“Cowboy Bebop” è un adattamento stonato che cattura il colore jazz ma non lo spirito dell’originale

Mantieni le tue aspettative sugli adattamenti degli eventi dal vivo delle proprietà di animazione nell’intervallo da moderato a basso e avrai meno probabilità di rimanere deluso dal risultato. Se ti va, potresti essere paziente con lui e cercare di capire cosa stai cercando di fare.

Tali benedizioni non sono disponibili quando la mediocrità è in abbondanza. Ce l’abbiamo. Cercare di battere i tentativi di buona volontà falliti di onorare una leggenda è più facile. Se sei appassionato del materiale originale, questo potrebbe essere giustificato. Tuttavia, se all’inizio ti aspetti poco o anche peggio, qualcosa di meglio di quell’aspettativa è un piccolo regalo. È come entrare in un armadio aspettandosi che sia pieno di escrementi di topo e tirando fuori invece una manciata di gelatine.

Fagioli di gelatina aromatizzati alla liquirizia, ma fermi. Per alcuni, questo è descritto vagamente come caramelle.

È così che sospetto che molte persone riceveranno una versione live di Netflix di “Cowboy Bebop”. Non è eccezionale, ma è meglio degli sbalorditivi fallimenti del passato, come il moribondo tentativo di adattare Death Note che, come l’adattamento teatrale di “Ghost in the Shell”, mette un cast bianco nel ruolo che avrebbe dovuto finire per un Attore asiatico.

CORRELATO: Problema di rabbia maschile di Cowboy Bebop

A questo proposito, il nuovo “Cowboy Bebop” è già qualche punto avanti, in quanto assume John Cho, amante del mondo, per interpretare il simpatico cacciatore di taglie Spike Spiegel, con Mustafa Shakir (“Luke Cage”) come suo rude e fedele partner Jet Black. e il loro capitano della nave e Daniela Pineda come Faye. Valentine, una mina vagante amnesica che portano a bordo della nave.

Spike, Jet e Fay sono “cowboy” come sono conosciuti i cacciatori di taglie nell’anno 2071, quando l’umanità prosciugò la Terra della sua permanenza e colonizzò i pianeti vicini del sistema solare. La vita è molto a buon mercato e costosa in questo prossimo futuro, e qualunque ricompensa ottengano non sarà sufficiente per comprare carburante e pasta.

Dei tre, solo Jett è aperto sul suo passato di detective la cui carriera è stata rovinata da un altro poliziotto corrotto. Non si rende conto che Spike ha qualcosa a che fare con uno spietato sindacato criminale con l’impressione che l’abbia fatto tanto tempo fa. Quando arriva la notizia che la presunta morte di Spike non è avvenuta, la sua nemesi Vicious (Alex Hassell) si imbarca in una brutale caccia all’uomo per finire il lavoro.

Indipendentemente dal resto dei suoi difetti, “Cowboy Bebop” ha reclutato gli indizi giusti. Shaker cattura il mix di carro armato e orsacchiotti di Jet da cucire, interpretando il lato paterno del personaggio con una mancanza di naturalezza nella maggior parte della produzione.

READ  Brian Danielson debutta sul ring contro Kenny Omega, Robbie Soho sfida il Dr. Brett Baker

Pineda è abituata all’interpretazione di Faye di Pineda, anche se traduce i capricci e gli sbalzi d’umore nella sua incarnazione animata più grande della vita il più spesso possibile. (Gli oggetti di scena principali appartengono anche alla sezione dei costumi per dare a Fei un vestito sexy e Il mio lavoro, e che Pineda non deve aver paura di cadere.)

John Cho, Mustafa Shakir e Daniela Pineda in “Cowboy Bebop” (Jeffrey Short/Netflix)

Ma Cho è quello che porta più peso, e rende giustizia a Spike in gran parte bilanciando il calore ottimista e la consegna sfrenata per creare una storia d’amore pronta all’azione. Il suo picco è accessibile e la giusta dose di vanità e apprende il mistero di base di quest’uomo che cerca di annullare la sua precedente infatuazione per una cantante lounge di nome Julia (Elena Satine), la causa della sua caduta.

