Crisi dell’Eurozona: controversia sui finanziamenti Covid per istigare Italia e Grecia contro l’Unione Europea | Il mondo | notizia

I residenti in Grecia e Italia potrebbero trovarsi in contrasto con altri membri della zona euro per il fondo di recupero del coronavirus da 652 miliardi di sterline dell’Unione europea. Il massiccio pacchetto di sussidi è stato concordato solo lo scorso anno Uno dei vertici più estenuanti degli ultimi decenni. Tuttavia, l’esperto politico europeo Grant Amiot ha avvertito le persone di non rivoltarsi contro Bruxelles se il piano di salvataggio senza precedenti non fosse riuscito a salvare le industrie e le regioni colpite dall’epidemia.

Un professore di scienze politiche alla Queen’s University in Ontario ha detto a Express.co.uk che l’Unione Europea ha imparato dall’era dell’austerità che ha segnato la risposta del blocco alla crisi finanziaria del 2008.

Tuttavia, l’accademico ritiene che la risposta dell’UE alla recessione del coronavirus potrebbe portare a simili ostilità e disaccordi in tutto il blocco.

Ha detto a Express.co.uk:[The EU] Almeno hanno imparato abbastanza che non lo faranno [austerity] Questa volta in qualche modo davvero crudele.

“Il fatto che le misure di austerità siano state completamente arretrate ha fatto precipitare questi paesi in un’ulteriore recessione.

Just in: “Vorrei tornare nel Regno Unito” Andrew Neal si apre sui problemi degli espatriati intrappolati in Francia

“Senza risolvere affatto i loro problemi di debito, come se fossero stati inondati anche dai più tradizionali economisti tedeschi. Che spingeva per misure di austerità dure”.

Invece, professore Amyot ritiene che la recente crisi dell’Eurozona sarà diversa dalla precedente.

Ha detto a Express.co.uk: “Le misure non saranno abbastanza efficaci, né saranno abbastanza forti.

“La gente incolperà l’Unione europea”.

Ma il piano Potrebbe subire ritardi perché 10 paesi non hanno ancora ratificato la legislazione richiesta.

Germania, Estonia, Austria, Polonia, Ungheria, Finlandia, Romania, Irlanda, Lituania e Paesi Bassi non hanno ancora completato il processo.

Il commissario per il bilancio dell’Unione europea Johannes Hahn ha avvertito: “Le nostre strutture saranno pronte entro giugno e in teoria possiamo iniziare a prendere in prestito dopo, ma dipende dalla rapidità con cui gli Stati membri completano il processo di ratifica”.

“Non abbiamo tempo da perdere”, ha aggiunto.

READ  Carlo Ratti Asociatti e Italo Rotta sperimentano l'economia circolare all'Expo 2020 Dubai Italian Pavilion
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il matrimonio in “Bachelor in Heaven” Adam Gottschalk e Raven Gates “finalmente è avvenuto”
Next Post Calcio: l’obiettivo record di Musiala avvicina il Bayer al titolo