori sanitari cubani.

Bonaldi ha raccontato che il loro “senso di umanità ci ha lasciato stanchi” e hanno mostrato “uno speciale senso e preoccupazione che caratterizza il loro modo di guardare il mondo”. Crema ha sperimentato un sistema strutturato di assistenza porta a porta, dove “il rapporto tra i medici ei loro pazienti è molto più stretto”. Il rapporto spiega come il sistema sanitario italiano sia controllato su base regionale, con ciascuna regione ragionevolmente indipendente nel suo processo decisionale. La Lombardia, che negli ultimi dieci anni ha investito nella privatizzazione dell’assistenza sanitaria, ora ha meno ospedali pubblici.

Non è la prima volta che Cuba assume un ruolo guida nella risposta alle crisi sanitarie e umanitarie in tutto il mondo. se quello Terremoti in Indonesia e Pakistan, focolai di colera ad Haiti o l’epidemia di Ebola in Africa occidentale, Cuba era lì per aiutare le persone e i governi. Gli operatori sanitari cubani hanno prestato servizio in vari paesi, tra cui Guatemala, Etiopia, Timor orientale, Ghana, Brasile e Tanzania.

Il modello cubano mostra chiaramente l’importanza di costruire un sistema sanitario pubblico forte e di sviluppare l’industria biofarmaceutica e gli istituti di ricerca nel settore pubblico. Il modello cubano fornisce un quadro alternativo: mettere le persone al di sopra dei profitti. Al contrario, nonostante le richieste globali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e di altri, Big Pharma, con il supporto dei governi dei paesi ricchi, ha dato la priorità al monopolio sui brevetti e sul profitto. “Penso che questo dovrebbe portarci a pensare al fatto che l’assistenza sanitaria dovrebbe essere pubblica, almeno per la maggior parte”, ha scritto il sindaco di Crema dopo l’esperienza di lavoro con i cubani durante la pandemia.

READ  Come funziona l'inflazione - politica estera
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Ramesh Babu, il fratello maggiore di Mahesh Babu, è morto, ha confermato la famiglia in una nota
Next Post Zack e Bates hanno superato Hubble e Donohue per il titolo statunitense