Se il successo di “Cowboy Bebop” risiedesse principalmente nelle prestazioni delle sue star, scommetto che ci sarebbero meno recensioni negative.

Ma è solo un elemento dell’intricato mix di immagini, la frenetica colonna sonora jazz di Yoko Kano, le accattivanti icone western e le influenze che rendono l’anime del 1998 un genere a sé stante che è allo stesso tempo di grande impatto e difficile da ricreare.

Nell’originale, il regista Shinichirō Watanabe costruisce un mondo complesso e plausibile attorno alla nuova canzone noir di Spike e dei suoi compagni cacciatori di taglie ancora inebrianti. L’ambientazione relativamente prossima al futuro spiega i collage del sistema solare di modelli futuristici e antichi intrecciati con fili, lamine e detriti.

Mescolando una varietà di stili artistici—principalmente anni ’40, balletto occidentale, balletto in stile John Woo, epopee spaziali con jazz, rock e una salsa di cinema sfruttatore spazzato via dall’alto—Watanabe ha fuso l’avventura aggraziata con una tragica storia d’amore. commedia e disagio esistenziale.

Il suo futuro immaginario è di forte disuguaglianza, ripetendo la visione dominante della cultura popolare del ventesimo secolo. Ma è anche inondato di colore e creatività, dove le divisioni sono confuse e il genere e la sessualità sono meravigliosamente fluidi e bizzarri.

Combinando tutto questo, “Cowboy Bebop” non è solo un tributo ai moderni stili cinematografici o musicali nelle sue 26 “sessioni”, in cui descrive i suoi episodi. Il suo lavoro si è concentrato sul dare vita a una sensazione che non poteva essere completamente nominata, qualcosa tra lo stupore e la profonda tristezza che incarna cosa vuol dire fluttuare nell’ignoto e accettare ciò che viene.

READ  Sangeeta Bijlani ricrea la magia di Tridev con Jackie Shroff in Super Dancer 4

Lo showrunner André Nemec tenta di installare tutte queste parti insieme a una sceneggiatura che segue vagamente un percorso simile all’animazione originale, ma non ricrea mai veramente l’aura emotiva che la circonda. Allo stesso modo, è evidente la cura che è stata posta per approssimare il dettaglio visivo tangibile, sebbene sia anche dolorosamente chiaro che il budget non può soddisfare le piene ambizioni di produzione.

Questo è un modo più carino per dire che alcune scene sembrano più economiche di quanto il pubblico potrebbe aspettarsi. Questo è meno peccato delle pesanti scene di combattimento che, ancora una volta, si potrebbe dire sono progettate meticolosamente ma mancano di raffinatezza e velocità.

I personaggi animati hanno abilità fisiche che gli umani non possono imitare, e nell’originale Spike combattono con una fluidità che fonde lo stile di Bruce Lee con il flusso del jazz improvvisato. Cho, per quello che vale, mette a segno i suoi pugni e calci nel miglior modo possibile, ma interpreta un personaggio con abilità sovrumane. In un’epoca in cui i film di “John Wick” stabiliscono lo standard per tali scontri, ciò che vediamo qui non soddisfa del tutto quel limite. È un peccato che le scene d’azione non siano state modificate o organizzate meglio.

Altri errori grossolani possono essere evitati del tutto, come l’enorme presa in giro di Hassell e la furia oltraggiosa che guida la sua esibizione. La sua controparte mobile non è mai stata ingenua; Ciò che rende Vicious grande per Spike è lo spirito gelido dietro il suo sorriso aristocratico. Il cattivo di Hassel si coccola rumorosamente sotto una parrucca bianca e filamentosa. La guida avrebbe potuto fare di meglio invece di lasciarlo intensificare.

Abbastanza sicuro, Hassell dovrebbe essere libero di interpretare il suo ruolo come lui e il suo manager ritengono opportuno. Ma se il pubblico compra la versione in inchiostro del suo personaggio più dell’incarnazione in carne e ossa, questo è un problema.

Questo è, in sostanza, il gioco impossibile a cui si sono abbonati i creatori di “Cowboy Bebop”. Dovrebbero creare un successo 3D con l’animazione 2D con uno spirito fatto di nostalgia. I fan si aspettano che lo facciano rendendolo abbastanza originale mentre incanalano correttamente l’atmosfera originale.

Pertanto, gli scrittori potrebbero ricreare la sequenza dei crediti di Mondrian Meets Warhol ed essere comunque penalizzati per averlo fatto. Possono creare una trama che si discosta da quella dell’anime e la gente si lamenterà che non è abbastanza fedele. Così gli sceneggiatori e i registi hanno girato il centro, incorporando fotogrammi e sequenze di rievocazione. Il primo episodio, infatti, è una ri-creazione direttamente dall’apertura della serie del 1998, con qualche imbottitura.

READ  La star di Outlander Caitriona Balfe rivela la nascita di un bambino

L’adozione di questa strategia è comprensibile, poiché è un modo semplice per ricordare al pubblico che questo nuovo sforzo respira la stessa atmosfera e occupa una linea temporale simile all’opera originale. Ma ci sono saluti e sfruttamento della prostituzione, e alcuni di quegli ascensori diretti sono collocati all’interno della trama nel modo più disordinato che puoi immaginare.

Tuttavia, espansioni del personaggio come Ana di Tamara Tunie aggiungono scintilla e profondità, promuovendola da proprietaria di un minimarket a proprietaria di un jazz club che funge anche da centro sociale della malavita criminale. (Ciò consente anche a un altro personaggio di essere reimmaginato in modo più vivido come il regista non binario di Anna, interpretato da Mason Alexander Park.)

Altri aspetti di OG “Bebop” rimarranno probabilmente un’animazione che avrebbe potuto essere incorporata nell’azione dal vivo. Il bizzarro “pezzo grosso”, essenzialmente il futuro cowboy più ricercato d’America, è una versione esilarante e stravagante di un universo che crolla completamente quando due attori si fanno strada attraverso il dialogo.

Nemec se ne rende conto, in parte, riferendosi solo a un personaggio centrale dell’anime che è essenzialmente un fugace pasticcio di squittii e stranezze infantili. Questo è un modo efficace per ottenere entrambi i modi, sia riconoscendo l’esistenza di questo personaggio altamente cartoonesco senza danneggiare il pubblico attraverso un essere umano vivente. Persino . . . Importante.

Se la principale preoccupazione dei fan riguardo a “Cowboy Bebop” è che scrittori, registi e designer non lo capiscano, mettilo da parte. Il caso è l’opposto: scrittori, registi e produttori si aggrappano troppo strettamente alla fonte per consentire alle loro interpretazioni creative di attecchire ed espandersi a sufficienza.

La mia passione per “Cowboy Bebop” mi ha fatto sperare, per usare un eufemismo, che mi sarebbe piaciuto questo adattamento; La saggezza che ho acquisito dall’esperienza precedente mi ha reso grato di non aver preso alla leggera ciò che stavo vedendo. Da qualche parte tra affetto e delusione c’è la volontà di impegnarsi per aiutare l’esito contagioso di Kano. Gli sbalzi di dance jazz da soli sono sufficienti per convincere i fanatici irriducibili a superare la sua ricerca di 10 episodi, così com’è.

“Cowboy Bebop” debutta il 19 novembre su Netflix. Guarda il trailer della serie qui sotto tramite Youtube.

Altre storie come questa:

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post SARS-CoV-2 può annidarsi nei buchi nascosti negli animali
Next Post L’Austria annuncia il mandato per il vaccino contro il Covid, superando la soglia per l’Europa